La migliore offerta gas del 2022: 10 consigli efficaci per trovarla


In 30 secondi

Come trovare la migliore offerta gas e tagliare le bollette

  • Passare al Mercato Libero, lasciando il regime di Maggior Tutela
  • Controllare la disponibilità di tariffe più convenienti sul mercato
  • Affidarsi al confronto online delle offerte tramite it per individuare l’offerta giusta
  • Valutare le tariffe “dual fuel” che uniscono luce e gas in un’unica offerta
  • Verificare la possibilità di cambiare tariffa senza cambiare fornitore
  • Scegliere un fornitore presente online e facile da contattare
  • Affidarsi all’attivazione online delle offerte per minimizzare i costi

Per risparmiare sulle bollette del gas è necessario ridurre al minimo il costo della materia prima andando a scegliere la migliore offerta gas disponibile sul mercato. La scelta dell’offerta gas più conveniente 2022 va fatta però con attenzione, seguendo alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti. Ecco i 10 consigli imprescindibili di SOStariffe.it per scegliere la migliore offerta gas e massimizzare il risparmio in bolletta.

Passare alle offerte del mercato libero

Per scegliere l’offerta gas più vantaggiosa è necessario passare al Mercato Libero. Restando nel regime di fornitura di Maggior Tutela, noto anche come Mercato Tutelato, non ci saranno margini di risparmio. In questo caso, infatti, il costo del gas viene stabilito da ARERA, l’Autorità energetica italiana, senza la possibilità per l’utente finale di poter scegliere una tariffa più vantaggiosa.

Dal mese di ottobre 2022, inoltre, ARERA aggiorna il prezzo su base mensile e non più su base trimestrale. Si tratta di un provvedimento legato alla crisi energetica che permette di collegare in modo più preciso il prezzo del gas nel servizio di Maggior Tutela all'andamento effettivo del mercato all'ingrosso (con riferimento all'indice PSV) nel corso dei mesi successivi l'introduzione del nuovo meccanismo. 

Il prezzo del mese corrente viene, quindi, ufficializzato da ARERA nei primi giorni del mese successivo. Da notare, però, che, ad inizio del mese corrente, ARERA comunica una stima del prezzo ai fornitori. In questo modo, le aziende che vendono gas con contratti in Tutela hanno la possibilità di emettere bollette con consumi stimati prima della fine del mese e dell’ufficializzazione del nuovo prezzo.

Le bollette emesse saranno poi oggetto di un ricalcolo, sulla base del prezzo ufficiale comunicato dall’Autorità. Il meccanismo, nelle intenzioni di ARERA, dovrebbe caratterizzare il servizio di Maggior Tutela per il gas fino alla sua conclusione. Il cambiamento riguarda solo il gas mentre l’energia elettrica continua a seguire aggiornamenti trimestrali.

Il prezzo del gas stabilito da ARERA è sempre più alto rispetto a quello a cui è possibile accedere con le migliori offerte del Mercato Libero. Per questo motivo, il primo passo per poter massimizzare il risparmio è rappresentato dalla scelta di una tariffa del Mercato Libero dove è possibile puntare su tariffe indicizzate che consentono l’accesso al prezzo del gas all’ingrosso (con aggiornamenti mensili come per il servizio di Tutela) oppure a prezzo bloccato per almeno 12 mesi.

Per verificare se la propria fornitura di gas è ancora in regime di Maggior Tutela è sufficiente consultare l’ultima bolletta inviata dal proprio fornitore. Nella prima pagina della bolletta, infatti, è sempre riportato il tipo di regime tariffario della propria fornitura. Si tratta di un obbligo previsto dalla normativa a cui tutti i fornitori devono attenersi.

Chi è ancora nel mercato tutelato troverà la dicitura “Servizio di Tutela” come mostrato nell’immagine qui di sotto:

Dicitura in bolletta fornitura con offerta del mercato tutelato

Se, invece, la fornitura è attiva con una tariffa del Mercato Libero verrà indicato “Mercato Libero”:

Dicitura in bolletta fornitura con offerta del mercato libero

Offerte Luce in evidenzaOfferte Gas in evidenza

Controllare periodicamente le nuove tariffe gas disponibili sul mercato

SOStariffe.it consiglia di effettuare un controllo periodico delle nuove offerte gas del mercato libero in modo da poter sfruttare sempre la tariffa più vantaggiosa.  Questo controllo può essere fatto, in modo gratuito e imparziale, consultando la sezione dedicata alle offerte gas del comparatore di SOStariffe.it, disponibile anche tramite l’App di SOStariffe.it per dispositivi mobili.

