Controllo punti patente: come controllare il saldo punti sulla patente


La patente a punti è stata introdotta nella normativa italiana a partire dal 2003, andando a rivoluzionare il sistema che regola la possibilità per gli automobilisti di poter mettersi alla guida di un veicolo. Il sistema della patente a punti è utilizzato anche in altri Paesi con meccanismi simili a quanto avviene in Italia.

assicurazione-auto-visual

Per gli automobilisti italiani, dall’oramai lontano 2003, è disponibile questo particolare sistema per gestire sia le sanzioni che la buona condotta alla guida.

Perché effettuare il controllo punti patente?

Con questo particolare meccanismo, è fondamentale poter effettuare, in qualsiasi momento, il controllo punti della patente. In questo modo, infatti, ogni automobilista ha la possibilità di verificare, in tempo reale, il quantitativo di punti a propria disposizione e le decurtazioni registrate in base alla propria condotta alla guida.

Tutti i titolari di una patente di guida hanno la possibilità di verificare il saldo dei punti sulla propria patente in pochi passaggi, senza dover avviare alcun iter burocratico e, soprattutto, senza costi. Conoscendo i punti disponibili sulla patente sarà possibile verificare in che modo le sanzioni hanno influito sul saldo totale e gli eventuali effetti positivi garantiti da una buona condotta di guida.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla patente a punti e come fare per controllare il saldo dei punti sulla patente di guida in pochi e semplici passaggi.

Le opzioni per controllare il saldo dei punti sulla patente

Gli automobilisti italiani hanno la possibilità di controllare, praticamente in tempo reale, il saldo dei punti sulla patente. Tale procedura è molto semplice ed è disponibile seguendo varie strade. A disposizione degli utenti, infatti, ci sono sia servizi online che telefonici per poter controllare il saldo dei punti in un preciso momento.

In particolare, per il controllo del saldo dei punti è possibile affidarsi a:

  • il Portale dell’Automobilista (disponibile all’indirizzo ilportaledellautomobilista.it)

  • l’app iPatente (scaricabile gratuitamente per smartphone e tablet Android, dal Google Play Store e da Huawei App Gallery, e per iPhone e iPad, dall’Apple App Store)

  • chiamando al numero 848 782 782 (attivo 24 ore su 24)

Gli automobilisti possono scegliere, di volta in volta, l’opzione migliore per verificare il saldo dei punti della patente. Di seguito andremo ad elencare tutte le caratteristiche e le modalità di funzionamento delle modalità a disposizione degli automobilisti per controllare quest’aspetto fondamentale della propria patente.

Il Portale dell’Automobilista

La prima soluzione a disposizione degli automobilisti per poter effettuare il controllo del saldo dei punti della patente è disponibile gratuitamente via web. Collegandosi al sito Il Portale dell’Automobilista (disponibile all’indirizzo ilportaledellautomobilista.it) sarà possibile accedere ad una sezione dedicata ai servizi online per gli automobilisti.

In tale sezione sono racchiusi diversi strumenti web che possono tornare molto utili a tutti i titolari di una patente di guida e ai proprietari di veicoli. Dal portale è possibile, ad esempio, controllare la presenza di una copertura assicurativa RC per un determinato veicolo, conoscendo semplicemente la targa, ricercare officine autorizzate per gli interventi di revisione e verificare la classe ambientale di un veicolo.

Per controllare il saldo dei punti della patente tramite Il Portale dell’Automobilista è necessario andare in Servizi Online, opzione situata nella parte alta della home page, e poi scegliere la voce Saldo punti patente. A questo punto, bisognerà scegliere l’opzione “Registrati per accedere al servizio Verifica saldo punti patente” per completare l’operazione.

La registrazione al sito è gratuita e molto semplice da completare. Completata la registrazione, sarà possibile, oltre a controllare i punti sulla patente, accedere ad una lunga serie di servizi web disponibili per gli automobilisti. Per il completamento di tale procedura è necessario inserire i dati personali ed un indirizzo e-mail a cui verrà inviato un messaggio di conferma (è necessario inserire un indirizzo a cui si può accedere).

Da notare, inoltre, che Il Portale dell’Automobilista supporta anche l’accesso con SPID. Chi ha già aderito al Sistema Pubblico di Identità Digitale, infatti, potrà utilizzare le credenziali d’accesso per autenticarsi al sito anche senza dover completare la normale procedura di registrazione. Per l’accesso sarà necessario utilizzare le credenziali SPID, seguendo le modalità d’accesso previste dal soggetto che si occupa della gestione dell’identità come, ad esempio, Poste Italiane.

