Bollette luce gas cosa cambia ogni trimestre: chi decide gli aumenti luce e gas


Rincari e rimodulazioni dei prezzi di luce e gas sono tra gli incubi ricorrenti dei clienti domestici del mercato tutelato. Ogni tre mesi l’Arera comunica le variazioni dei prezzi di energia e gas e i fornitori adeguano le tariffe. In questa guida analizzeremo chi è l’Arera e perché decide gli aumenti di luce e gas

luce-visual

In diversi periodi dell’anno i consumatori leggono su siti e giornali titoli in cui si annunciano gli ennesimi rincari delle bollette di luce e gas. Queste fluttuazioni non interessano però tutti gli utenti, bensì solo i clienti che si riforniscono con operatori del servizio a Maggiori tutele.

L’Italia si sta avviando verso la liberalizzazione del mercato dell’energia, ma ancora solo circa la metà dei consumatori ha effettuato il passaggio dalle offerte tutelate a quelle libere. Il Governo ha più volte posticipato la data di fine del mercato tutelato. L’ultimo rinvio è stato deciso nel 2019 e ha stabilito che il passaggio al libero mercato dell’energia dovrà avvenire entro il Gennaio 2022.

Tra le ragioni che hanno motivato l’authority a questo nuovo cambio di programma c’è la necessità di creare una maggiore consapevolezza tra gli utenti rispetto al funzionamento delle tariffe del libero mercato. L’ARERA inoltre ha ritenuto ancora insufficiente il numero di società che forniscono il servizio di fornitura liberalizzato.

Perché ogni tre mesi cambia il prezzo di luce e gas

Le tariffe del servizio a Maggiori tutele seguono le revisioni trimestrali imposti dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e ambiente) per adeguare i costi di luce e gas al prezzo applicato sui mercati all’ingrosso delle materie prime. Altri fattori che influenzano le variazioni delle bollette sono le spese che gli operatori devono sostenere per gli oneri di sistema e le tariffe di trasporto delle materie prime.

L’ARERA ha il compito di determinare quale sia il costo di luce e gas da applicare al netto di tasse e altri oneri per gli utenti che non sono ancora passati al libero mercato. Le variazioni trimestrali dipendono dalla domanda sul mercato globale di energia e gas.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come il coronavirus ha inciso sulle bollette domestiche

Nel periodo più acuto della pandemia da Covid 19 la richiesta di luce e gas ha subito un calo importante, dovuto soprattutto alla chiusura di attività e fabbriche. I ribassi registrati nel secondo trimestre 2020 sono stati pari al -18,3% per l’energia elettrica e al -13,5% per il gas.

La ripresa delle produzioni e il riattivarsi delle imprese sta trainando un rialzo delle quotazioni delle materie prime. E i prezzi di energia e gas stanno subendo dei rimbalzi. Dopo un calo così profondo nel terzo trimestre le bollette energetiche saliranno del 15,6% e quelle del gas dell’11,4%.

Il PUN e il TTF, cosa sono

Gli indici più importanti, tra quelli considerati dall’ARERA per stabilire i nuovi prezzi di luce e gas, sono il Prezzo Unico Nazionale per il mercato dell’energia e il Title Transfer Facility (TTF) che è l’indicatore del mercato dei Paesi Bassi per lo scambio del gas naturale.

Negli aumenti o nelle riduzioni dei costi non vengono considerati solo questi due fattori. Le altre voci che possono subire variazioni sono il costo del dispacciamento, le tasse, le tariffe per la distribuzione e il trasporto.

Ci sono poi dei periodi in cui una variazione è fisiologica, è il caso del terzo trimestre dell’anno Questo periodo è da sempre contraddistinto da un aumento dei costi in bolletta dell’energia in vista dell’inverno. I mesi autunnali sono il momento in cui i fornitori all’ingrosso preparano le scorte per prepararsi a soddisfare la maggiore domanda dei mesi più freddi.

Anche se può sembrare strano questo meccanismo porta ad un aumento dei prezzi dell’energia perché nel nostro Paese sono le forniture elettriche sono legate alle produzioni alimentate da centrali a gas.

