Servizio a Tutele Graduali: funzionamento, durata, convenienza

Aggiornato il: 09/02/2024
di Luana Galanti
Pubblicato il: 18/01/2024

In 30 secondi

Il Sistema a Tutele Graduali in poche righe:

  • accompagna gradualmente i clienti del Mercato Tutelatoprivati e aziende, nel passaggio verso il Mercato Libero dell'energia;
  • propone tariffe luce e gas PLACET, con condizioni contrattuali stabilite dall'ARERA;
  • il meccanismo entrerà in gioco da luglio 2024 anche per le forniture energetiche dei clienti domestici non vulnerabili;
  • il regime STG ha carattere transitorio: durerà 3 anni

Il Servizio a Tutele Graduali è un regime transitorio che ha il compito di accompagnare gli utenti - domestici e business - verso il mercato libero dell'energia.  Il sistema interesserà gli utenti che, al momento della chiusura del mercato tutelato, non avranno ancora scelto un fornitore nel mercato libero. Ma ora approfondiamo il funzionamento del Sistema a Tutele Graduali e in generale come prepararsi alla liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica se si è utenti domestici

immagine divisa in due a sinistra una lampadina a destra un fornello gas

Cos’è il Servizio a Tutele Graduali?

Il Servizio a Tutele Graduali (STG) è il regime che sostituisce quello a maggior tutela dell'energia elettrica e che ha la funzione di accompagnare gli utentidomestici e non, verso il mercato libero.

Il Servizio a Tutele Graduali è già attivo da aprile 2023 per i clienti non domestici quali PMI e microimprese - per loro il regime tutelato è terminato a gennaio 2023 - e lo sarà a partire da aprile 2024 anche per i clienti domestici che non rientrano nella categoria degli utenti vulnerabili

La durata prevista del regime STG è di 3 anni, si tratta dunque di un sistema transitorio.

Offerte Luce in evidenzaOfferte Gas in evidenza

A chi è riservato il Servizio di Tutele Graduali?

TIPOLOGIA DI CLIENTE

MESE DI PARTENZA DELL’STG

PMI, utenza luce

gennaio 2021

Microimprese, utenza luce

aprile 2023

Clienti domestici non vulnerabili, utenza gas (condomini inclusi)

gennaio 2024

Clienti domestici non vulnerabili, utenza luce

luglio 2024

Clienti domestici vulnerabiliutenze luce e gas 

Per il momento non c’è una data

Le categorie di utenze che possono accedere al Servizio a Tutele Graduali si possono ricondurre a:

  • microimprese che hanno fino a 10 dipendenti, un fatturato inferiore a 2 milioni di euro e punti di prelievo con potenza inferiore a 15 kW;
  • piccole imprese, con un numero di dipendenti compreso tra 20 e 50 e un fatturato compreso tra 2 e 10 milioni. Rientrano in questa categoria anche le microimprese che hanno punti di prelievo con potenza superiore a 15 kW;
  • utenti domestici non vulnerabili che non hanno scelto un fornitore sul mercato libero, condomini inclusi

Per le prime due categorie il passaggio al Servizio a Tutele Graduali è già avvenuto ad aprile, mentre per gli utenti privati bisognerà attendere luglio 2024

Chi sono i clienti domestici vulnerabili?

I clienti domestici vulnerabili sono gli utenti che hanno più di 75 anni, chi percepisce il bonus sociale, chi vive in un'isola minore non collegata, chi vive in un'abitazione d'emergenza a seguito di una calamità, chi è disabile ai sensi della legge 104/92 o chi utilizza apparecchi elettromedicali salvavita. 

Chi sono fornitori della Tutela Graduale?

I fornitori del Servizio a Tutele Graduali sono scelti tramite un meccanismo di aste territoriali. Per ogni area viene assegnato un fornitore che gestirà l’intero servizio per tutta la sua durata. La suddivisione territoriale del Servizio a Tutele Graduali viene stabilita da ARERA, sulla base di vari fattori.

