Fasce orarie Enel: consumo e costi delle fasce biorarie Enel


Per chi è in cerca di una nuova offerta luce o per chi vuole analizzare le caratteristiche della tariffa già attivata, il principale parametro da considerare è quello del costo della componente energia della bolletta che viene espresso in €/kWh e da cui dipende la parte della bolletta direttamente collegata al consumo effettivo di energia elettrica registrato.

Meglio Enel o Sorgenia? Opinioni e offerte

Enel, uno dei principali fornitori del mercato libero dell’energia, mette a disposizione dei suoi clienti una vasta gamma di offerte luce che possono presentare caratteristiche anche molto differenti tra di loro. Tra le offerte luce di Enel è possibile individuare due categorie ben distintive. Stiamo parlando delle offerte monorarie e delle offerte multi-orarie che il fornitore propone in versione bioraria.

Differenza tra offerte monoraria e bioraria 

La differenza tra le offerte monorarie e quelle biorarie è molto semplice ed è rappresentata dalla dipendenza del costo della componente energia della bolletta dall’orario e dal giorno di utilizzo dell’elettricità. I clienti Enel che hanno attivato una tariffa di tipo monorario potranno sfruttare un costo dell’energia fisso e indipendente dall’orario di utilizzo.

Il discorso cambia, radicalmente, con le offerte biorarie. Per questa particolare categoria di offerte, infatti, il costo dell’energia è strettamente legato all’orario di utilizzo. In particolare, vengono individuate due fasce orarie diverse che coprono tutta la settimana e che presentano un costo dell’energia diverso tra loro. In linea di massima, tutte le offerte biorarie (compreso le offerte Enel), presentano una fascia oraria in cui l’energia elettrica costa molto poco ed una in cui il prezzo è sensibilmente più elevato.

Di solito, inoltre, il costo dell’energia di un’offerta monoraria si trova tra il costo dell’energia nella fascia economica e il costo dell’energia della fascia più costosa di un’offerta bioraria. Non esiste un rapporto preciso tra tariffe monorarie e biorarie. Nel mercato libero, infatti, ogni fornitore può scegliere i prezzi che preferisce per l’elettricità dando così la possibilità agli utenti di valutare le soluzioni più convenienti.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Quali sono le fasce orarie Enel

Le offerte biorarie di Enel, come avviene con tutte le altre tariffe biorarie del mercato libero, vanno a suddividere la settimana in due distinte fasce orarie. La prima fascia è caratterizzata da un prezzo dell’energia particolarmente elevato, risultando meno conveniente per l’utente, mentre la seconda fascia oraria presenterà un prezzo dell’energia molto più basso e, quindi, molto più vantaggioso per il cliente che sarà incentivato ad utilizzare gli elettrodomestici ad alto consumo in questa fascia.

Enel distingue le seguenti fasce orarie per le sue offerte luce biorarie:

  • fascia arancione (la meno economica): questa fascia oraria è attiva dal lunedì al venerdì ma solo dalle 8 alle 19; di solito, le offerte biorarie presentano un prezzo della componente energia particolarmente alto per quanto riguarda la fascia arancione

  • fascia blu (la più economica): questa fascia oraria è attiva dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 8 e per tutte le 24 ore delle giornate di sabato, domenica e dei giorni di festivi (ma solo di festività nazionale); le offerte biorarie presentano un prezzo della componente energia particolarmente contenuto per quanto riguarda la fascia blu

La fascia arancione e la fascia blu di Enel coincidono, rispettivamente, con la fascia F1 e con la fascia F23 definite da ARERA, l’Autorità per Energia Reti e Ambiente che regola il mercato energetico italiano, fissando i prezzi per il mercato tutelato e monitorando l’operato dei vari fornitori attivi sul mercato libero dell’energia.

Sul mercato libero esistono anche tariffe triorarie. Questo tipo di soluzioni tariffarie dividono la fascia F23, che Enel chiama fascia blu, in due fasce orarie diverse, denominate fascia F2 e fascia F3, che presentano i seguenti orari:

  • fascia F2: dal lunedì al venerdì, dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23, ed il sabato, dalle 7 alle 23

  • fascia F3: dal lunedì al venerdì, dalle 23 alle 7, il sabato, dalle 23 alle 7, la domenica ed i giorni di festività nazionale per tutte le 24 ore

Le offerte triorarie rappresentano, quindi, un’evoluzione delle offerte biorarie e prevedono la possibilità di sfruttare un prezzo dell’energia ancora più basso nella fascia oraria F3, risultando quindi delle opzioni particolarmente convenienti per un target ristretto di utenti. Di solito, Enel propone le sue offerte luce con la possibilità di scegliere tra tariffe monorarie e biorarie.