Un esempio, ecco come e cosa comporta variazioni in bolletta

Se queste sigle e le spiegazioni vi hanno confuso proviamo a semplificare come i due indicatori influenzano i prezzi e quali altri elementi vanno a produrre aumenti o riduzioni nelle bollette.

Il prezzo all’ingrosso dell’energia viene rilevato dall’ARERA sulla Borsa elettrica italiana ed è un valore, come abbiamo visto, che è il prodotto dell’incontro tra domanda e offerta sul mercato di elettricità. Per il terzo trimestre 2020 l’aumento in bolletta elettrica dipenderà quasi esclusivamente dal rialzo del prezzo della materia prima (circa +17%).

C’è però anche un valore che nello stesso periodo è in calo, -2%, e si tratta per il periodo Ottobre-Dicembre 2020 della spesa per il dispacciamento. La percentuale di rincaro delle forniture luce, stabilito in +15,6%, deve tenere conto anche di questo valore.

Per la bolletta gas un ruolo determinante nel decidere aumento o riduzioni contribuiscono in modo importante i fattori di stagionalità, ma anche l’andamento della domanda (in parte collegata proprio all’avvicinarsi del periodo più freddo).

Per l’ultimo trimestre 2020 uno degli elementi che ha portato a stabilire l’aumento del 11,4% è stata la leggera ripresa economica dopo l’emergenza Covid-19. Si consideri che nel periodo considerato il prezzo della materia prima sul mercato all’ingrosso è schizzato alle stelle e ha registrato un +96%, dopo i crolli profondi dei mesi precedenti.

Come scegliere le tariffe energia

In genere le offerte dei fornitori del mercato libero hanno un prezzo della materia prima bloccato, il periodo può variare da 1 anno a 36 mesi. I clienti che ancora non si sono decisi a passare al libero mercato trovano però che le condizioni dei contratti dei fornitori siano troppo complessi e poco trasparenti.

Uno dei motivi per cui l’ARERA ha chiesto al Governo di posticipare la fine del mercato tutelato è la necessità di una maggiore comprensione delle condizioni economiche delle offerte per i consumatori. L’altro motivo è il bisogno di maggiore concorrenza.

Per poter semplificare la scelta della promozione luce o gas più conveniente per passare al libero mercato gli utenti possono utilizzare il comparatore di SosTariffe.it. Questo strumento mette in evidenza quali sono i costi medi mensili con la tariffa dei fornitori liberi e mostra anche il risparmio rispetto alle offerte del mercato tutelato.

Gli utenti devono indicare alcune informazioni personali:

  • numero di conviventi

  • elettrodomestici

  • fasce orarie di consumo

  • potenza dell’impianto

Queste informazioni servono all’algoritmo per stimare quali possono essere i consumi annuali della famiglia e per calcolare la bolletta mensile e su 12 mesi del gruppo.

Fasce orarie e promozioni luce

Fornire i dati sulla ripartizione oraria dei propri consumi è importante per poter stabilire quale tipologia di tariffa è più conveniente per la propria famiglia. Nel mercato libero sono disponibili offerte monorarie (unico prezzo dell’energia applicato a qualsiasi orario), biorarie (due costi differenti per le F1 e F2/F3) o triorarie.

Le fasce orarie stabilite dall'ARERA sono:

  • F1 - dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19, sono esclusi i festivi

  • F2 - dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23 e il sabato dalle 7 alle 23, sono sempre esclusi i festivi

  • F3 - da mezzanotte alle 7 e dalle 23 a mezzanotte dal lunedì al sabato e la domenica e i festivi tutta la giornata

Lo strumento di raffronto non si limita però a rendere chiara la spesa per gli utenti, il sistema riassume in uno schema molto semplice le principali condizioni contrattuali delle offerte: metodo di pagamento, bonus, servizi inclusi gratuitamente o a pagamento, vincoli.

Uno degli elementi che aiuta a capire quanto sia conveniente o meno una tariffa è la ripartizione delle spese annuali delle bollette. In questo schema viene riportata ogni voce di spesa presente sulla bolletta:

  • materia prima

  • trasporto

  • oneri di sistema

  • imposte

  • IVA

  • Sconti

Grazie a questo espediente gli utenti si rendono conto immediatamente di quanto il prezzo della luce e del gas influenzi la spesa energetica familiare. Questa voce nelle bollette è uno degli elementi più consistenti, trovare quindi la promozione che garantisce un prezzo dell’energia o del gas competitivo è un primo passo per ottenere un risparmio importante.

