Spesa per la materia energia


È presente sulla bolletta della luce e fa riferimento alle diverse attività messe in campo dal fornitore per fornire l’energia elettrica ai clienti finali.

La spesa per la materia energia è composta da una quota fissa e una quota variabile a consumo e comprende le voci relative all’acquisto, al dispacciamento e alla commercializzazione al dettaglio della corrente elettrica.

Risulta un elemento fondamentale soprattutto quando si confrontano le diverse offerte energia elettrica presenti sul mercato.

Negli elementi di dettaglio della bolletta la spesa per la materia energia si divide, dunque, in quota energia e quota fissa. La quota fissa non cambia in base al consumo. Tale costo va affrontato anche quando il consumo è nullo. La quota energia, detta anche variabile, dipende, invece, dal tipo di consumo.

Nel mercato di Maggior Tutela la quota fissa e la quota variabile vengono stabilite dall’Arera (Autorità di Regolazione per Reti Energia e Ambiente) con cadenza trimestrale. Nel mercato libero invece la quota fissa e la quota variabile (quota energia) vengono stabilite da ciascun fornitore a seconda dell’offerta che intende promuovere.

La spesa per la materia energia si compone di:

  • PE – Costo di acquisto dell’energia elettrica: nel mercato tutelato questa voce viene aggiornata dall’Autorità, mentre nel mercato libero viene stabilita dai fornitori. Tale voce comprende pure i costi legati alle perdite di rete, ossia il costo dell’energia che non arriva in modo utile al punto di consegna.
  • PD – Spesa per il servizio di dispacciamento: il prezzo viene aggiornato ogni tre mesi dall’Autorità. Tale voce fa riferimento al servizio che assicura l’equilibrio tra l’energia immessa nelle reti elettriche e l’energia prelevata dai clienti finali.
  • PPE – Prezzo della perequazione: assicura che quanto pagato ogni trimestre dai clienti serviti in regime di tutela per le componenti Prezzo dell’energia (PE) e Dispacciamento (PD) sia equivalente ai costi di acquisto e dispacciamento effettivamente sostenuti per fornire loro l’energia. Tale spesa non viene applicata ai clienti del mercato libero.
  • PCV – Prezzo di commercializzazione e vendita: copre i costi fissi affrontati per svolgere le attività di gestione commerciale dei clienti.
  • DispBT – Componente di perequazione della PVC: compensa la differenza tra gli importi complessivamente versati tramite la componente Commercializzazione (PCV) e i costi di gestione commerciale riconosciuti alle imprese di vendita in regime di tutela.
Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Bonus condizionatore 2021: come ottenerlo senza ristrutturare casa

Il Bonus Condizionatore 2021 è un'importante agevolazione che consente di ottenere una detrazione fiscale, fino al 65% dell'importo speso, sull'installazione di un nuovo impianto di raffreddamento domestico, anche in caso di sostituzione di un impianto già esistente e caratterizzato da un consumo energetico maggiore. Per accedere al Bonus Condizionatore 2021 non è necessario effettuare ulteriori investimenti in quanto l'agevolazione viene concessa anche senza ristrutturare casa grazie alla normativa prevista dall'Ecobonus 2021. In base alla tipologia di intervento realizzata in casa sarà possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% o del 65%.

Quali sono le detrazioni fiscali 2021 per condizionatori?

Con l'estate oramai alle porte, si avvicinano le giornate di caldo intenso e diventa necessario accendere il condizionatori. Chi non ha ancora questo tipo di elettrodomestico, oppure ha la necessità di sostituirlo per puntare su di una soluzione più moderna ed efficiente, potrà contare sulle detrazioni fiscali per condizionatori disponibili per il 2021. A disposizione dei contribuenti italiani, infatti, ci sono svariate opzioni su cui puntare per ammortizzare la spesa per l'acquisto di uno o più condizionatori. Vediamo tutti i dettagli.