Per quanto riguarda i clienti domestici non vulnerabili, per la partenza del servizio è prevista per luglio 2024, i fornitori scelti sono i seguenti:

FORNITORE

AREE GESTITE

Enel Energia

Area Nord 1: Aosta, Biella, Milano provincia, Verbania, Vercelli

Area Nord 2: Parma, Piacenza, Torino provincia

Area Nord 5: Brescia, Milano comune

Area Nord 9: Belluno, Gorizia, Pordenone, Treviso, Trieste

Area Nord 10: Bolzano, Trento, Vicenza

Area Nord 11: Mantova, Modena, Reggio-Emilia, Verona

Hera Comm

Area Nord 6: Cremona, Genova, La-Spezia, Lodi, Lucca, Massa-Carrara

Area Nord 7: Alessandria, Asti, Cuneo, Novara, Pavia

Area Nord 8: Bergamo, Sondrio, Udine

Area Nord 12: Ancona, Padova, Pesaro-Urbino, Venezia

Area Centro 1: Ascoli-Piceno, Bologna, Fermo, Ferrara, Macerata, Rovigo

Area Centro 3: Arezzo, Caserta, Perugia, Rieti, Terni, Viterbo

Area Sud 4: Chieti, Forlì-Cesena, L’Aquila, Pescara, Ravenna, Rimini, Teramo

Edison Energia

Area Sud 3: Avellino, Benevento, Grosseto, Livorno, Pisa, Pistoia, Prato, Siena

Area Sud 5: Bari, Frosinone, Latina

Area Sud 8: Catanzaro, Crotone, Lecce, Reggio-Calabria, Vibo-Valentia

Area Sud 9: Catania, Enna, Messina, Ragusa, Siracusa

Illumia

Area Nord 3: Como, Torino comune, Varese

Area Centro 2: Firenze, Roma provincia

Area Sud 1: Napoli provincia, Nuoro, Sassari

Iren Mercato

Area Sud 6: Brindisi, Matera, Potenza, Salerno, Taranto

Area Sud 7: Barletta-Andria-Trani, Campobasso, Cosenza, Foggia, Isernia

A2A Energia

Area Sud 2: Cagliari, Napoli comune, Oristano, Sud Sardegna

Area Sud 10: Agrigento, Caltanissetta, Palermo, Trapani

EON Energia

Area Nord 4: Imperia, Lecco, Monza-Brianza, Savona

Per microimprese, invece, i fornitori selezionati sono:  

AREA DI COMPETENZA

FORNITORE 

Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Belluno, Venezia, Verona

Hera Comm S.p.A.

Bologna, Modena, Piacenza, Padova, Parma, Reggio- Emilia, Rovigo, Treviso, Vicenza

Sorgenia S.p.A.

Abruzzo, Marche, Umbria, Forlì-Cesena, Ferrara, Ravenna, Rimini

A2A Energia S.p.A.

Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Milano escluso comune di Milano, Mantova, Sondrio

Sorgenia S.p.A.

Valle d'Aosta, Alessandria, Asti, Como, Monza-Brianza, comune di Milano, Novara, Pavia, Varese, Verbania, Vercelli

Sorgenia S.p.A.

Liguria, Biella, Cuneo, Torino

AGSM AIM Energia S.p.A.

Arezzo, Firenze, Latina, Prato, Rieti, Roma escluso comune di Roma, Siena, Viterbo

Illumia S.p.A.

Molise, Frosinone, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa- Carrara, Pisa, Pistoia, comune di Roma

A2A Energia S.p.A.

Basilicata, Calabria, Bari, Taranto

Estra Energie S.p.A.

Sardegna, Caserta, Napoli escluso comune di Napoli

A2A Energia S.p.A.

Avellino, Barletta-Andria, Benevento, Brindisi, Trani, Foggia, Lecce, comune di Napoli, Salerno

Acea Energia S.p.A.

Sicilia

A2A Energia S.p.A.

Per le piccole imprese e alcune microimprese (meno di 10 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro), le società che forniscono il Servizio a Tutele Graduali sono indicate nella seguente tabella.

