Rateizzazione bolletta quando è troppo alta: come ottenerla


Chi ha diritto a questo servizio, a chi bisogna rivolgersi e in quali casi particolari si può richiedere anche la rateizzazione delle bollette ordinarie. Una guida dettagliata con una tabella dei numeri verdi di ciascun fornitore per conoscere le condizioni poste per la dilazione dei pagamenti di luce e gas.

Rateizzazione bolletta quando è troppo alta: come ottenerla

L’arrivo di un conguaglio delle bollette di luce e gas può essere una spesa fuori programma molto pesante per il budget familiare. Di questi tempi si cerca di risparmiare quanto possibile in fatto di consumi energetici e le famiglie più accorte sono passate dal mercato libero lasciando quello tutelato (che comunque terminerà di esistere nel luglio 2020) a quello libero proprio per cercare di spendere un po’ meno per luce e gas.

In media i risparmi stimati dal comparatore di SosTariffe.it per una famiglia che scelga un operatore del libero mercato rispetto a quelli del Servizio a Maggiori tutele per la luce si aggirano intorno ai 120 € in un anno.

Per la fornitura del gas invece sono di circa 100 € più leggere le bollette del mercato libero.

Questi calcoli si basano su famiglie tipo di 3 persone che consumino circa 1.500 m3/anno per acqua calda e gas per uso domestico. Per l’energia elettrica l’ipotesi è calcolata su un consumo annuale di 2500 kWh utilizzati in particolare nei weekend e nei festivi.

A chi viene concessa la rateizzazione?

La maxi-bolletta è però un’evenienza che non si può prevedere e che i fornitori ogni tanto inviano. Niente paura però perché sia per l’energia elettrica, sia per il gas le authority hanno previsto delle possibilità di rateizzazione dei pagamenti.

Per i clienti che siano già entrati nel libero mercato le condizioni dipendono dal contratto sottoscritto con il proprio gestore del servizio, mentre per gli altri valgono le delibero di ARERA (e le precedenti di AEEGSI).

Vediamo quindi chi può richiedere la rateizzazione, quando e come fare.

Ci sono delle differenze iniziali da tenere presenti. Per i clienti del mercato libero le condizioni di concessione della rateizzazione sono regolate dai contratti stretti tra utente e società. Ogni fornitore quindi pone le sue condizioni per l’approvazione delle domande.

L’Enel per esempio riporta i seguenti casi come rateizzabili:

  • fatture inferiori a 5.000 € si può procedere online

  • per importi superiori ai 5.000€ è necessario inoltrare richiesta tramite il Servizio Clienti

  • i piani di rateizzazione possono essere chiesti solo se non sono in corso altre richieste di dilazione per quell’utenza

  • anche con fatture domiciliate si potrà richiedere la rateizzazione (per attivare la dilazione si dovrà prima sospendere i pagamenti automatici)

Enel permette ai propri clienti di utilizzare bonus e credito accumulato per dilazionare la somma residua, se si sceglie questa strada la pratica dovrà passare per il Servizio Clienti. Tra le altre opzioni il fornitore specifica che i propri utenti potranno rateizzare anche fatture che contengono un deposito cauzionale.

Iberdrola invece nelle condizioni base del suo contratto prevede la rateizzazione:

  • solo per somme superiori a 50 €

  • i tempi e le modalità di pagamento saranno indicate nella bolletta

  • entro i dieci (10) giorni successivi dalla scadenza della bolletta

  • alle somme oggetto di rateizzazione saranno applicati i tassi di interesse di riferimento fissati dalla Banca Centrale Europea

  • se l’utente cambierà operatore prima del versamento dell’importo totale delle rate dovrà continuare a pagare con regolarità

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Le condizioni di dilazione nel mercato del gas

Queste sono solo alcune delle clausole poste dai privati in questo ambito. Per i clienti rimasti invece ancora legati al mercato tutelato le condizioni sono quelle poste dall’Autorità. Per questi utenti le rateizzazioni del gas sono possibili se:

  • la bolletta del conguaglio è doppia rispetto alle normali bollette mensili o bimestrali

  • per i consumi non registrati a causa di un malfunzionamento del contatore

  • qualora per mancate letture del contatore, accessibile, venga chiesto un importo ricalcolato per consumi effettivi

Se invece la bolletta da capogiro è legata a dei consumi reali dovuti, ad esempio, all’accensione dei riscaldamenti nei mesi invernali non ci sarà per l’operatore l’obbligo di acconsentire alla rateizzazione.

Le delibere ARERA

Gli atti che regolano con precisione questo tipo di controversie sono la delibera ARG/gas 64 del 2009, la delibera ARG/com 104/2010, l’atto 501/2014/R/com e la delibera 229 del 2001.

