Cosa succede se non si aderisce al mercato libero luce e gas?


In questo momento, ci sono due diversi mercati dell’energia, che convivono, ognuno con le sue regole: il mercato tutelato e il mercato libero. Il 1° gennaio 2024 è la data dalla quale il passaggio al mercato libero diventerà obbligatorio. 

Lampadine cambio fornitore luce

Cosa succede nel caso in cui non si dovesse aderire al mercato libero entro tale data? Ci saranno delle conseguenze? Per esempio, c’è davvero il rischio di restare senza fornitore? Ecco tutto quello che c’è da sapere in vista del passaggio definitivo. 

Cos’è il mercato libero dell’energia

Il mercato libero dell’energia e del gas naturale è il mercato che si contrappone a quello in Maggior Tutela, in cui le tariffe vengono fissate da ARERA e subiscono una variazione - che può essere al rialzo o al ribasso - ogni 3 mesi (dunque 4 volte all’anno). 

Il mercato libero, come suggerisce il nome stesso, è regolato dal principio della libera concorrenza: questo significa che ogni singolo operatore avrà la possibilità di scegliere il prezzo di vendita della materia prima luce e gas

In particolare, sono disponibili due tipologie di tariffe:

  • quelle a prezzo fisso, per un periodo di tempo di 12, 24 o 36 mesi;
  • quelle a prezzo indicizzato non ARERA, ovvero che seguono l’andamento del prezzo del mercato.
Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come funziona il passaggio al mercato libero

Ci sono due informazioni essenziali da conoscere in relazione al passaggio al mercato libero. Si tratta in particolare del fatto che avviene in modo gratuito e che non si verificheranno interruzioni della fornitura. 

In aggiunta non si dovrà neanche procedere con interventi tecnici al contatore della luce o del gas. In sintesi, il momento più importante consiste proprio nel trovare una tariffa che risulti più conveniente, soprattutto in un mercato caratterizzato da forte instabilità - legata molto alla situazione geopolitica del momento, quindi alla guerra tra Russia e Ucraina. 

Facendo un esempio concreto, in un mercato in cui i prezzi delle materie prime all’ingrosso continuano ad aumentare, l’ideale potrebbe essere quello di andare alla ricerca di una promozione a prezzo fisso

Per farlo oggi sono disponibili i comparatori di offerte luce e gas: quello di SOStariffe.it permette di effettuare gratuitamente delle simulazioni partendo dai propri dati reali di consumo, oppure inserendo delle informazioni generiche dalle quali poter ricavare un’offerta tanto più vicina alle proprie esigenze specifiche. 

In aggiunta, uno dei vantaggi del mercato libero è la presenza di sconti nell’ipotesi in cui si decidesse di attivare sia una promozione luce, sia una gas con lo stesso operatore - si parla, in questo caso, di offerta Dual Fuel

Come si passa al mercato libero

Il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero è davvero molto semplice: in primo luogo si dovrà trovare (meglio se con una comparazione tra le offerte) una nuova offerta del mercato libero da sottoscrivere. 

Nella pratica, non ci saranno procedure strane e complicate da portare a termine, in quanto sarà il nuovo fornitore a occuparsi delle “rogne”, quindi di comunicare al gestore del mercato tutelato la disdetta del vecchio contratto.

In secondo luogo, dovrà essere forniti i seguenti dati:

  • quelli anagrafici, da inserire nel nuovo contratto da attivare;
  • il codice POD per la luce;
  • il codice PDR per il gas (si trovano entrambi sulla bolletta del precedente fornitore);
  • indirizzo di fornitura e di fatturazione, che possono essere gli stessi, oppure no;
  • l’indirizzo email qualora si decidesse di ricevere la bolletta elettronica e l’IBA nel caso di attivazione dell’addebito diretto delle fatture sul proprio conto corrente. 

Una volta effettuato il passaggio, le bollette saranno praticamente identiche, fatta eccezione per i dati del nuovo fornitore riportati su di essa. 

