Quanto ci vuole per attivare l'assicurazione auto o moto?

Quando si decide di stipulare un contratto assicurativo che si ritiene corrispondente alle proprie esigenze, bisogna rispettare i tempi che la compagnia assicurativa sancisce: l'attivazione dell'RC, infatti, può prevedere tempi differenti da compagnia a compagnia.

Stipulare una polizza RC auto o RC moto tramite compagnia assicurativa tradizionale, intermediario assicurativo (broker) oppure impresa assicurativa online richiede tempistiche diverse. In generale la stipula di un contratto RC avviene mediante sottoscrizione della polizza, pagamento del premio e rilascio da parte dell'assicurazione dei relativi documenti.

Se la conclusione del contratto avviene in modo diretto, presso un'agenzia assicurativa tradizionale, nella maggior parte dei casi il rilascio del tagliando avviene contestualmente alla sottoscrizione dei moduli assicurativi (e previo pagamento del premio).

Qualora vi foste invece rivolti a un broker autorizzato (in tal caso, prima di sottoscrivere alcunché, è meglio accertarsi che l'intermediario sia autorizzato a operare nel mercato italiano presso l'IVASS) i tempi potrebbero essere più lunghi (di solito 3/4 giorni) in quanto una volta stipulata la polizza questa deve essere portata in agenzia dove saranno preparati i documenti assicurativi.

Aprire una polizza online

Confrontando diversi preventivi RC auto online, troverete offerte vantaggiose per assicurare la vostra auto o la vostra moto e potrete stipulare la polizza comodamente da casa. Oltre a ottenere sconti fino al 40% sul premio assicurativo, è infatti possibile aprire in breve tempo e gestire la propria polizza tramite il sito internet della compagnia.

Sul sito internet della compagnia prescelta basta compilare il modulo elettronico inserendo i propri dati e quelli del veicolo, infine, sottoscriverlo con firma digitale. Trattasi di "contratto a distanza", attenzione, quindi, a inserire i dati corretti in quanto eventuali errori potrebbero comportare un ricalcolo del premio o il recesso dal contratto.

Il pagamento del premio potrà avvenire in un'unica soluzione tramite bonifico bancario o carta di credito e la quietanza ricevuta via email o visualizzata e stampata dal sito equivale al buon fine del pagamento. La compagnia a tal punto invierà tramite email o fax un documento provvisorio di circolazione valido 5 giorni, ed entro lo stesso termine farà pervenire al vostro indirizzo a mezzo posta il contrassegno originale, il certificato assicurativo, il contratto e la carta verde.

N.B.: La compagnia assicurativa è obbligata a rilasciare tempestivamente la quietanza di pagamento del premio ed è buona norma esibirla sul veicolo onde evitare eventuali sanzioni nell'attesa di ricevere i documenti originali. In caso di ritardo, è bene sollecitare la compagnia telefonicamente o tramite il modulo di assistenza presente sul sito web.

La maggior parte delle compagnie assicurative online al termine del procedimento di stipula della polizza rilasciano un apposito documento, chiamato "copertura urgente", che rappresenta il pagamento del premio e vi permetterà di circolare da subito fino al termine sopra indicato.

Tempistiche di attivazione di una Polizza RC Auto o moto

Il tempo di attivazione dell’assicurazione auto o moto dipende da diversi fattori. La compagnia assicurativa con cui si è attivata la nuova polizza dovrà, infatti, completare tutta una serie di pratiche amministrative, a partire dal momento del pagamento del premio, per poter completare l’iter di attivazione. In linea di massima, ogni compagnia segue delle procedure interne specifiche che potranno avere un effetto differente sui tempi di attivazione dell’assicurazione auto o dell’assicurazione moto.

È importante, quindi, chiedersi in quanto tempo arriva l’assicurazione sia in caso di attivazione online che tramite i canali tradizionali. Dopo aver calcolato il preventivo ed effettuato il pagamento, infatti, sarà necessario verificare con attenzione i tempi di attivazione. Per chi ha scelto un’assicurazione moto o auto online, le tempistiche potrebbero ridursi di molto (così come il premio da pagare). La compagnia, infatti, invierà il contratto via e-mail con tutte le indicazioni da seguire per il completamento della procedura.

Da notare, inoltre, che il contraente che attiva un’assicurazione auto con decorrenza immediata (o comunque prossima alla data di sottoscrizione della polizza) potrà contare su di un canale preferenziale per poter iniziare a sfruttare rapidamente la propria copertura. In questi casi, infatti, la compagnia assicurativa invia al contraente un documento attestante l’avvenuta attivazione della polizza auto o moto. Tale documento chiarisce che sono in corso le procedure burocratiche necessarie all’attivazione della polizza.

