Smart city: significato, caratteristiche, vantaggi e svantaggi ed esempi in Italia


Tutti vogliamo vivere in una smart city. Ma qual è il vero significato di Smart City? Come si può rendere una città intelligente? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi nel viverci? Dai parcheggi alle aree verdi, passando dai rifiuti, all'energia rinnovabile e al car sharing: ecco tutto quello che caratterizza una città intelligente.città-smart

Il concetto di smart city è un tema molto attuale. Spesso, infatti, ci si chiede cosa sia una smart city e come fare per rendere smart una città. La definizione di smart city è molto articolata in quanto le caratteristiche di una città intelligente sono diverse e, in un modo o in un altro, possono contribuire a rendere una città intelligente. Di seguito andremo ad analizzare tutto quello che c'è da sapere sulla smart city

Cosa è una smart city?

La locuzione "smart city" ha registrato una notevole crescita della sua diffusione nel corso degli ultimi anni. Molto spesso “smart city” viene utilizzato come concetto di marketing, in particolare da aziende o amministrazioni locali, per sottolineare il carattere innovativo e tecnologico di una città o comunque di un particolare centro abitato. Dal punto di vista urbanistico, il significato di smart city è molto più ampio.

Pur non essendoci una definizione precisa e assoluta, è facile rispondere alla domanda “cosa è una smart city” andando ad analizzare le caratteristiche di una città “intelligente” in relazione alle applicazioni tecnologiche disponibili. Secondo Wikipedia, una smart city è “l’insieme di strategie di pianificazione urbanistica volte all’ottimizzazione e all’innovazione dei servizi pubblici per mettere in relazione le infrastrutture delle città con il capitale umano, intellettuale e sociale di chi le abita attraverso l’uso delle nuove tecnologie”

Il significato di smart city è, quindi, molto articolato, tanto che una definizione sintetica non può essere data. Questo termine viene utilizzato per indicare l’applicazione di strategie ben precise volte alla diffusione di tecnologie che puntano a rendere una città più sostenibile, moderna, sicura ed efficiente. Quando si parla delle caratteristiche di una smart city, infatti, è necessario considerare sia le tecnologie, in particolare per quanto riguarda la trasmissione delle informazioni, che la sostenibilità delle soluzioni adottate, in particolare dal punto di vista energetico e ambientale.

Tra le caratteristiche di una smart city c’è, però, anche un altro parametro da considerare. Una città intelligente, grazie all’applicazione di specifiche strategie di sviluppo, è in grado di garantire una qualità della vita superiore alla media per i suoi abitanti. La tecnologia, le politiche ambientali, le soluzioni di sviluppo e di benessere dovranno avere un effetto combinato e mirato a rendere migliore la vita dei cittadini.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come rendere una città smart?

Una smart city è, quindi, un complesso insieme di iniziative e soluzioni pensate per migliorare la qualità della vita dei cittadini puntando su tecnologia, innovazione e sostenibilità. Le caratteristiche di una smart city sono diverse. Uno degli aspetti centrali è rappresentato dalla presenta di soluzioni di mobilità urbana sostenibile. I sistemi di trasporto pubblico devono, quindi, essere completi, efficienti ed ecosostenibili.

Devono, inoltre, essere incentivate le soluzioni di micromobilità e l’utilizzo di veicoli privati a basso o nullo impatto ambientale. Il car sharing può rappresentare un’importante aggiunta. Tra le caratteristiche della smart city è necessario citare la necessità di poter contare su soluzioni tecnologiche avanzate in grado di garantire servizi aggiuntivi ai cittadini. In particolare, il sistema delle telecomunicazioni deve essere sviluppato al massimo.

Deve essere garantita la disponibilità della banda ultra-larga, con soluzioni di connessione in fibra FTTH, e l’accesso ad Internet in mobilità, con il supporto alle reti 4G e 5G. Per i cittadini ci deve essere la possibilità di sfruttare soluzioni di connettività pubblica che possono semplificare ulteriormente la vita. Nelle smart city, le applicazioni tecnologi e ecosostenibili devono garantire una spinta per l’economia cittadina, creare posti di lavoro e sostenere la crescita e la produttività.

