Prezzo fisso o indicizzato luce e gas: quale scegliere a aprile 2024

Aggiornato il: 04/03/2024
di Paolo Marelli
Pubblicato il: 18/12/2023

In 30 secondi

Prezzo fisso o indicizzato, quale offerta luce o gas conviene di più? Ecco cosa sapere per una scelta consapevole:

  • Le offerte indicizzate garantiscono l'accesso ai prezzi all'ingrosso di energia e metano, in base all'andamento degli indici PUN e PSV
  • Con le offerte luce e gas a prezzo bloccato, il costo della materia prima resta invariato per almeno 12 mesi
  • Nella Maggior Tutela luce, le forniture subiscono aggiornamenti di prezzo su base trimestrale
  • Per scegliere le migliori soluzioni a prezzo fisso o indicizzato c'è il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas
  • La fotografia delle top offerte luce e gas a prezzo bloccato e a prezzo indicizzato a aprile 2024

Music: www.bensound.com

Ricordiamo che i clienti in regime di Maggior Tutela non hanno la possibilità di scelta fra offerte a prezzo fisso o variabile: è ARERA a stabilire il prezzo della luce e il costo gas , aggiornandoli periodicamente in base all’andamento del mercato all’ingrosso.

Le 5 migliori offerte a prezzo fisso e indicizzato aggiornate a aprile 2024

Destinazione risparmio in bolletta grazie alle offerte luce e gas più vantaggiose del Mercato Libero. In regime di libera concorrenza, è possibile scegliere tra due differenti tipologie di tariffa: a prezzo fisso o indicizzato. Nei paragrafi che seguono il team di SOStariffe.it scatterà una fotografia delle peculiarità e dei vantaggi di ciascuna delle due tipologie di tariffe. Ora, basti conoscere una macro-distinzione:

  • le offerte a prezzo fisso bloccano il prezzo di energia e metano per un determinato periodo di tempo (almeno un anno), così da garantire ai clienti domestici una protezione da eventuali rincari in bolletta;
  • le offerte a prezzo indicizzato assicurano l’accesso al prezzo dei beni energetici all’ingrosso, in base all’andamento degli indici PUN (Prezzo Unico Nazionale) e PSV (Punto di Scambio Virtuale). Essendo aggiornati mensilmente, tali indici permettono ai clienti domestici di ricevere fatture sempre in linea con il mercato.

Nella tabella che segue, ecco le 5 migliori offerte luce e gas di oggi 22 aprile 2024 proposte dai gestori energetici del Mercato Libero:

OFFERTA LUCE E GAS

CARATTERISTICHE

SPESA MENSILE*

Energia e Gas alla Fonte di wekiwi

  • Prezzo indicizzato
  • PUN + 0,013 €/kWh
  • PSV + 0,050 €/Smc
  • Costo fisso di 9,17 €/mese per ciascuna fornitura
  • 54,05 €/mese per le bollette luce
  • 123,74 €/mese per le bollette del gas

World Luce e Gas di Edison

  • Prezzo indicizzato
  • PUN senza costi extra
  • PSV senza costi aggiuntivi
  • Costo fisso di 20 €/mese per ciascuna fornitura
  • 62,90 €/mese per le bollette luce
  • 116,89 €/mese per le bollette del gas

Pulsee Luce e Gas Relax Index

  • Prezzo indicizzato
  • PUN senza costi extra
  • PSV senza costi aggiuntivi
  • Costo fisso di 12 €/mese per ciascuna fornitura
  • 61,58 €/mese per le bollette luce
  • 118,81 €/mese per le bollette del gas

Next Energy Sunlight Luce e Gas di Sorgenia

  • Prezzo indicizzato
  • PUN + 0,013 €/kWh
  • PSV + 0,100 €/Smc
  • Costo fisso di 9,50 €/mese per ciascuna fornitura (per il 1° anno)
  • 58,32 €/mese per le bollette luce
  • 122,21 €/mese per le bollette del gas