Prima che l’AEEGSI venisse accorpata sotto la sigla dell’ARERA la delibera chiave in tema di rateizzazioni era stata la 206 del 2010 in cui l’Autorità stabiliva che i fornitori di metano avrebbero dovuto dilazionare i pagamenti dei conguagli. I casi previsti erano:

  • consumi non registrati per un cattivo funzionamento del contatore

  • conguaglio per mancate letture nonostante il contatore fosse accessibile

  • un conguaglio superiore al doppio dell’addebito più elevato fatturato nelle bollette a stima

Venivano stabilite anche le rate minime che dovevano essere concesse agli utenti per saldare i pagamenti. In particolare era, ed è, previsto che il numero di rate “deve essere pari almeno al numero delle bollette di acconto emesse prima del conguaglio ed in numero non inferiore a 2”.

L’esempio classico citato dall’authority richiama un conguaglio annuale, quindi la cui dilazione può essere suddivisa in 6 rate bimestrali. Questo è il minimo, cioè non esclude che il cliente possa ricontrattare i termini con l’operatore e concordare un pagamento più lungo.

La perioditcità delle rate 

Per quanto riguarda poi la periodicità dei pagamenti, nelle delibere è stabilito che debbano avere la stessa cadenza delle bollette. Quindi se si ha un contratto mensile le rate saranno mensili, se bimestrali si pagheranno ogni 2 mesi e così via.

Il primo pagamento dovrà avvenire al massimo entro 1 mese dalla richiesta di dilazione.

Sui tempi di richiesta della rateizzazione ci sono stati dei cambiamenti che hanno portato il periodo a 10 giorni dopo rispetto alla scadenza per il pagamento della bolletta ricalcolata.

La rateizzazione delle bollette luce: le condizioni

Dal lato energia elettrica le condizioni sono leggermente diverse. Le delibere dell’ARERA da considerare in questo caso sono la delibera ARG/com 202/2009, quella 104/2010, la delibera 200 del 199 e l’atto 201/2012/R/eel.

In sintesi, le condizioni per i clienti luce per richiedere al dilazione dei pagamenti sono:

  • se per il malfunzionamento del contatore viene chiesto il pagamento di consumi non registrati dal contatore

  • se la bolletta supera i 50 € (è l’importo minimo rateizzabile)

  • se il conguaglio abbia un valore del 150% maggiore rispetto ai consumi medi registrati. L’esempio dell’authority in questo caso può aiutare a capire. Se la vostra bolletta di solito non supera i 30 € e il conguaglio che ricevete è di 75€ potrete richiedere la dilazione del pagamento.

In una noticina è anche riportato che per i clienti non domestici il valore dovrà essere del 250% più alto delle comuni bollette per ottenere la rateizzazione. Così come già accennato, anche per il mercato libero della luce le condizioni e i termini di questo servizio per gli utenti dipenderanno direttamente dal gestore delle utenze.

Come presentare le richiesta di rateizzazione

Per richiedere la rateizzazione ogni fornitore di servizi prevede le sue modalità. Ad oggi per piccole cifre si può anche procedere tramite app o pagina personale sul sito dell’operatore, mentre per importi maggiori quasi tutte le società invitano gli utenti a contattare il servizio clienti e a concordare un piano di rientro con i propri consulenti.

I metodi di pagamento delle rate sono pressoché gli stessi di solito proposti per pagare la bolletta di luce e gas:

  • il bollettino postale (con la stessa periodicità della bolletta)

  • pagamento con carta di credito o di debito

  • bonifico bancario

Se l’utente per qualsiasi motivo non dovesse pagare una rata la società potrà non solo interrompere la rateizzazione ma anche richiedere che il cliente saldi in un’unica soluzione l’intero importo rimanente.

Tassi di interesse: a cosa prestare attenzione 

Per sapere quali siano le precise condizioni poste dal proprio fornitore per il servizio di rateizzazione si può scegliere di consultare le condizioni generali di contratto online (documento da leggere in ogni caso con attenzione), chiedere al Servizio clienti o alle associazioni consumatori, leggere con attenzione le Comunicazioni ai clienti riportate sulle bollette.

In questa sezione si trova di solito anche un esplicito riferimento se quel tale operatore non consente la dilazione del pagamento.

L’importo che andrete a pagare decidendo di rateizzare il pagamento sarà più contenuto sul momento e vi permetterà di spalmare il conto su più mensilità, ma sarà anche maggiorato.

Infatti con il piano di dilazione si andranno a sommare al prezzo della bolletta gli interessi.

Il tasso non potrà essere deciso da ciascuno, ma di dovrà fare esclusivamente riferimento a quello fissato dalla Banca centrale europea nel giorno della scadenza della bolletta.

Tutti i contatti utili per avere informazioni

Come già detto nel mercato tutelato tutte le condizioni sono ben chiare e la possibilità di rateizzazione viene segnalata in modo esplicito nei casi in cui è legittima. Per il mercato libero invece è bene sapere a chi fare riferimento e come procedere con i diversi fornitori.