In questo modo, sarà possibile individuare facilmente la tariffa più conveniente del momento. Per eseguire questo controllo è necessario indicare una stima del proprio consumo annuo di gas. Il dato in questione è riportato in bolletta, nella sezione consumi in cui vengono riepilogati i dati registrati dal distributore del gas o comunicati tramite autolettura da parte dell’utente.

Storico consumi gas in smc esempio in bolletta

In alternativa, è possibile calcolare una stima del consumo annuo di gas della propria fornitura utilizzando il tool integrato nel comparatore di SOStariffe.it. Con pochi click è possibile ottenere un dato preciso in merito al consumo registrato dalla propria fornitura.

Stima consumo annuo gas della propria fornitura tramite il tool integrato nel comparatore SOStariffe.it

Una volta inserito il dato sul consumo annuo, la comparazione metterà a disposizione un elenco delle offerte più vantaggiose da attivare con indicazioni precise in merito alla spesa annuale stimata e al risparmio rispetto al servizio di Maggior Tutela. Si tratta di elementi utili per individuare l’offerta più conveniente. Le tariffe saranno ordinate in base ai costi per l’utente, partendo dalla più conveniente.

Per ottenere informazioni aggiuntive sulla tariffa è possibile cliccare sul tasto a sinistra “Maggiori informazioni” mentre per raggiungere il sito del fornitore è disponibile il tasto “Dettagli” sulla destra (come da immagine sotto, i pulsanti in questione sono quelli evidenziati dai riquadri verdi).

Specchietto offerta gas come trovare le voci 'Maggiori informazioni' e 'Dettagli'

Confrontare il prezzo del gas per individuare l’offerta migliore

Un passaggio fondamentale per scegliere la migliore offerta gas e massimizzare il risparmio in bolletta è rappresentato dal confronto tra il prezzo del gas applicato dall’attuale fornitore e il prezzo del gas proposto dalle migliori offerte gas del Mercato Libero individuate grazie alla comparazione online su SOStariffe.it.

Chi è nel Mercato Tutelato può fare riferimento direttamente alla stima di risparmio indicata dal comparatore di offerte di SOStariffe.it. Se, invece, la propria fornitura è già attiva nel Mercato Libero sarà fondamentale eseguire il confronto tra il prezzo attuale del gas e quello a cui è possibile accedere con l’attivazione di una nuova offerta.

Il prezzo del gas applicato dal proprio fornitore è riportato in bolletta, generalmente nella seconda pagina, nella sezione in cui viene descritta la composizione dell’importo complessivo della bolletta. È necessario individuare la sezione Spesa per la materia gas naturale e, tra le voci in Quota energia, bisognerà individuare la voce Corrispettivo Gas.

Prezzo del gas applicato dal proprio fornitore voce bolletta 'corrispettivo gas"

Questo confronto è molto importante ma, soprattutto per chi non è abituato a leggere nel dettaglio la bolletta, può essere poco intuitivo. In questi casi, è possibile fare riferimento al servizio di consulenza di SOStariffe.it, completamente gratuito e senza alcun impegno.

Basta chiamare al numero 02 5005 111 per parlare con un consulente specializzato nel settore energia che potrà fornire tutte le indicazioni utili all’utente per individuare l’offerta gas migliore del momento, in rapporto al proprio consumo, e massimizzare il risparmio.

Il prezzo della materia prima gas è l’elemento centrale per il risparmio e deve essere analizzato con attenzione. Questa voce è l’unica che dipende dal fornitore al 100%. Le altre componenti della bolletta gas - ad esempio la spesa per il trasporto e la gestione del contatorela spesa per oneri di sistema e il totale delle imposte + IVA - vengono stabilite direttamente dall’ARERA e sono uguali per tutti i fornitori gas, a prescindere dal tipo di fornitura attivo (Mercato Libero o Maggior Tutela).