Luce e Gas Relax Fix di Pulsee

  • Prezzo bloccato per 24 mesi
  • costo energia: 0,1260 €/kWh
  • costo metano: 0,4470 €/Smc
  • Costo fisso di 12 €/mese per ciascuna fornitura
  • 69,02 €/mese per le bollette luce
  • 141,57 €/mese per le bollette del gas

*Per famiglia tipo con consumo annuo di 2.700 kWh di energia elettrica e 1.400 Smc di gas, con fornitura attiva nel comune di Milano

Offerte Luce in evidenzaOfferte Gas in evidenza

Le 3 migliori offerte luce e gas a prezzo indicizzato di aprile 2024

Tra le offerte luce e gas a prezzo indicizzato che attraggono il risparmio oggi, 22 aprile 2024, spiccano le soluzioni proposte da: 

  • wekiwi;
  • Edison Energia;
  • Pulsee.

wekiwi scommette su Energia e Gas alla Fonte, una soluzione luce e gas a prezzo indicizzato messa a punto in esclusiva con SOStariffe.it. Con un bonus di 30 euro in bolletta per i nuovi clienti che attivino online la doppia fornitura (luce + gas) e uno sconto del 10% sulla piattaforma di e-commerce wekiwi, questa offerta assicura le seguenti tariffe:

  • prezzo dell’energia all’ingrosso PUN + 0,013 €/kWh di contributo al consumo;
  • prezzo del gas all'ingrosso PSV + 0,050 €/Smc di contributo al consumo;
  • contributo fisso per costi di commercializzazione: 9,17 euro al mese (per fornitura);
  • tariffa monoraria per l’energia elettrica.

Edison Energia è tra i fornitori più convenienti grazie all’offerta World Luce e Gas, che permette ai clienti domestici di accedere al prezzo all’ingrosso dell’elettricità e del metano senza alcun costo extra. Questo si traduce in una spesa per la materia prima contenuta, anche se non va dimenticata la quota fissa di 20 euro al mese (a fornitura) per il servizio commerciale, ovvero a copertura delle spese di commercializzazione e vendita. L’attivazione di questa offerta assicura anche benefit aggiuntivi, come 50 euro in buoni regalo Amazon.it per ogni contratto Edison World luce o gas attivato.

Pulsee propone l’offerta Luce e Gas Relax Index, che fa pagare l’energia elettrica e il metano come all’ingrosso senza alcuna maggiorazione. È solo previsto il pagamento di una quota fissa di 12 euro al mese a copertura di costi di commercializzazione e vendita (il totale annuo è pari a 144 euro). La tariffa dell’energia elettrica, che proviene al 100% da fonti rinnovabili, è monoraria: il costo dell'energia è indipendente dall'ora di utilizzo.

Le offerte luce e gas a prezzo bloccato più vantaggiose di aprile 2024

Tra le offerte a prezzo bloccato più competitive del momento si possono annoverare quelle proposte dai seguenti fornitori energetici:

  • Pulsee;
  • Eni Plenitude;
  • NeN.

Pulsee è tra i brand dell’energia più convenienti anche per quanto riguarda le offerte a prezzo bloccato. La sua soluzione, Luce e Gas Relax Fix, blocca il prezzo della materia prima per 24 mesi:

  • 0,1260 €/kWh per l'elettricità;
  • 0,4470 €/Smc per il metano.

Per quanto riguarda il costo fisso a copertura delle spese di commercializzazione e vendita, Pulsee applica una tariffa di 12 euro al mese a fornitura (144 euro all'anno).