Le condizioni generali poste da Enel le abbiamo già accennate, questo è uno dei pochi operatori che fornisce sia un servizio sul mercato tutelato che su quello libero. Per rateizzare una bolletta con questo fornitore si dovrà fare la richiesta entro 30 giorni chiamando il numero verde:

  • 800.900.800 (per i clienti del mercato tutelato)

  • 800.900.860 (per i clienti del mercato libero)

Si possono anche usare l’app e la pagina online. Selezionando il menu in cui sono archiviate le bollette si troverà anche la voce richiedi rateizzazione. 

Ecco i principali contatti dell’assistenza dei fornitori luce e gas a cui inoltrare le richieste di rateizzazione.

Azienda

Numero verde

A2A

800.199.955

Acea

800.130.334/338 oppure

06.45698245/40

Edison

800.031.141

Engie

800.422.422

ENI*

800.900.700

E.ON

800.999.777

Hera

800.999.500

Iberdrola

800.690.901

Illumia

800.046.640

Iren

800.085.355

 

*Tra le condizioni poste da questo fornitore c’è l’esclusione dai piani di rateizzazione delle bollette in cui è incluso il canone Rai.

La rateizzazione e i casi speciali

In sintesi quindi per i servizi a Maggior tutela, che comunque entro il 2020 dovranno essere abbandonati per passare a quelli del libero mercato, le autorità di garanzia hanno previsto dei casi precisi per la richiesta di rateizzazione. Gli utenti hanno tempo fino a 10 giorni dopo la scadenza della bolletta per presentare la domanda.

Perché vengano accettate gli importi dovranno essere del 150% più alti della media dei soliti consumi per l’energia elettrica e almeno doppi rispetto alle bollette precedenti per il gas.

Non sarà concessa la rateizzazione se l’aumento degli importi gas sarà generato per l’accensione dei riscaldamenti nei mesi invernali.

Le altre condizioni che consentono la dilazione del pagamento sono

  • malfunzionamenti dei contatori
  • le mancate letture che portano ai maxi conguagli.

Ci sono poi dei casi particolari, per cui anche se non si rientra in nessuna delle categorie appena elencate si potrà comunque avanzare la richiesta di rateizzazione delle bollette.

Si tratta dei clienti che usufruiscono del Bonus sociale per problemi economici o fisici. A questi utenti viene concessa la dilazione anche sulle fatture ordinarie che potranno richiederla solo una volta l’anno e a cui sarà richiesto di versare solo il 30% come acconto sul piano di rientro.

Per chi non lo sapesse il bonus sociale su luce e gas è uno sconto in bolletta istituito dal Governo e dall’ARERA per aiutare le famiglie numerose e chi è in situazioni di disagio. Ne possono fare richiesta al proprio comune di residenza

  • i nuclei familiari con indicatore Isee inferiore a 8.107,5 €

  • famiglie con più di 3 figli a carico e indicatore Isee inferiore ai 20.000 €

  • con misuratore gas di classe non superiore a G6

Se non siete soddisfatti dei servizi offerti dal vostro fornitore di luce e gas e state pensando di cambiare operatore o se ancora non siete passati al libero potrete conoscere le migliori offerte del mercato interrogando il comparatore di SosTariffe.it.

Confronta offerte luce e gas Vai

Lo strumento confronterà per voi i piani proposti dalle differenti compagnie e vi fornirà delle tabelle in cui sarà anche riportata una stima del potenziale risparmio che otterrete passando da un’offerta all’altra. Dovrete solo selezionare nella barra dei filtri con quante persone dividete l’appartamento, il vostro stile di consumo e quali elettrodomestici utilizzate e in pochi secondi avrete tutti i risultati.

 

 

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Sorgenia, Wekiwi, E.ON: le offerte luce e gas più economiche di novembre 2019 a confronto

Tariffe luce e gas: quale conviene di più a novembre 2019? Se stai leggendo queste righe è perché sei alla ricerca di una soluzione tariffaria che ti faccia risparmiare sulla bolletta della luce e su quella del gas. Sorgenia, Wekiwi e E.ON sono le compagnie luce e gas più convenienti in assoluto nel mese di novembre 2019: di seguito le offerte luce e gas dei tre fornitori a confronto.

Le migliori offerte di Sorgenia per luce e gas a novembre 2019

Se siete attenti alle questioni ambientali e cercate un'operatore che fornisca gas naturale e energia da fonti rinnovabili le promozioni Sorgenia fanno al caso vostro. Il fornitore propone anche dei prezzi molto competitivi e se si attiva uno dei piani luce e/o gas tramite SosTariffe.it si può ottenere anche un buono Amazon da 50 € extra oltre ad altri premi e voucher