In questi casi, la copertura assicurativa della polizza sarà attiva. In caso di controlli da parte delle Forze dell’Ordine o nel caso in cui il veicolo appena assicurato venga coinvolto in un sinistro stradale, quindi, non ci saranno irregolarità. Di fatto, per chi attiva una polizza auto online con decorrenza immediata c’è la possibilità di poter beneficiare, da subito, dei vantaggi della copertura assicurativa, circolando con il proprio veicolo liberamente e senza violare alcuna norma.

È importante, quindi, verificare le tempistiche di attivazione di un’assicurazione auto o moto, soprattutto in relazione alla data di decorrenza. Se la polizza non ha decorrenza immediata si dovrà attendere, con calma, l’espletamento delle pratiche amministrative necessarie. In caso di assicurazione auto con decorrenza immediata, invece, sarà la stessa compagnia a mettere a disposizione del cliente tutta la documentazione necessaria per utilizzare il veicolo appena assicurato rispettando il Codice della Strada.

Confronta le RC auto e risparmia Fai subito un preventivo

I fattori che influiscono sul premio assicurazione auto

Per scoprire il premio dell’assicurazione auto è necessario effettuare un preventivo rivolgendosi alla compagnia assicurativa con cui si vuole sottoscrivere la polizza. Per massimizzare il risparmio, invece, si potrà ricorrere al confronto online di preventivi per l’assicurazione auto che permetterà al contraente della polizza di scoprire la proposta più vantaggiosa per le proprie esigenze.

Per scoprire il costo dell’assicurazione auto è sempre necessario calcolare un preventivo. Il premio assicurativo dipende da svariati fattori ed è quasi impossibile che una compagnia proponga lo stesso premio per due automobilisti differenti (a meno che tutti i fattori in gioco non siano identici tra i due clienti). Per questo motivo è molto importante conoscere i fattori che influiscono sul premio assicurativo.

Il primo elemento da considerare per calcolare il premio di un’assicurazione auto è la classe di merito. Sulla base del sistema Bonus-Malus che regola il settore assicurativo, la compagnia calcolerà il preventivo considerando la classe di merito del veicolo da assicurare. Tale dato è indicato nell’Attestato di Rischio, un documento rilasciato prima della scadenza di una polizza dall’attuale compagnia assicurativa.

Il sistema della classe di merito prevede una suddivisione in 18 classi. La prima classe è quella a cui corrisponde un premio assicurativo ridotto mentre la 18° comporta un costo elevato per l’attivazione di una polizza. Ogni anno è previsto un aggiornamento della classe di merito. Dopo un anno senza incidenti con colpa si registrerà una “promozione” con la classe di merito che si ridurrà. Causando un incidente, invece, ci sarà una “retrocessione” con la classe di merito che aumenterà di due unità comportando un aumento del premio assicurativo.

Per i neopatentati è prevista l’assegnazione della quattordicesima classe. Da notare che sfruttando normative come la RC Familiare è possibile ridurre la classe di merito, ereditandone una più vantaggiosa da un altro veicolo assicurato da un membro del proprio nucleo familiare. Alcune compagnie propongono una classe di merito interna (non universale e quindi non riconosciuta da altre compagnie) per offrire sconti e agevolazioni ai conducenti più virtuosi.

Un altro fattore da considerare nel calcolo del premio assicurativo è la provincia di residenza del proprietario del veicolo (non del contraente della polizza). In alcune province italiane, in particolare al Sud Italia, per via dei maggiori rischi di sinistro, il costo medio di una polizza auto (a parità di tutti gli altri fattori) sarà più elevato. Il fattore geografico rappresenta un parametro davvero rilevante per determinare l’importo del premio assicurativo.

Tra i fattori da considerare c’è poi il modello da assicurare e il suo valore commerciale. In generale, infatti, la polizza auto di una supercar, a parità di tutti gli altri fattori in gioco, sarà più elevata di una polizza auto di una city car per via del differente valore commerciale del veicolo e anche dei differenti costi di riparazione in caso di sinistro stradale. Chi ha un’auto costosa dovrà, quindi, fare i conti con un premio più elevato.

A determinare l’importo effettivo del premio dell’assicurazione auto entra in gioco anche la clausola di guida. Una polizza con Guida Libera, infatti, presenterà un premio superiore rispetto a una con Guida Esperta Guida Esclusiva. La clausola Guida Libera permette a qualsiasi conducente con una patente valida di mettersi alla guida del veicolo assicurato.

Le clausole Guida Esperta e Guida Esclusiva, invece, limitano il numero di conducenti (fissando un limite minimo per l’età oppure limitando l’uso del veicolo ai conducenti con almeno 2-3 anni di esperienza di guida). Queste clausole permettono di ridurre il rischio sinistri limitando la guida del veicolo assicurato esclusivamente a conducenti esperti. Il premio sarà più basso, ma i neopatentati, ad esempio, non potranno guidare il veicolo assicurato.

Da tenere in considerazione, per la determinazione del premio assicurativo della polizza auto, ci sono anche le garanzie accessorie, attivabili in modo facoltativo dal contraente che può arricchire la polizza inserendo coperture aggiuntive da affiancare alla copertura RC, l’unica obbligatoria per poter circolare e sostare in strade pubbliche.