Tra le caratteristiche che identificano una smart city c’è anche lo “smart living”. A disposizione dei suoi cittadini, infatti, una smart city deve garantire alti standard per la salute pubblica e l’educazione, il supporto a iniziative culturali e un’elevata sicurezza. Ci sono poi da considerare gli aspetti energetici e di sostenibilità. Una delle caratteristiche principali della smart city è rappresentata dall’applicazione di soluzioni di sviluppo sostenibile, dall’incentivazione di progetti di efficienza energetica e dal basso impatto ambientale.

Per rendere una città smart è necessario investire sulle soluzioni tecnologie più moderne ed efficienti. Ecco quali sono le soluzioni prioritarie su cui puntare per la trasformazione di una città in una vera e propria smart city:

  • tecnologie di trasmissione di informazioni e comunicazione come la fibra ottica e il 5G
  • applicazioni Internet of thing (IoT)
  • analisi Big Data
  • applicazioni di IA
  • soluzioni di riduzione del consumo energetico
  • soluzioni per incentivare la produzione e l'utilizzo di energie rinnovabili
  • sostegno alla mobilità a zero emissioni con veicoli elettrici e ibridi
  • gestione avanzata del sistema dei rifiuti

Smart city: vantaggi e svantaggi

La smart city, analizzandone le caratteristiche viste in precedenza, mette a disposizione diversi vantaggi per i cittadini. La possibilità di poter contare su di un insieme di misure che puntano al miglioramento della qualità della vita dei cittadini grazie alla tecnologia ed alla sostenibilità è sicuramente un motivo molto valido per investire nello sviluppo della smart city. Le soluzioni di connettività avanzata, la possibilità di puntare su soluzioni energetiche ad alta efficienza, a partire dai sistemi di trasporto, e tutti gli aspetti legati allo “smart living” sono dei punti di forza indiscutibili della smart city.

Chiaramente, ci sono aspetti che meritano un approfondimento. La smart city può, infatti, avere degli svantaggi. La trasformazione che un centro abitato deve registrare per diventare una vera e propria smart city, infatti, è un procedimento complesso ed articolato. Per portare a termine tale processo c’è bisogno di coordinazione su più livelli e di fondi sufficienti per gestire la transizione verso le caratteristiche di una smart city.

I piccoli centri urbani così come le aree più povere e con meno risorse potrebbero non essere in grado di avviare una reale trasformazione verso la città intelligente. Per rendere una città smart servono, soprattutto, risorse, sia umane che economiche, che non tutte le realtà a livello locale possono avere. Per questo, è necessario un intervento coordinato per non limitare la “rivoluzione” della smart city sono alle aree più ricche di un paese.

Smart city in Italia

Le caratteristiche della smart city sono in continua evoluzione. Anche in Italia è da tempo iniziato un processo di trasformazione di varie città verso il concetto di smart city. Si tratta di un processo in costante divenire che comporta una trasformazione progressiva di vari centri abitati. Secondo il rapporto nazionale italiano sulle smart city realizzato da FormulPA (relativo al 2019) sono Milano, Firenze e Bologna le tre città che guidano la trasformazione verso la città intelligente. A completare la top 10 troviamo Bergamo, Torino, Trento, Venezia, Parma, Modena e Reggio Emilia.

La "smart city" è protagonista di un processo di evoluzione continua. Città di piccola, media o grande dimensioni hanno la possibilità di crescere rapidamente e diventare un punto di riferimento nel settore delle "città intelligenti". La diffusione delle smart city in Italia è destinata ad aumentare ancora, crescendo in relazione allo sviluppo delle nuove tecnologie su base nazionale. Di anno in anno, sempre più città e centri abitati inizieranno ad applicare soluzioni smart di vario tipo, contribuendo ad un processo di trasformazione già iniziato da tempo su base nazionale.