Attenzione anche all’importo fisso richiesto dal fornitore che rappresenta un vero e proprio canone mensile per il mantenimento della fornitura attiva. Tale indicazione è riportata in bolletta sempre all’interno della sezione Spesa per la materia gas. Questa volta, però, è necessario controllare la parte Quota Fissa dove l’importo mensile viene indicato, ad esempio, con Commercializzazione e vendita - parte fissa. Si tratta di un importo fisso e indipendente dal consumo che, per le forniture che registrano consumi ridotti, può incidere in modo significativo sulla spesa complessiva.

Valutare le offerte luce e gas "dual fuel"

Un’altra opzione a disposizione degli utenti in cerca della migliore offerta gas per tagliare la bolletta è rappresentata dalle offerte luce e gas dual fuel. Si tratta di soluzioni tariffarie specifiche che prevedono l’attivazione di una fornitura di energia elettrica e di una fornitura di gas naturale con lo stesso fornitore. Molto spesso, le tariffe dual fuel garantiscono vantaggi extra al cliente che potrà sfruttare un prezzo più basso per l’energia elettrica e il gas naturale e alcuni bonus aggiuntivi, come l’accesso a promozioni speciali o a buoni sconto da utilizzare con aziende partner del fornitore (ad esempio un buono Amazon).

Valutare la scelta di un'offerta gas a prezzo bloccato o indicizzato

Per scegliere la migliore offerta gas è necessario conoscere la differenza tra le tariffe a prezzo bloccato e quelle a prezzo indicizzato. Scegliendo un’offerta a prezzo bloccato, infatti, il costo del gas naturale (espresso in bolletta alla voce “Corrispettivo Gas” in €/Smc) sarà fisso per tutta la durata del periodo promozionale.

Ipotizzando di attivare un’offerta a prezzo bloccato per 12 mesi, ad esempio, si avrà la certezza che il costo del gas non cambierà per tutto questo periodo. Il fornitore, una volta terminati i 12 mesi, proporrà un nuovo prezzo del gas ma il cliente sarà libero di non accettare tale modifica, nel caso fosse svantaggiosa, e cambiare fornitore attivando una nuova offerta più conveniente, facilmente individuabile grazie al comparatore di SOStariffe.it.

Con un’offerta a prezzo indicizzato, invece, il prezzo del gas seguirà l’andamento di un indice di riferimento con aggiornamenti periodici in base a questo indice. A disposizione degli utenti ci sono le offerte indicizzate ARERA che seguono l’andamento del prezzo stabilito da ARERA per il Mercato Tutelato. Solitamente, queste offerte garantiscono uno sconto fisso rispetto al prezzo ARERA per i clienti in Maggior Tutela.

Da notare anche le offerte indicizzate non ARERA. Queste soluzioni consentono l’accesso al prezzo del mercato all’ingrosso, solitamente a fronte del pagamento di:

  • un canone mensile; ad esempio 10 euro al mese
  • un leggero sovrapprezzo di pochi punti percentuale rispetto al prezzo dell’indice di riferimento; ad esempio +0,1 €/Smc da sommare al prezzo del gas dell’indice di riferimento

Ogni fornitore è libero di stabilire le caratteristiche della tariffa indicizzata proposta ai suoi clienti. In alcuni casi, quindi, potrebbe esserci sia un canone mensile che un sovrapprezzo al costo al metro cubo del gas dell’indice di riferimento. Per gli utenti, quindi, c’è sempre la necessità di controllare questi due fattori per valutare appieno la convenienza di un’offerta gas a prezzo variabile. Le offerte indicizzate non ARERA, di solito, fanno riferimento all’indice PSV oppure all’indice TTF. Entrambi gli indici presentano aggiornamenti mensili.

La scelta tra tariffe a prezzo bloccato e tariffe a prezzo indicizzato è importante e permette di comprende il meccanismo di funzionamento dell’offerta attiva. Non esiste una soluzione migliore dell’altra in assoluto. È sempre necessario sfruttare il confronto online delle offerte gas tramite SOStariffe.it per poter individuare la tariffa migliore in un determinato momento e massimizzare il risparmio.