AREA DI COMPETENZA

FORNITORE 

Lazio, Lombardia, Veneto, Liguria, Trentino

A2A Energia

Campania, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna

Hera COMM

Friuli-Venezia Giulia, Valle d'Aosta, Puglia, Toscana e Comune di Milano

Iren Mercato

Piemonte, Emilia-Romagna

Axpo Italia

Condizioni contrattuali nel Servizio a Tutele Graduali

Il Servizio a Tutele Graduali ha alcuni punti in comune con il servizio tutelato e alcuni con il mercato libero. In particolare, bisogna tenere presente che:

  • le condizioni contrattuali attive nel STG sono definite dall'ARERA e prevedono l'applicazione di offerte di tipo PLACET;
  • le condizioni economiche applicate dai fornitori assegnatari saranno definite sulla base dell'andamento dei prezzi di mercato dell'energia. 

Cosa significa offerte PLACET? Sono delle offerte a Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela. Per saperne di più consigliamo la lettura de Cosa sono le offerte PLACET e come funzionano.

In poche parole, sarà la compagnia energetica a scegliere il prezzo da applicare all'interno delle decisioni dell’Autorità per quanto riguarda: 

  • fatturazione (modalità, tempisitche, contenuto dei documenti;
  • garanzie da richiedere al cliente;
  • modalità e tempistiche di pagamento;
  • modalità di rateizzazione e di applicazione degli interessi di mora in caso di mancato pagamento.

Quanto si paga nel Servizio a Tutele Graduali?

Alle offerte valide per il Servizio a Tutele Graduali si applica un prezzo dell'energia definito dai singoli fornitori, come avviene sul mercato libero.

La tariffa luce e gas applicata in bolletta è data dal risultato della somma tra:

Per concludere, il prezzo dell’energia e del gas nel Servizio a Tutele Graduali non risulterà particolarmente vantaggioso rispetto al mercato libero: non si potrà scegliere sulla base delle proprie esigenze personali, ad esempio, tra tariffe biorarie o monorarie, a prezzo fisso o indicizzato, etc.

Differenze tra mercato libero e tutelato

Mercato libero e mercato tutelato differiscono per diversi aspetti, legati sia alla struttura del mercato sia alle condizioni a cui viene fornita l'energia. 

Mercato libero

Mercato tutelato

L'energia viene fornita da un fornitore scelto dall'utente L'energia viene fornita alle condizioni dettate dall'ARERA
Il prezzo è variabile in base all'offerta scelta  Il prezzo è uguale per tutti e stabilito periodicamente dall'ARERA
La struttura delle offerte è ricca di alternative  L'offerta è unica 
Le tariffe possono cambiare rapidamente in caso di volatilità dei prezzi all'ingrosso I prezzi dell'energia sono più stabili

Risorse utili

Domande correlate

Chi gestisce il Servizio a Tutele Graduali?

Il fornitore del regime a Tutele Graduali viene selezionato tramite gare territoriali, alle quali partecipano solamente gestori con specifici requisiti minimi, quali solidità finanziaria, presenza di garanzie bancarie o assicurative e altro ancora. A febbraio 2024 sono stati annunciati i fornitori che gestiranno il servizio per i clienti domestici non vulnerabili.

Chi ha diritto alla Tutela Graduale?

A partire da luglio 2024 potranno accedere al Servizio a Tutele Graduali i clienti domestici non vulnerabili. Condomini, micro e piccole imprese sono nel regime STG già da aprile 2023.

Quando finisce il mercato a Tutele Graduali?

Il mercato Tutele Graduali ha durata triennale e quindi finirà ad aprile 2026 per condomini, micro e piccole imprese e ad aprile 2027 per i clienti domestici. Con la fine del STG si passerà definitivamente al mercato libero. 

Cosa conviene tra mercato libero o maggior tutela?

La scelta tra mercato libero e maggior tutela è individuale e va verificata la convenienza delle singole offerte. Confrontando le tariffe attive sul mercato libero ci si può fare un'idea dei costi da sostenere. In linea generale, sul mercato libero i prezzi dell'energia sono più bassi, grazie alla concorrenza tra fornitori.