Per il controllo del saldo dei punti della patente basterà cliccare sull’opzione Accedi al portale (dopo aver completato la registrazione oppure se si ha già lo SPID) e inserire i dati richiesti. Nella sezione Profilo e, in particolare, nella sotto sezione Modifica dati, bisognerà inserire i dati della propria patente per completare la configurazione dell’account.

Effettuati anche questi passaggi, sarà possibile procedere con la verifica del saldo punti della patente, tramite l’apposita sezione presente sul sito. Dopo aver configurato correttamente il proprio account, basterà accedere alla sezione Servizi Online e poi scegliere Saldo Punti Patente per controllare il saldo dei punti disponibili (dopo aver effettuato l’autenticazione).

App iPatente

L’applicazione iPatente è l’estensione mobile del sito web Il Portale dell’Automobilista. In linea di massima, l’applicazione è pensata per consentire a tutti gli utenti di poter accedere ai servizi del portale anche dal proprio smartphone o tablet, con un’interfaccia ottimizzata per i comandi touch.

IPatente è scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet Android, collegandosi al Google Play Store oppure all’App Gallery di Huawei. In alternativa, l’applicazione potrà essere scaricata su iPhone e iPad grazie all’Apple App Store. Il download è sempre gratuito e l’app è priva di inserzioni pubblicitarie.

Da notare che iPatente non funziona sui dispositivi meno recenti. L’app, infatti, è disponibile:

  • sui dispositivi Android con versione 4.4 o successive

  • sui dispositivi iOS con versione 10.0 o successive

Il Portale dell’Automobilista, invece, è accessibile direttamente via browser web. Anche con dispositivi meno recenti sarà, quindi, possibile accedere al servizio mentre con l’app iPatente bisognerà sempre rispettare il vincolo legato alla versione del sistema operativo installata sul proprio smartphone. Si tratta di un aspetto fondamentale da tenere in considerazione per utilizzare il servizio.

Dopo aver completato l’installazione dell’app, sarà necessario andare nella sezione delle impostazioni ed effettuare l’accesso utilizzando l’account de Il Portale dell’Automobilista. Da notare, in ogni caso, che è anche possibile registrarsi direttamente su iPatente, senza accedere al sito web. La procedura da seguire è la medesima di quella indicata in precedenza.

Dopo aver inserito Username e Password ed aver completato l’autenticazione, l’utente potrà accedere ai vari servizi di iPatente e potrà, quindi, controllare il saldo dei punti della patente, in modo del tutto simile a quanto avviene con Il Portale dell’Automobilista.

IPatente e Il Portale dell’Automobilista sono, di fatto, due facce della stessa medaglia, condividendo anche l’account. In base alle proprie necessità, l’utente potrà scegliere se effettuare il controllo del saldo dei punti dal PC oppure dall’app per lo smartphone. Da notare, però, che l’accesso tramite SPID, al momento, non è supportato da iPatente.

Servizio telefonico

C’è una terza opzione per controllare il saldo dei punti della patente. Chi non può, o non vuole, utilizzare i servizi web per completare quest’operazione avrà, infatti, la possibilità di utilizzare il servizio telefonico chiamando al numero 848 782 782. Tale servizio è attivo 24 ore al giorno, tutti i giorni.

La chiamata al servizio telefonico di verifica dei punti della patente presenta un costo pari a quello di una normale chiamata urbana. Basterà chiamare da una linea telefonica, fissa o mobile, per cui si hanno a disposizione minuti gratis per chiamare per evitare spese extra per la chiamata.

La verifica telefonica del saldo dei punti della patente è molto semplice. In questo caso, non è necessaria registrazione. Il controllo dei punti, infatti, può essere fatto seguendo le indicazioni fornite dal servizio stesso. Per la verifica basterà inserire:

  • la data di nascita del titolare della patente

  • il numero della patente seguito dal tasto cancelletto

Completata la procedura in modo corretto, nel giro di pochi secondi si avrà a disposizione un resoconto completo in merito al saldo dei punti aggiornato della propria patente di guida.

Come funziona la patente a punti

Poter controllare il saldo della patente è fondamentale. Il meccanismo di funzionamento della patente a punti, infatti, prevede che l’automobilista ha la possibilità di circolare soltanto se ha ancora punti sulla patente.

In caso di esaurimento dei punti, infatti, sarà necessario superare nuovamente l’esame di teoria e l’esame di guida per poter tornare in possesso del documento. L’azzeramento dei punti, infatti, equivale alla revisione automatica della patente.

Gli automobilisti partono da un totale di 20 punti. Il saldo iniziale può subire delle decurtazioni in base alla condotta di guida. Eventuali violazioni delle normative, infatti, comporteranno (oltre alle sanzioni previste dalla legge) anche la decurtazione dei punti.