Cosa succede se non si passa al mercato libero? 

La buona notizia è che qualora alla data del 1° gennaio 2024 non si avesse ancora scelto un nuovo fornitore del mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale, non si resterà senza fornitore, né senza luce o gas in casa (quindi non ci sarà alcuno stop alle proprie forniture domestiche). 

Cosa succederà allora? Ci sarà l’assegnazione di un fornitore provvisorio per 6 mesi, che sarà lo stesso che si aveva in Maggior Tutela, ma con condizioni contrattuali differenti, ovvero quelle delle offerte PLACET

Allo scadere dei 6 mesi, nell’ipotesi in cui il passaggio al mercato libero dell’energia e del gas naturale non sarà ancora avvenuto, arriverà una nuova proposta di contratto PLACET con un altro fornitore - individuato tramite gara nazionale. Tuttavia, si avrà comunque la possibilità di scegliere una delle offerte del mercato libero e di attivarla. 

Cosa sono le offerte PLACET

Le PLACET, acronimo di Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela, sono offerte che devono essere presenti, dal mese di marzo 2018, nei cataloghi di tutti i fornitori di luce e gas. 

Rappresentano una via di mezzo tra le offerte del mercato libero e quelle del mercato tutelato. In pratica:

  • le condizioni contrattuali vengono stabilite da ARERA;
  • il prezzo viene invece stabilito dal fornitore;
  • non sono previsti servizi aggiuntivi di alcun tipo, come l’installazione di climatizzatori. 

Possono essere attivate dai clienti domestici e non domestici:

  • connessi in bassa tensione, nel caso della luce;
  • oppure titolari di PDR con consumi annui che non superano i 200.000 Smc nel caso del gas naturale. 

Sarà possibile optare tra offerte con prezzo bloccato per un anno e offerte a prezzo variabile sulla base di un’indicizzazioe fissata in precedenza da ARERA e al prezzo all’ingrosso di luce e gas. 

Cosa si intende per Tutela Simile?

Oltre a quanto detto finora, è bene sapere che per favorire il passaggio al mercato libero dal mercato tutelato sono state introdotte anche le offerte Tutela Simile, relative alla sola componente energia. 

Si tratta di promozioni che permettono ai clienti del mercato tutelato di provare una tariffa simile a quelle disponibili nel mercato libero, le cui caratteristiche vengono però messe a punto da ARERA. 

Si potrà attivare un contratto della durata massima di 1 anno, non rinnovabile, al termine del quale il cliente potrà restare con lo stesso fornitore, cambiando offerta, oppure scegliere di cambiare fornitore

La Tutela Simile è disponibile per tutti i clienti del mercato tutelato, anche le aziende, a patto che essere abbiano una connessione in bassa tensione e:

  • un fatturato non superiore a 10 milioni di euro;
  • un numero di dipendenti non superiore a 50. 

 

Bollette luce e gas e aumenti da ottobre 2022: come difendersi con le tariffe del mese

In questo “tsunami” energetico, spuntare il miglior rapporto qualità-prezzo per le offerte luce e gas è sempre più arduo, ma possibile. Ecco la bussola di SOStariffe.it per aiutare i clienti domestici a scegliere le promozioni del Mercato libero più competitive (per prezzi e servizi) a Ottobre 2022.

Bollette bloccate: le tariffe per fermare il prezzo luce e gas a Ottobre 2022

Su SOStariffe.it una panoramica delle migliori soluzioni per illuminare e riscaldare casa a Ottobre 2022 che bloccano il prezzo di energia elettrica e gas naturale.

Bonus luce e gas Ottobre 2022: requisiti e richiesta per avere lo sconto in bolletta

Dagli esperti di SOStariffe.it un quadro dettagliato di chi siano i beneficiari del bonus a Ottobre 2022, a quanto ammonti il suo valore e quali siano le modalità per ottenerlo.