Cambiare tariffa piuttosto che cambiare fornitore

Per attivare la miglior offerta gas del momento e massimizzare il risparmio non è sempre necessario cambiare fornitore. Grazie alla comparazione delle offerte, infatti, è possibile verificare se la propria tariffa attiva al momento è più o meno conveniente delle soluzioni disponibili sul mercato. In alcuni casi, la tariffa già attiva potrebbe essere più vantaggiosa rispetto alla migliore offerta sul Mercato Libero.

Facciamo un esempio per chiarire la questione. Ipotizziamo di aver attivato una tariffa gas a prezzo bloccato per 24 mesi. Dopo 12 mesi dall’attivazione di quest’offerta, per questioni slegate dalla volontà diretta del fornitore, il mercato energetico registra una serie di forti aumenti. L’offerta a prezzo bloccato che abbiamo attivato prima dei rincari diventerà estremamente conveniente. Cambiare fornitore in questo momento, quindi, sarà una scelta sbagliata.

 C’è poi un altro caso in cui cambiare fornitore potrebbe non essere necessario. Il proprio fornitore, pur di non perdere un cliente, potrebbe proporre una tariffa migliore di quella attualmente attiva. Contattando il Servizio Clienti, quindi, potrebbe essere possibile cambiare offerta ed accedere a condizioni tariffarie più vantaggiose.

Scegliere un fornitore presente online e contattabile con semplicità

Nella scelta dell’offerta gas da attivare è importante verificare che il fornitore che la propone sia contattabile tramite canali diversi. Poter contare su di un Servizio Clienti sempre disponibile è fondamentale per risolvere qualsiasi tipo di problema legato alla propria fornitura, sia di natura tecnica che di tipo amministrativo.

Per questo motivo, è necessario verificare il nuovo fornitore metta a disposizione un numero verde oltre che la possibilità di contattare il Servizio Clienti tramite una web chat online, dal sito o dall’app. Da notare che è importante considerare solo fornitore in grado di offrire ai propri clienti la possibilità di gestire la fornitura e monitorare i consumi tramite canali digitali come l’app ufficiale per smartphone oppure l’Area Clienti del sito.

Sfruttare l’attivazione online delle offerte

Per puntare sull’offerta gas più conveniente conviene affidarsi all’attivazione online della tariffa scelta. Dopo aver individuato la soluzione più conveniente grazie al comparatore di SOStariffe.it, infatti, sarà possibile raggiungere il sito del fornitore e richiedere l’attivazione del nuovo contratto di fornitura tramite una semplice procedura online.

Basteranno pochi passaggi per completare la richiesta. Per attivare un nuovo contratto di fornitura è necessario fornire esclusivamente i dati dell’intestatario del contratto ed i dati della fornitura (in particolare servirà il codice identificativo PDR riportato sull’ultima bolletta inviata dall’attuale fornitore).

 È possibile, inoltre, attivare la domiciliazione bancaria e il servizio bolletta online per pagare in automatico le bollette, con addebito su conto corrente, e ricevere il riepilogo della fattura tramite posta elettronica. In questo modo, si eliminano tutti i costi aggiuntivi (commissioni per il pagamento del bollettino cartaceo e costi di invio della fattura via posta).

Per attivare la domiciliazione bancaria è necessario fornire le coordinate IBAN del proprio conto mentre per il servizio bolletta online basterà mettere a disposizione del nuovo fornitore il proprio indirizzo di posta elettronica.

Tagliare l’importo delle bollette con il Bonus Gas

Per ridurre al minimo l’importo delle bollette del gas è possibile sfruttare il Bonus Gas. Si tratta di un’agevolazione riservata alle famiglie in condizioni di disagio economico che si traduce in uno sconto extra in bolletta di un importo annuale fisso.

Il valore del Bonus Gas dipende dal numero di componenti del proprio nucleo familiare, dall’ubicazione della fornitura (in particolare dalla Zona Climatica del comune dove è situata l’abitazione) e dal tipo di utilizzo del gas in casa (acqua calda e/o uso cottura, riscaldamento e acqua calda e/o uso cottura). La combinazione di questi fattori determina l’importo da pagare.