Con la “buona condotta” è possibile guadagnare punti. Per gli automobilisti che hanno un saldo di 20 punti, infatti, è previsto il riconoscimento di 2 punti extra per ogni anno in cui non sono state commesse infrazioni. Il massimo dei punti ottenibili è 30. Per i neopatentati, ovvero per chi ha conseguito la patente da meno di 3 anni, è previsto il riconoscimento di 1 punto extra che si aggiunge ai 2 punti annuali.

Il recupero dei punti persi, invece, può avvenire seguendo almeno 12 ore di lezione di corsi dedicati presso autoscuole e centri autorizzati dal Ministero dei Trasporti. In questo modo è possibile recuperare 6 punti, senza poter superare il limite di 20.

Per ogni violazione del Codice della Strada è prevista la decurtazione di un determinato quantitativo di punti dalla propria patente. La decurtazione massima in una singola occasione è pari a 15. Da notare, inoltre, che per i neopatentati è previsto il raddoppio dei punti decurtati in caso di violazione.

Tra le violazioni più comuni che portano alla perdita di punti della patente troviamo:

  • -1 punto per mancato uso o utilizzo improprio delle luci del veicolo

  • -1 punto per sistemazione dei passeggeri e/o animali e/o oggetti non idonea

  • -2 punti per inosservanza della segnaletica stradale o selle segnalazioni degli agenti delle Forze dell’Ordine

  • -2 punti per sosta in corrispondenza della fermata di mezzi pubblici come autobus e filobus

  • -2 punti per trasporto in sovraccarico o in sovrannumero su autovetture

  • -3 punti per mancato rispetto della distanza di sicurezza in caso di collisione con danni lievi

  • -3 punti per rifiuto di esibire i documenti richiesti o di far ispezionare il veicolo alle Forze dell’Ordine

  • -3 punti per eccesso di velocità compreso tra 10 e 40 km/h oltre al limite

  • -4 punti per circolazione contro mano

  • -4 punti per fuga in caso di incidente con danni a cose non così gravi da aver determinato la revisione della patente

  • -5 punti per circolazione senza cinture di sicurezza

  • -5 punti per utilizzo di cellulari alla guida

  • -5 punti per mancata precedenza a veicoli di soccorso

  • -6 punti per mancato rispetto dello STOP, per omessa precedenza o in caso di passaggio con il rosso

  • -6 punti per eccesso di velocità superiore a 40 km/h ma inferiore a 60 km/h

  • -10 punti in caso di fuga da incidente con gravi danni a veicolo e/o alle persone

  • -10 punti in caso di posto di blocco forzato

  • -10 punti per guida in stato di ebbrezza da alcol o droghe

  • -10 punti in caso di sorpassi pericolosi

  • -10 punti per retromarcia in autostrada

  • -10 punti in caso di rifiuto di sottoporsi al test per il tasso alcolemico o per la verifica del proprio stato psicofisico

  • -10 punti per eccesso di velocità superiore a 60 km/h

Nel caso in cui si commetta una di queste violazione (o una qualunque altra violazione del Codice della Strada che prevede la decurtazione dei punti della patente), il saldo dei punti registrerà un’immediata decurtazione. In caso di azzeramento dei punti, come detto, sarà necessario sostenere nuovamente l’esame di guida.

Dopo una violazione, inoltre, sarà possibile utilizzare uno degli strumenti appositi per poter verificare il saldo dei punti. In caso di decurtazione, infine, si perderà il diritto ad avere il bonus annuale riconosciuto in caso di buona condotta.

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Bonus 40% elettriche: che cosa è e come ottenerlo

Ci sono tante iniziative in arrivo per sostenere la diffusione delle auto elettriche. Tra le novità previste dalla commissione Bilancio della Camera, infatti, c'è anche un nuovo bonus riservato alle famiglie che rispettano determinati requisiti di reddito. Il nuovo bonus renderà l'acquisto delle auto elettriche ancora più conveniente, anche per le famiglie a basso reddito. Ecco cos'è e come ottenere il bonus del 40% per le auto elettriche.

Revisione Auto 2020: tutte le proroghe per Covid-19

La revisione auto 2020 sarà soggetta a una serie di proroghe che sono state introdotte dal Ministero dell’Interno per andare incontro all’emergenza sanitaria: la circolare n. 300/A/7923/201l O 1/3/3/9 del 22/10/2020 aveva già introdotto delle specifiche, ma il MIT è intervenuto nuovamente per creare ordine tra la confusione creatasi a causa delle diverse ordinanze emanate negli ultimi tempi. 
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »