Vaccinazioni Zanzibar: quali sono obbligatorie e quali consigliate


Zanzibar, la perla della Tanzania: paesaggi esotici, spiagge bianchissime e la coloratissima cultura swahili sono solo alcune tra le attrattive di questo arcipelago, che conta le isole principali di Unguja e Pemba insieme ad altre quaranta isolette più piccole. Vero punto di contatto tra il mondo africano e quello orientale, Zanzibar è la meta ideale per una vacanza tropicale in qualsiasi periodo dell’anno, con temperature che non scendono mai sotto i 20 °C e raramente superano di molto i 30 °C.

vaccinazioni zanzibar

Un simile clima è perfetto per gli amanti del mare, ma insieme a una notevole umidità rende Zanzibar un paradiso anche per gli insetti: ecco perché, prima di partire, è bene sapere quali sono le vaccinazioni obbligatorie e quali quelle consigliate per evitare brutte sorprese durante il proprio soggiorno.

Che cosa serve per visitare Zanzibar

Per visitare Zanzibar serve prima di tutto il passaporto, ma è necessario anche avere il visto. I visti possono essere di sei tipi diversi:

  • visto ordinario

  • visto per lavoro

  • visto di ingresso multiplo

  • vistro di transito

  • visto gratuito (riservato a studenti e ricercatori)

  • visto per studenti

Il visto ordinario, di gran lunga il più richiesto, ha una validità che non supera i 90 giorni e la sua richiesta deve comprendere i seguenti elementi:

  • Passaporto valido del richiedente

  • Compilazione del modulo di dichiarazione

  • Costo del visto di 50 dollari

I vaccini obbligatori per Zanzibar

Per prima cosa, va subito detto che di norma non ci sono vaccinazioni obbligatorie per chi si reca a Zanzibar: l’unica eccezione è quella per la febbre gialla, ma questo vale solo se nell’anno precedente la propria vacanza in Tanzania si è stati in paesi dell’Africa o dell’America Latina in cui questa malattia è endemica.

In particolare, la febbre gialla è presente in 34 paesi dell’Africa Sub-Sahariana e in 13 paesi dell’America Latina. Il vaccino fornisce un'immunità efficace entro 10 giorni per oltre il 90% delle persone vaccinate e dura tutta la vita, senza necessità di richiamo.

Zanzibar e la malaria

Per quanto riguarda la malaria, malattia (come la febbre gialla) trasmessa dalle zanzare e assai presente nei paesi tropicali, a Zanzibar la relativa profilassi non è più obbligatoria, il che non significa che si può partire senza porsi il problema.

Infatti a Zanzibar, per quanto la possibilità di contrarla sia molto bassa, la malaria è presente. I rischi maggiori si verificano quando si visita il Paese nella stagione delle grandi piogge, ovvero tra fine marzo e maggio e a novembre. Le zone della costa sono le più sicure, quindi il rischio è quasi inesistente se si rimane nelle aree degli hotel e dei resort in prossimità della spiagge.

Più pericoloso, ai fini della possibilità di contrarre la malaria, è il safari in Tanzania che spesso fa parte dei pacchetti vacanze, pensato per chi vuole abbinare alla vacanza al mare anche un’esperienza a tu per tu con la fauna e i paesaggi dell’Africa continentale.

Visto che la profilassi malarica non è del tutto priva di controindicazioni – spesso è mal tollerata dall’organismo – la cosa migliore è consultarsi con il proprio medico di famiglia e insieme a lui, in base al periodo in cui si visiterà Zanzibar e alle zone che si pensa di visitare, decidere che cos’è meglio fare, anche in relazione alla tipologia di viaggiatore.

Quali altri vaccinazioni sono consigliate

Chi si reca a Zanzibar o nel resto della Tanzania e vuole essere del tutto al sicuro può optare anche per alcune vaccinazioni aggiuntive, soprattutto se ha intenzione di visitare zone al di fuori dai classici percorsi turistici. In particolare, sono raccomandati i vaccini contro:

  • tifo

  • colera

  • tetano

  • rabbia

  • epatite di tipo A e B

Va ricordato anche che l’AIDS si è diffuso molto largamente in Tanzania e oggi, dopo la malaria, è la seconda causa di morte, per cui è assolutamente necessario utilizzare una prevenzione completa in caso di rapporti sessuali.

