Regole sulla precedenza e sicurezza stradale: i segnali basilari

Molti sinistri sono causati dal mancato rispetto delle regole sulla precedenza. Perché? Le regole sulla precedenza sono le prime che si imparano a scuola guida ma con il passare degli anni la memoria può fare cilecca, o semplicemente può accadere che per una distrazione non cediate il passo.

Il "dare la precedenza" è indicato dal segnale corrispondente ad un triangolo rivoltato verso il basso, bianco al centro e rosso nel contorno. Dare la precedenza significa sostanzialmente rallentare (e talvolta fermarsi) ad un incrocio e controllare la sopravvenienza di altri veicoli da destra o da sinistra prima di ripartire. Il segnale corrispondente invece ad un rombo giallo al centro e bianco nel contorno, indica che si ha diritto di precedenza lungo tutta la strada fino ad indicazione contraria.

Nel caso foste invece in presenza del segnale di stop, ovvero di quel segnale stradale indicato da un ottagono rosso con la dicitura "stop", non basta il semplice rallentare, ma occorre fermarsi sulla linea d'arresto e dare al precedenza. Talvolta il segnale di stop può essere accompagnato dal segnale di svolta a destra o a sinistra: in tal caso ovviamente la manovra può essere effettuata soltanto dopo aver rispettato il segnale di stop.

Gran parte dei sinistri in Italia sono causati proprio dal mancato rispetto dei segnali di precedenza, e non di rado le assicurazioni sono costrette a risarcire i danni derivanti da questo tipo di incidenti. Attenzione però, perché qualora la colpa del sinistro fosse a voi addebitabile ciò avrebbe naturali conseguenze sul premio pagato per la RC auto e la vostra classe di merito lieviterebbe.

Domande correlate