Eni Plenitude propone una soluzione competitiva per le famiglie che cerchino la serenità di conoscere in anticipo il prezzo di energia e metano che sarà applicato dal fornitore per calcolare i consumi in bolletta. L'offerta Fixa Time Luce e Gas propone le seguenti condizioni tariffarie, in vigore un anno dalla sottoscrizione del contratto:

  • prezzo dell'energia elettrica: 0,1338 €/kWh con tariffazione monoraria;
  • prezzo dell'energia elettrica: 0,1434 €/kWh in Fascia F1 0,1289 €/kWh in Fascia F2 e F3 (tariffazione bioraria);
  • prezzo del gas: 0,4750 €/Smc;
  • 12 euro al mese a fornitura di costo fisso per spese di commercializzazione (144 euro all'anno per fornitura).

I prezzi di elettricità e metano elencati qui sopra includono già il 5% di sconto previsto da Eni Plenitude per i clienti domestici che attivino la domiciliazione bancaria delle bollette.

NeN propone un’offerta che blocca il prezzo della materia prima per 12 mesi, così da garantire ai clienti domestici uno "scudo" di protezione contro eventuali nuove impennate dei beni energetici all'ingrosso. 

Luce e Gas Special 48, questo è il nome della promozione, assicura le seguenti tariffe per un anno:

  • 0,1690 €/kWh per l’energia elettrica;
  • 0,5900 €/Smc per il gas.

Agli importi legati al consumo si deve poi aggiungere un costo fisso mensile di 8 euro (a fornitura) per spese di commercializzazione e vendita (96 euro all'anno). Grazie a questa soluzione, è inoltre possibile ottenere un bonus di benvenuto in bolletta di 48 euro a fornitura.

NeN propone un sistema di fatturazione con rata fissa mensile stabilita in fase di attivazione dell’offerta, sulla base del consumo dell’utente, e valida per 12 mesi.

Qual è la differenza tra prezzo fisso o indicizzato?

Come accennato poco sopra, la principale differenza tra offerte luce e gas a prezzo fisso o indicizzato risiede nel fatto che il prezzo fisso permette di bloccare il costo della materia prima per un periodo di tempo fissato dalle condizioni contrattuali del fornitore (in genere 12 mesi).

Per le tariffe indicizzate, invece, il prezzo dell'energia subisce alterazioni nel corso del tempo di validità dell’offerta sottoscritta, seguendo le oscillazioni del mercato.

OFFERTE GAS E LUCE A PREZZO FISSO

OFFERTE GAS E LUCE A PREZZO VARIABILE

Durata media prezzo bloccato di 12 mesi - ma anche 18, 24 o 36 mesi

Prezzo aggiornato ogni mese in base all’indice PUN per la luce e gli indici TTF PSV per il gas

Contratto indica il prezzo luce (€/kWh) e gas (€/Smc)

Contratto riferisce indice e periodicità dell’aggiornamento del prezzo

Prezzo fissato fino alla fine della durata del contratto

Costo in genere pari all'indice + maggiorato di una certa percentuale*

*Ad esempio, se un’offerta indicizzata permette di accedere al prezzo all’ingrosso il cliente potrebbe accedere a tale prezzo a fronte di un canone mensile fisso (ad esempio 2 euro al mese) oppure a fronte di una maggiorazione sul prezzo (ad esempio 0,01 €/kWh in più). Le offerte possono includere anche entrambe le maggiorazioni.

Come varia il prezzo bloccato?

Le tariffe luce e gas a prezzo fisso propongono un prezzo della componente energia della bolletta fisso e bloccato per tutto il periodo di tempo previsto dalle condizioni contrattuali. Alla fine del periodo di prezzo bloccato, in base a quanto indicato dalle condizioni contrattuali:

  • il prezzo dell’energia potrà diventare indicizzato (rispetto ad un indice di riferimento);
  • il fornitore potrà comunicare un nuovo prezzo bloccato al suo cliente che sarà libero di scegliere se accettare la modifica o cambiare fornitore senza costi aggiuntivi.

 Il fornitore è tenuto ad avvisare con largo anticipo il proprio cliente in merito all’applicazione di un nuovo prezzo dell’energia, o di un passaggio da tariffazione a prezzo bloccato ad una tariffazione a prezzo indicizzato. Tale comunicazione deve arrivare con almeno 3 mesi di anticipo e deve essere inclusa nell’apposita sezione relativa alle comunicazioni del fornitore al cliente della bolletta.