La scelta tra queste due tipologie di offerte è correlata ad un’attenta analisi dei propri consumi energetici ed a come vengono distribuiti nelle fasce orarie previste.

Offerte biorarie Enel: a chi convengono?

Nella scelta della miglior offerta luce Enel è opportuno fare una netta distinzione tra le offerte monorarie e le offerte biorarie. Presentando una tariffazione completamente differente per l’energia elettrica consumata, queste due tipologie di tariffe possono risultare convenienti o meno in base alla tipologia di consumi che registra l’utente che andrà poi ad attivare la nuova fornitura.

Prima di procedere con l’attivazione di un nuovo contratto di fornitura, quindi, è necessario prestare molta attenzione alla tipologia di tariffa luce che si va a sottoscrizione. Alcuni utenti troveranno particolarmente vantaggioso scegliere una tariffa monoraria mentre per altri optare per una bioraria potrebbe essere l’opzione migliore per minimizzare, sia nel breve che nel lungo periodo, l’importo delle bollette dell’energia elettrica.

Come scegliere la soluzione più conveniente tra una tariffa monoraria e una bioraria di Enel? Il primo passo della scelta è rappresentato dall’analisi dei propri consumi energetici e, in particolare, dalla loro distribuzione nelle fasce orarie previste. In linea generale, infatti, solo analizzando il modo in cui si distribuiscono i consumi sarà possibile scegliere con precisione la soluzione tariffaria più vantaggiosa.

  • Tariffe monorarie: questa tipologia di tariffe luce risultano essere particolarmente convenienti per tutti i clienti che tendono a distribuire in modo uniforme i loro consumi di elettricità oppure che li concentrano nella fascia oraria F1, ovvero dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19; le tariffe monorarie rappresentano una “scelta sicura” in quanto eliminano la necessità di dover fare attenzione all’orario di utilizzo dell’elettricità offrendo anche maggiore libertà agli utenti; chi sceglie queste offerte, ad esempio, non sarà obbligato ad utilizzare gli elettrodomestici che consumano maggiore energia elettrica in fasce orarie potenzialmente scomode come F2 e F3

  • Tariffe biorarie: queste tariffe possono rappresentare la soluzione perfetta per una vasta gamma di utenti; le famiglie che concentrano i loro consumi energetici in quella che Enel chiama “fascia blu” potranno ottenere enormi benefici dall’attivazione di una tariffa bioraria che, solitamente, si caratterizza per un prezzo dell’energia in fascia blu molto più basso rispetto al prezzo dell’energia di un’analoga offerta monoraria; chiaramente, chi sceglie una tariffa bioraria dovrà fare molta attenzione all’orario di utilizzo dell’elettricità in quanto il prezzo dell’energia nella “fascia arancione” è solitamente molto più alto rispetto al prezzo dell’energia di un’analoga offerta monoraria

Scegliere un’offerta Enel monoraria permette di eliminare i vincoli di orario per l’utilizzo dell’energia e di poter sfruttare un prezzo vantaggioso (ma non estremamente ridotto) per l’elettricità effettivamente consumata in casa. Per la maggior parte degli utenti, scegliere un’offerta monoraria potrebbe risultare l’opzione migliore.

Le offerte biorarie, invece, si rivolgono ad un target specifico di utenti (che concentrano i loro consumi nella fascia blu). Queste tariffe rappresentano un’importantissima occasione di risparmio per tutte le famiglie che, di solito, sono abituate ad utilizzare l’elettricità in modo prevalente durante la fascia oraria economica. Chi vuole minimizzare l’importo della bolletta, potrà puntare su di un’offerta bioraria ma dovrà prestare la massima attenzione e limitare al massimo l’elettricità consumata nella fascia arancione.

Come valutare la distribuzione dei consumi nelle fasce orarie

Stando a quanto indicato in precedenza, è chiaro che la scelta tra un’offerta monoraria e un’offerta bioraria per la propria fornitura di energia elettrica è legata a doppio filo ad un’attenta analisi della distribuzione dei consumi di elettricità. Chi concentra i consumi in quella che Enel chiama “fascia blu” troverà molto conveniente puntare su di una tariffa bioraria.

Per le forniture che registrano una distribuzione uniforme dei consumi di energia elettrica tra la fascia blu e la fascia arancione di Enel, la scelta di una tariffa monoraria potrebbe essere quella più conveniente, anche in considerazione del fatto che le offerte monorarie garantiscono maggiore libertà di utilizzo dell’elettricità. Per poter scegliere, in modo corretto, tra tariffa monoraria e bioraria bisogna verificare la distribuzione dei consumi.