Alcuni esempi di smart city al mondo

Il concetto di smart city guida la trasformazione di diverse città in tutto il mondo. Secondo Smart City Index 2019 di IMD, ad esempio, la città più smart al mondo sarebbe Singapore dove già da diversi anni è partito il progetto Smart Nation pensato per migliorare al massimo la qualità della vita dei cittadini grazie all’applicazione di soluzioni tecnologie all’avanguardia.

Secondo City Motion Index (CIMI) del 2020, invece, è Londra a guidare la classifica delle smart city. La città britannica può contare su di un Chief Digital Officer, a cui è affidato il compito di guidare la digitalizzazione dell’intera area cittadina. La città è in prima linea per lo sviluppo di soluzioni di mobilità elettrica, anche condivisa, ed accoglie un gran numero di startup tecnologiche che mirano all’innovazione.

I 10 punti che rendono una città smart

Stando all'analisi della società Seedwind, che si occupa di ingegneria ambientale e telecomunicazioni, sono 10 i punti chiave che una città dovrebbe assicurare per essere considerata "smart". Si tratta di vari aspetti che, se considerati globalmente, hanno la possibilità di accelerare il processo che consente la trasformazione di una città in una vera e propria smart city. Eccoli:

1) Parcheggi pubblici intelligenti

Uno dei principali problemi di tutte le grandi città sono i parcheggi, che mancano sempre. Molte volte i parcheggi pubblici costruiti dalle amministrazioni non sono in grado di rispondere alle richieste effettive della città, deturpando il paesaggio, con scarsi risultati funzionali.

Una città intelligente deve invece essere dotata di “parcheggi intelligenti” situati all'esterno della città e ben collegati tramite il trasporto pubblico. Si tratta di luoghi in Hub per la mobilità sostenibile, che riducono notevolmente il traffico in città e con esso l'inquinamento, e i servizi diventano molto più economici.

2) Biogas dai rifiuti

I rifiuti si producono per forza in tutte le città, spesso in gran quantità. Una smart city deve essere in grado di recuperare il biogas dalle discariche cittadine per trasformarlo in una fonte di energia elettrica verde, tagliando le emissioni di CO2 e riducendo notevolmente l'inquinamento.

3) Edifici intelligenti

Il terzo punto segnalato da Seedwind è fondamentale e riguarda gli edifici green. Tutte le città "smart" devono costruire immobili a basso impatto ambientale, meglio ancora certificati secondo gli standard di efficienza energetica.

Questo perché gli immobili ad alta efficienza energetica consentono una riduzione del 40-70% della spesa per acqua, tagliano le emissione di CO2 del 70% e diminuiscono i rifiuti fino al 90%. Tutto questo genera un ritorno sugli investimenti pari al 40% che si ammortizzano in meno di 5 anni.

E non solo: SOStariffe.it ha dimostrato di recente che riscaldare una casa a bassa efficienza energetica costa 10 volte in più rispetto una classe A (leggi l'Osservatorio Classificazione Energetica in Italia per maggiori informazioni).

4) Gestione delle aree verdi

Naturalmente anche le aree verdi sono un pilastro per una città che si ritenga "smart". Secondo Seedwind, la gestione delle aree verdi più consigliata impiega soprattutto essenze autoctone per consentire l'integrazione ideale nell'ambiente circostante e diminuire al minimo le esigenze idriche.

5) Energia rinnovabile

Il quinto fattore in assoluto di cui una città intelligente non ne può proprio fare a meno è l'energia rinnovabile. Le smart cities devono obbligatoriamente diminuire la dipendenza dalle fonti fossili e dalle reti esterne. L'energia pulita deve essere sfruttata anche all'interno del centro urbano, coprendo la maggior parte del proprio fabbisogno energetico.

6) Telecomunicazioni digitali

La compagnia ritiene fondamentale, inoltre, lo sviluppo costante di tutte le telecomunicazioni digitali. In effetti, secondo Seedwind, se tutti gli smartphone ed i tablet fossero dotati di apposite applicazioni per il controllo e la gestione anticipata del traffico cittadino, dei percorsi da eseguire e della disponibilità dei parcheggi, le emissioni di CO2 dovute all'inquinamento automobilistico sarebbero molto più basse, e si eviterebbero le classiche spiacevoli e stressanti code.