Il costo delle garanzie accessorie può essere, inoltre, fortemente collegato agli altri fattori indicati in precedenza. Ad esempio, la copertura Furto e Incendio potrebbe presentare un costo elevato se la provincia di residenza del proprietario del veicolo è colpita da frequenti furti di auto. In alcuni casi, inoltre, è possibile ottenere degli sconti sul premio assicurativo (RC + garanzie accessorie). Installando la scatola nera o un dispositivo di rilevamento satellitare della posizione, il costo dell’assicurazione sarà ridotto in quanto la compagnia si espone a rischi minori.

Come funziona l'assicurazione sospesa?

Alcune polizze auto e moto includono un’apposita clausola che consente di sospendere la validità della copertura assicurativa, posticipandone la scadenza. Queste polizze possono essere molto utili in tutti quei casi in cui si prevede di non utilizzare un veicolo per un lungo periodo di tempo (ad esempio per 1 o 2 mesi). Le assicurazioni auto e moto sospendibili presentano un sistema di funzionamento molto semplice (con piccole ma significative differenze in base alla compagnia).

Durante il periodo in cui l’assicurazione è sospesa e fino alla successiva riattivazione, il veicolo non è coperto da alcuna polizza assicurativa. Di conseguenza, la copertura RC non sarà attiva. Per non incorrere in sanzioni, quindi, il veicolo dovrà essere custodito in luogo privato e non potrà circolare o sostare in strade pubbliche o di pubblico accesso fino alla riattivazione della polizza.

Ecco alcuni elementi che, solitamente, caratterizzano le assicurazioni auto e moto sospendibili:

  • per sospendere la polizza e per riattivarla il contraente dovrà versare un certo contributo (solitamente di poche decine di euro),
  • per poter essere sospesa, la polizza dovrà avere una validità residua minima, in genere pari a 3 mesi,
  • per richiedere la sospensione è necessario essere in regola con i pagamenti (in caso di polizze con pagamento rateale bisognerà non aver saltato alcuna rata),
  • non è possibile richiedere la sospensione per le polizze temporanee (settimanali, mensili etc.) e per le polizze annuali che non prevedono tale opzione.

Per richiedere la sospensione di un’assicurazione auto è necessario contattare il Servizio Clienti della propria compagnia. Alcune compagnie assicurative, inoltre, consentono ai propri clienti di attivare la sospensione della copertura in autonomia, tramite l’area clienti del sito o l’app.

È importante sottolineare che ogni compagnia segue linee guida interne ben precise. Gli automobilisti e i motociclisti interessati ad attivare un’assicurazione auto sospendibile devono, quindi, valutare con molta attenzione la proposta della compagnia, andando a verificare, oltre ai costi, anche le caratteristiche della clausola contrattuale che consente di sospendere la polizza.

In questi casi, è buona norma prendersi tutto il tempo necessario per valutare con attenzione la questione e le caratteristiche di una polizza. Solo in questo modo si potranno evitare brutte sorprese quando si andrà a richiedere l’attivazione dell’opzione per sospendere la polizza.  

Quali sono le conseguenze se si circola con un'assicurazione auto scaduta?

Per poter circolare o sostare in strade pubbliche, un veicolo deve essere coperto da una regolare polizza RC (Responsabilità Civile). L’obbligo viene fissato dall’Articolo 193 del Codice della Strada. Eludere tale obbligo espone al rischio di pesanti sanzioni. Circolare o anche solo sostare in una strada pubblica con un veicolo non coperto da polizza RC (perché scaduta o sospesa) comporta, in caso di controlli, una sanzione che varia da 866 a 3.464 euro.

Da notare che è prevista la decurtazione di 5 punti sulla patente come sanzione accessoria. La sanzione è raddoppiata se il soggetto incorre nella stessa violazione per due volte nell’arco di 24 mesi. L’importo della sanzione può essere ridotto del 25% in caso di rinnovo della polizza entro 15 giorni dalla sanzione oppure in caso di demolizione del veicolo entro 30 giorni (previa autorizzazione dell’organo accertatore).

Da notare che nei 15 giorni successivi la scadenza dell’assicurazione è attivo il cosiddetto “periodo di tolleranza”. Durante questo periodo, la copertura assicurativa resterà attiva anche se la polizza è scaduta. Tale prolungamento è valido per la sola copertura RC (la tolleranza non vale per le garanzie accessorie) e solo in Italia.

In caso di incidente con colpa quando si è alla guida di un’auto senza assicurazione, la vittima verrà risarcita dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada che poi chiederà il rimborso al conducente del veicolo non assicurato. Tale conducente, non avendo il supporto dell’assicurazione, dovrà versare di tasca propria il risarcimento dovuto. Considerando che il veicolo che ha causato l’incidente è sprovvisto di copertura assicurativa, non sarà possibile procedere con l’indennizzo diretto.

Domande correlate