Tale verifica può avvenire in due modi. La prima cosa da fare è un’analisi personale dei consumi. Valutando il modo in cui si utilizza l’energia elettrica, è possibile avere un’idea più chiara in merito alla distribuzione dei consumi di elettricità in casa e alla possibilità di poter concentrare l’utilizzo dell’energia nella fascia blu. Se c’è la possibilità, ad esempio, di modificare i propri consumi concentrando l’utilizzo di tutti i principali elettrodomestici nella fascia blu, ovvero nella fascia più economica, scegliere un’offerta bioraria potrebbe essere una soluzione più vantaggiosa.

C’è però un modo decisamente più preciso per valutare la distribuzione dei consumi di elettricità nelle fasce orarie. Per fare questa valutazione, infatti, è possibile andare ad analizzare i dati riportati nella bolletta dell’energia elettrica inviata dal proprio fornitore. Oltre ad un riepilogo dei costi, infatti, la bolletta include, nella seconda pagina di solito, un resoconto completo dei consumi registrati con la propria fornitura.

In questo resoconto vengono forniti i dati precisi in merito all’andamento dei consumi nelle varie fasce orarie in base ai consumi effettivi registrati. Analizzando questi dati è possibile avere un’idea ben precisa in merito al modo in cui si utilizza l’energia elettrica in casa e, quindi, in merito all’effettiva di un’offerta bioraria rispetto ad un’offerta monoraria.

L’analisi della bolletta è una pratica molto utile in quanto consente di accedere a tante informazioni utili relative alla propria fornitura. Oltre al semplice riepilogo dei costi, infatti, la bolletta inviata dal proprio fornitore va sempre letta con molta attenzione per essere sicuri che tutto proceda nel migliore dei modi e che non vi siano imprecisioni per quanto riguarda i consumi registrati. Basteranno pochi minuti per una lettura completa di tutte le informazioni relative alla propria fornitura energetica.

Offerte monorarie e biorarie di Enel: quali scegliere?

La scelta tra un’offerta monoraria ed una bioraria è legata ad un’attenta analisi dei propri consumi di energia elettrica. Enel presenta diverse soluzioni tariffarie andando a soddisfare le esigenze sia di chi ha bisogno di una tariffa monoraria che di chi preferisce una bioraria. Per poter scegliere in modo corretto l’offerta luce più adatta è opportuno affidarsi alla comparazione online delle tariffe.

Tramite il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce è possibile verificare le migliori tariffe disponibili in base al proprio consumo annuo (stimabile tramite un apposito tool oppure ricavabile direttamente da una precedente bolletta dell’energia elettrica). Tra le varie opzioni di ricerca che lo strumento di comparazione di SOStariffe.it mette a disposizione dell’utente c’è anche la possibilità di impostare la percentuale di suddivisione dei consumi accessibile alla voce “Ripartizione del consumo” disponibile nel menu laterale di comparazione se si accede da browser web oppure nelle preferenze di ricerca se si utilizza l’app di SOStariffe.it.

Tramite questa funzionalità, infatti, è possibile scegliere la percentuale del consumo complessivo di elettricità per la fascia F1 (ovvero la fascia arancione di Enel) e per la fascia F23 (ovvero la fascia blu di Enel che si caratterizza per un prezzo dell’energia decisamente più basso). In questo modo, è possibile verificare la convenienza delle offerte monorarie e delle offerte biorarie avviando una comparazione su più livelli che consente di individuare, in poco tempo, la migliore tariffa da attivare per la propria fornitura energetica.

L’offerta scelta sarà poi attivabile direttamente online, semplicemente cliccando sul nome dell’offerta e seguendo la procedura di sottoscrizione tramite il sito del fornitore. Completata la richiesta di attivazione (è necessario avere con sé i dati ed un documento dell’intestatario e il codice POD della fornitura), tutta la procedura sarà gestita direttamente dal fornitore e l’attivazione della tariffa avverrà in automatico.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Le migliori offerte luce e gas di agosto 2020

Una guida per scoprire quali sono le condizioni più insidiose presenti nei contratti di fornitura luce e gas e i consigli su come risparmiare sulle bollette energetiche e del gas di casa. Ecco l'analisi delle migliori offerte del mese di Agosto

Come risparmiare sulle bollette: le migliori offerte luce e gas di agosto 2020

I costi di luce e gas in Italia restano più elevati rispetto a quelli degli altri paesi europei. A pesare in modo particolare sulle bollette degli italiani sono i contributi fiscali, più alti anche del 20% rispetto al resto dei componenti dell'Unione europea. Ecco quali sono le offerte di energia e gas che permettono di risparmiare sulle bollette ad Agosto 2020