Come varia il prezzo indicizzato?

Le offerte luce e gas a prezzo indicizzato sono, sostanzialmente, offerte con prezzo variabile in base ad un indice di riferimento; gli aggiornamenti dei prezzi dell’energia potranno quindi essere sia positivi (il prezzo diminuisce) che negativi (il prezzo aumenta), in base all’andamento dell’indice.

Di solito il nuovo prezzo dell’energia è comunicato dal fornitore di mese in mese direttamente in bolletta ed è utilizzato per il calcolo dell’importo complessivo da pagare alla fine del periodo di fatturazione. Per poter accedere a tale prezzo, in alcuni casi è necessario affrontare un costo extra come un canone mensile o una maggiorazione del prezzo dell’indice di riferimento.

Tra le principali offerte indicizzate troviamo:

  • le offerte che consentono di accedere al prezzo del mercato all’ingrosso; per l’energia elettrica è utilizzato l’indice PUN (Prezzo Unico Nazionale) mentre per il gas naturale l’indice PSV (Punto di Scambio Virtuale) oppure l’indice TTF (Title Transfer Facility);
  • le offerte che consentono di accedere al prezzo luce e gas ARERA praticato nel mercato tutelato garantendo però uno sconto aggiuntivo.

 A aprile 2024, quasi tutte le offerte indicizzate del Mercato Libero seguono l’andamento dell’indice PUN per l’energia elettrica e dell’indice PSV per il gas naturale applicando un eventuale rincaro al prezzo all’ingrosso. In precedenza, erano diffuse anche le tariffe indicizzate ARERA e le tariffe gas che seguivano l’andamento dell’indice TTF ma, con la crisi energetica e la nuova realtà del mercato, queste due tipologie di tariffe sono diventate molto più rare, fino quasi a scomparire.

Luce e Gas: meglio una tariffa fissa o variabile?

Per individuare le tariffe luce e gas più convenienti è necessario confrontare con attenzione tutte le soluzioni energia e metano messe a punto dai gestori energetici del Mercato Libero. Tale valutazione può essere fatta utilizzando il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas.

Per trarre il massimo vantaggio dalla comparazione online delle tariffe luce e gas, è necessario inserire una stima del consumo annuo di energia e metano. Questo dato può essere consultato in una recente bolletta inviata dall’attuale fornitore (ecco qui un approfondimento su come leggere la bolletta luce e come leggere la bolletta gas). In alternativa, è possibile stimare il consumo annuo impostando i filtri integrati nel comparatore di SOStariffe.it.

La tabella qui di seguito mostra il costo dell’energia con le migliori tariffe luce e le migliori tariffe gas di aprile 2024.

Ricordiamo che le tariffe indicizzate prevedono l’accesso al prezzo del mercato all’ingrosso (PUN per la luce e PSV per il gas) con un rincaro applicato dal fornitore. Le tariffe a prezzo fisso, invece, prevedono un prezzo dell’energia e del gas che resta invariato per un lungo periodo, almeno 12 mesi.

TIPOLOGIA DI TARIFFA

ENERGIA ELETTRICA

GAS NATURALE

Prezzo fisso

0,1260 €/kWh

0,4470 €/Smc

Prezzo indicizzato

0,1121 €/kWh

0,3806 €/Smc

Note: prezzo PUN pari a 0,0991 €/kWh (gennaio 2024), prezzo PSV pari a 0,3306 €/Smc (gennaio 2024).

Per attivare una nuova tariffa luce o gas è sufficiente avere a propria disposizione i dati dell’intestatario della fornitura oltre al codice identificativo della fornitura (POD per la luce e PDR per il gas) che è riportato in bolletta oltre che sul display del contatore.