Per poter ottenere il Bonus Gas è necessario avere un ISEE non superiore a 8.265 euro. Per le famiglie numerose (con almeno 4 figli) il limite ISEE sale a 20.000 euro. Il bonus è riconosciuto anche ai percettori del reddito o della pensione di cittadinanza. Da notare che, fino alla fine del 2022, il limite ISEE è stato innalzato in via transitoria a 12.000 euro come misura di sostegno contro l’emergenza energetica iniziata sul finire del 2021.

Sempre fino alla fine del 2022 è prevista l’erogazione di un bonus integrativo (di importo stabilito da ARERA, l’autorità energia italiana, in base ai fondi disponibili e sempre legato ai parametri che determinano il bonus ordinario indicati in precedenza). Tale bonus si va a sommare al Bonus Gas per aumentare il sostegno alla famiglia.

Le agevolazioni previste con la crisi energetica nel 2022 sono temporanee e non strutturali. Di conseguenza, per il 2023 sarà necessario stabilire una proroga di tali agevolazioni, con lo stanziamento di fondi sufficienti, oppure trovare soluzioni alternative per potenziare il bonus per la bolletta del gas.

Il Bonus Gas viene riconosciuto come sconto in bolletta. L’importo annuale viene suddiviso equamente per il numero di bollette emesse in un anno dal proprio fornitore. Per i clienti “indiretti” (ad esempio chi utilizza un sistema di riscaldamento centralizzato), invece, il bonus viene riconosciuto tramite bonifico domiciliato.

Da notare che non è necessario presentare una domanda per il Bonus Gas. Dal 2020, infatti, quest’agevolazione viene riconosciuta in automatico a tutti gli aventi diritto. È sufficiente aver presentato la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) necessaria per ottenere la certificazione ISEE ogni anno. Gli aventi diritto riceveranno, quindi, il bonus in bolletta, senza dover fare richiesta.

Massimizzare l’efficienza e tagliare le bollette con le detrazioni fiscali

Per massimizzare il risparmio sulle bollette del gas è possibile ridurre il costo del gas, attivando le offerte più convenienti, oppure ridurre il consumo di gas. Questa seconda strada può essere percorsa in vari modi. Evitare gli sprechi consente, ad esempio, di ridurre progressivamente i consumi e, quindi, la spesa. C’è però un modo migliore per ridurre i consumi di gas. Puntando sull’efficienza energetica, infatti, è possibile consumare meno gas per raggiungere gli stessi obiettivi di riscaldamento.

 Per massimizzare l’efficienza energetica in casa è possibile sfruttare le detrazioni fiscali previste, ad esempio, per la sostituzione della caldaia con un modello di classe energetica più elevata. Grazie alle detrazioni fiscali è possibile investire nell’efficienza energetica ottenendo un enorme risparmio in bolletta, sia nel breve che nel lungo periodo, senza dover modificare il modo in cui si utilizza il gas.

Combinando l’attivazione della miglior tariffa gas del Mercato Libero con l’efficienza energetica si registrerà un risparmio davvero considerevole.

Quando si abbasseranno le bollette di luce e gas? Le previsioni di Dicembre 2022

Temperature in calo e previsioni di un boom della domanda di metano riaccendono la corsa delle quotazioni del gas. Su SOStariffe.it una selezione delle offerte luce e gas del Mercato Libero per tenere a bada le bollette in caso di nuovi rialzi a Dicembre 2022.

Bonus luce e gas Dicembre 2022: requisiti e richiesta per avere lo sconto in bolletta

I bonus luce e gas sono agevolazioni statali per allentare l’impatto del caro bolletta sulle famiglie italiane più vulnerabili. Dagli esperti di SOStariffe.it una mappa su beneficiari, requisiti e scadenze a Dicembre 2022.

Fasce orarie luce: le offerte biorarie di Novembre 2022

Le soluzioni biorarie del Mercato Libero assicurano un prezzo più basso dell’energia elettrica la sera e nei fine settimana. Le migliori promozioni luce di novembre 2022 per alleggerire le bollette