Per questo motivo, quanto maggiore sia il numero di cittadini che gestiscono traffico e parcheggi, ma anche la raccolta differenziata, l'efficienza e i consumi energetici della propria abitazione e tanto altro tramite app, più intelligente sarà la città in questione.

7) Sistemi informatici per l'efficienza energetica

Questo è un punto in stretta relazione con quello appena menzionato. Una smart city deve avere molteplici “cervelli” informatici, capaci di monitorare in tempo reale i consumi energetici per ridurre gli sprechi e migliorare l'efficienza energetica di ogni abitazione.

Nel settore dell'edilizia, ad esempio, questo sistema informatico consente di efficientare al massimo l'energia elettrica impiegata, per riscaldare unicamente le aree effettivamente occupate, spegnere le luci quando non sono in utilizzo o gestire la temperatura interna di ogni stanza a seconda delle preferenze dell'utente.

8) Car sharing

Il car sharing, ovvero la condivisione della macchina tra amici, colleghi ed anche sconosciuti tramite appositi portali web, è ormai una delle pratiche più impiegate in una smart city. In effetti, anche solo per raggiungere il posto di lavoro, è una soluzione notevolmente efficiente sia dal punto di vista economico che ambientale.

Tutte le città che vogliono essere ritenute "smart" devono indubbiamente essere dotate di siti web efficienti, non solo globali ma anche locali e regionali, dove gli utenti possano offrire e usufruire di questo servizio in maniera sicura. Inoltre, una smart city deve sempre mettere a disposizione dei cittadini servizi di noleggi auto, meglio ancora se sono veicoli a basse emissioni ed ecologici, che siano ben collegati con le stazioni ferroviarie e gli aeroporti

9) Parcheggio online

Tutto ciò che si può gestire in anticipo è "smart". Secondo Seewind, se fosse possibile prenotare il posto auto già da casa tramite una connessione Internet casa, si potrebbero evitare inutili code e, fondamentalmente, l'inquinamento calerebbe in maniera evidente.

10) Impegno condiviso

Infine, la società ci tiene a sottolineare che senza l'impegno di tutti i cittadini è impossibile parlare di una smart city.  Molto frequentemente, tutte queste alternative ad altre ancora, richiedono un minimo di sacrificio e un certo grado di rinuncia. Tuttavia, si tratta di un impegno che si trasforma in benessere molto velocemente, migliorando la qualità di vita di tutti i cittadini.

Infine, sul nostro portale troverete una gran quantità di articoli che parlano sul risparmio e l'efficienza energetica. Infine, mettiamo a disposizione dei nostri lettori una serie di comparatori gratuiti ed indipendenti che vi consentiranno di individuare l'offerta luce, gas, ADSL, telefono ed altri più conveniente a seconda del vostro profilo.

Confronta Tariffe Energia Elettrica »

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Come scaricare il modulo per il bonus luce e gas a ottobre 2021

Per contrastare gli aumenti in bolletta luce e gas il Governo ha deciso, tra le altre misure, di integrare i bonus elettrico e gas, si tratta di due contributi riconosciuti a chi è in situazioni di disagio economico o fisico. I beneficiari dei bonus hanno diritto a degli sconti in bolletta, ecco quali sono le rimodulazioni per il periodo Ottobre-Dicembre 2021 e come puoi fare richiesta dei bonus

Bollette luce e gas: rischio nuova stangata a fine 2021 secondo ARERA

I forti rincari sulle bollette di luce e gas registrati ad inizio ottobre non saranno un caso isolato e potrebbero ripetersi già il prossimo trimestre. La conferma arriva in queste ore da parte di Stefano Besseghini, presidente di ARERA, che, nel corso di un'audizione in commissione Industria al Senato, ha chiarito quelli che potrebbero essere gli scenari sull'andamento dei prezzi di luce e gas per i prossimi mesi. Ecco quanto anticipato dal presidente dell'Autorità per l'Energia.