Inserito il dato relativo al consumo, il comparatore di SOStariffe.it offrirà una panoramica completa di tutte le tariffe luce e gas con indicazioni sui costi annuali della fornitura.

Per valutare i costi delle tariffe luce e gas del Mercato Libero è necessario:

  • conoscere il costo unitario dell’energia, espresso in costo kWh per la luce ed costo metano al metro cubo per il gas;
  • informarsi sul costo fisso della fornitura, espresso in €/mese;
  • sapere l’andamento che tali costi (in particolare il costo unitario dell’energia) avranno nel tempo.

Da notare, infatti, che ogni offerta disponibile includerà informazioni in merito alla presenza del prezzo bloccato (con indicazioni relative alla durata del periodo di prezzo fisso) oppure del prezzo indicizzato (con indicazioni relative all’indice di riferimento). In questo modo, sarà possibile confrontare tra loro le migliori offerte luce e gas a prezzo fisso o indicizzato e scegliere le soluzioni più vantaggiose da attivare.

In generale, non è possibile stabilire in assoluto se sia più conveniente una tariffa a prezzo fisso o indicizzato. È sempre fondamentale valutare caso per caso in modo da poter identificare con precisione la soluzione tariffaria più vantaggiosa in base alle proprie reali necessità. Grazie al confronto online sarà facile scegliere la soluzione più conveniente da attivare.

Tariffe indicizzate: come funzionano le fasce orarie

Le offerte luce a prezzo indicizzato consentono alle famiglie di scegliere tra due opzioni tariffarie:

  • tariffa monoraria;
  • tariffa bioraria o multioraria.

Nel primo caso, il costo dell’energia elettrica è indipendente dall’orario di utilizzo. Questo significa che il prezzo dell’elettricità è lo stesso nell’arco delle 24 ore e il medesimo sia nei giorni feriali, sia nei fine settimana o nelle festività nazionali.

Nel secondo caso, invece, il costo kWh dipende dalla fascia oraria in cui si consuma l’energia stessa. Questa soluzione, offerta da numerosi fornitori tra cui anche Enel Energia, è molto vantaggiosa per i clienti domestici che tendano ad utilizzare i grandi elettrodomestici di casa solo nelle ore serali o notturne, nei week-end e nei giorni di festività nazionali.

Una tariffa luce bioraria o multioraria, in genere, è una soluzione conveniente da adottare nelle seconde case (dove i consumi sono concentrati nei week end e nei giorni festivi). Molte famiglie, però, potrebbero trovare vantaggiosa una tariffa multi-oraria anche per la prima casa.

Grazie alla differenziazione di prezzo nelle fasce orarie, l’energia ha un costo inferiore se utilizzata in determinati orari, così da garantire un netto risparmio in bolletta.

Le Fasce orarie si distinguono in F1, F2 e F3. Si tratta di periodi tempo ai quali corrispondono diversi prezzi dell’energia:

  • Fascia F1: da lunedì a venerdì, dalle 8.00 alle 19.00, escluse le festività nazionali;
  • Fascia F2: da lunedì a venerdì, dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00, escluse le festività nazionali; sabato, dalle 7.00 alle 23.00, escluse le festività nazionali;
  • Fascia F3: da lunedì a sabato, dalle 00.00 alle 7.00 e dalle 23.00 alle 24.00; domenica e festivi, tutte le ore della giornata.

Nel caso delle tariffe biorarie, le fasce di prezzo sono due: la Fascia F1 e la Fascia F23. In particolare, le tariffe biorarie sono:

  • più basse dalle ore 19 alle ore 8 dei giorni feriali, il sabato, la domenica e negli altri giorni festivi (fasce F2 e F3);
  • più alte dalle ore 8 alle ore 19 dei giorni feriali (fascia F1).

Le tariffe multiorarie diventano più convenienti rispetto alle biorarie quando l’utente ha la possibilità di concentrare i consumi nella fascia F3, preferendola alla fascia F2, caratterizzata da un prezzo più alto dell’energia elettrica.

Risorse utili