Le offerte gas, dal mercato tutelato al libero

Gli operatori del mercato libero del gas offrono delle tariffe più lineari. Il prezzo del gas infatti è uguale a prescindere da orari e giorni di uso. Nelle bollette di fornitura del servizio gas vengono considerate queste voci di spesa:

  • costo materia gas naturale

  • trasporto e la gestione del contatore

  • spesa per oneri di sistema

  • imposte e IVA

Anche queste tariffe possono essere soggette a sconti più o meno convenienti da parte degli operatori del libero mercato. In genere le migliori offerte sono riservate a chi attiva un piano dual fuel, quindi una fornitura di luce e gas con lo stesso fornitore.

La voce di spesa che differenzia le offerte libere da quelle tutelate è quella relativa al costo del gas naturale, questo importo corrisponde a diverse attività svolte dal fornitore per garantire il servizio ai clienti. Nel caso del gas si tiene conto dai rischi commerciali e dei corrispettivi del gas sul mercato all’ingrosso.

Nei contratti dei fornitori del libero mercato il prezzo del gas viene fissato al momento della sottoscrizione del contratto e subirà un adeguamento dopo un periodo prestabilito, in genere dopo 1 anno. Anche i contratti fissi possono subire delle variazioni, ma quello che può cambiare con queste offerte sono le altre spese, come gli oneri di trasporto.

Come cambiare fornitore luce e gas

Per poter attivare le tariffe a prezzo bloccato dei fornitori di energia elettrica e gas sono sufficienti pochi documenti (carta di identità e codice fiscale) e l’ultima bolletta. Per scegliere una promozione più conveniente di quella già attiva a casa vostra potete contare sui sistemi di confronto delle offerte online.

Il comparatore di SosTariffe.it semplifica il processo di ricerca delle tariffe luce e gas, inoltre l’algoritmo permette di stimare la spesa mensile e annuale garantita con l’offerta selezionata. È anche inserito nella schermata dei risultati il calcolo del risparmio annuo possibile rispetto alle tariffe tutelate.

Il prezzo della materia prima è un elemento importante nello stabilire quale offerta sia più conveniente, può incidere anche per il 35%/40% sull’importo totale della bolletta. Capita spesso però che lo strumento di confronto calcolando gli sconti e il valore dei voucher regalati dal fornitore, mostri come una tariffa con un costo dell’energia o del gas leggermente più elevate sia a conti fatti più economica.

Il passaggio da un fornitore all’altro non implicherà interruzioni di servizio e i fornitori del mercato libero si occuperanno della procedura di switch dal vostro precedente operatore e della chiusura del precedente contratto. Scegliendo la domiciliazione delle bollette su conto corrente permetterà anche di non versare il deposito di cauzione, si tratta di un importo calcolato in rapporto alla potenza impegnata e al rapporto smc/anno per il gas.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Niente bonus luce e gas? Ecco come risparmiare con le offerte del momento

La crescita dei contagi da Covid-19 sta avendo effetti importanti sull'intero sistema economico del Paese. Il lockdown per molte attività e la riduzione degli orari per altre mettono in condizioni di difficoltà tante famiglie e tante piccole e medie imprese italiane. Risparmiare ed evitare spese extra diventa, quindi, fondamentale. Per quanto riguarda le bollette di luce e gas non sono previsti bonus. Per risparmiare è necessario affidarsi alle offerte del momento. Ecco come fare.

Alperia luce e gas: le 5 migliori offerte

Una guida per conoscere le migliori promozioni offerte da Alperia ai nuovi clienti che scelgono il libero mercato o che cambiano operatore di luce e gas. Ci sceglie il fornitore altoatesino punta su tariffe ad energia verde e può contribuire a progetti che riducano le emissioni di CO2, ecco come attivare le 5 migliori offerte gas e luce di Alperia di Ottobre