Cosa non deve mancare tra i medicinali

È fondamentale arrivare a Zanzibar, così come in qualsiasi altra meta tropicale, con una borsa dei medicinali ben fornita, anche soltanto per evitare di essere letteralmente assaliti dalle zanzare nei momenti più difficili, ad esempio al tramonto. Va ricordato che il sistema sanitario di Zanzibar non è particolarmente efficiente, e che le uniche strutture ospedaliere e mediche davvero affidabili si trovano soltanto nella capitale, quindi arrivare ben attrezzati è sicuramente preferibile che cercare in loco quello che può servire. In particolare, bisogna portare con sé:

repellenti per insetti tropicali (meglio in versione stick, visto che in questo modo si evitano di irrorare cibi e bevande e ci si assicura di proteggere tutta la parte su cui si passa il repellente)

  • crema solare
  • medicinali per l’intestino e i problemi di stomaco
  • antipiretico
  • cerotti e garze
  • antinfiammatori comuni
  • disinfettanti

Attenzione anche a come ci si veste: per evitare le punture degli insetti, che come abbiamo visto di norma sono solo fastidiose ma possono comportare anche altri pericoli, è necessario utilizzare soprattutto di sera e durante le escursioni all’interno del Paese maniche e pantaloni lunghi.

Le assicurazioni sanitarie

Scegliere un’assicurazione viaggio adeguata con copertura sanitaria è il modo migliore per rimediare a qualsiasi inconveniente riguardante non solo le malattie, ma anche gli infortuni o gli incidenti mentre si è all’estero. Oggi le assicurazioni consentono di personalizzare il pacchetto di garanzie in base alle proprie esigenze, in modo da pagare solo per quello che si richiede senza coperture inutili.

È bene scegliere un’assicurazione viaggio con tanto di assistenza sanitaria dotata di supporto per la lingua italiana, perché sovente non è facile chiarire la natura del proprio infortunio ed è necessario essere il più possibile precisi per ricevere il supporto adeguato. Inoltre, è necessario che il servizio clienti sia contattabile 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.

Altre situazioni in cui l’assicurazione di viaggio può rivelarsi un alleato molto prezioso sono:

  • la perdita di un volo o di una coincidenza

  • lo smarrimento dei bagagli

  • il furto dei bagagli o del proprio denaro

  • la necessità di un rientro anticipato

Utenze e servizi autunno 2020: 10 consigli per risparmiare da subito

Il mese di settembre, come da tradizione, è il momento giusto per ripartire. Dopo le difficoltà del lockdown e il periodo estivo, si guarda al futuro con il back to school ed il back to work che, quest'anno, saranno sicuramente diversi dal solito. Con l'inizio dell'autunno c'è anche l'occasione per dare un netto taglio alle spese periodiche. Ecco i 10 consigli per risparmiare in autunno raccolti da SOStariffe.it.

Assicurazione sanitaria privata: come funziona e a cosa serve

L’Italia è uno Stato caratterizzato da un Sistema Sanitario Nazionale, che eroga le prestazioni mediche ai cittadini e il cui buon funzionamento è stato dimostrato ampiamente durante l’emergenza sanitaria da covid-19, ma non tutti i Paesi dispongono di un sistema sanitario simile al nostro: ecco perché, specialmente quando si viaggia, si dovrebbe considerare un’assicurazione sanitaria privata. Scopriamo insieme come funziona e quali sono le sue caratteristiche.

Assicurazione per grandine: come limitare i danni dovuti al maltempo

Le grandinate violente che provocano danni a case e auto sono sempre più frequenti anche in Italia. Per poter proteggere i vostri beni da questi venti atmosferici straordinari sarà necessario scegliere un'assicurazione casa e auto adeguata, ecco una guida per scegliere le migliori polizze
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »