Mercato Libero energia e gas: attenzione alle sanzioni

Dopo anni di discussioni, il Ddl sulla Concorrenza è ora una legge e tra le novità anche il tanto chiacchierato passaggio al mercato libero di energia e gas previsto per il 2020: obbligatorio non tecnicamente ma di fatto, visto che chi rimarrà con il servizio di salvaguardia rischia di andare incontro a condizioni fortemente peggiorative e pagare molto di più. Di seguito, ecco come fare per evitare il salasso.

Dal 2020, mercato libero per tutti

Il passaggio obbligatorio al mercato libero dell’energia si farà, anche se è slittato al 1° luglio 2020 (non si parla più, dunque, del 2019 come data ultima per abbandonare la maggior tutela). Da quando il Ddl Concorrenza è diventato legge dello Stato, dopo un iter parlamentare durato ben tre anni, non si tratta più di un invito ma di un vero e proprio obbligo per chi non ha ancora scelto il proprio operatore del mercato libero, con tanto di sanzioni per chi è inadempiente.

Scopri le migliori offerte luce »Vai

Com’è noto, dalla riforma del mercato dell’energia sono coesistiti – almeno fino ad ora – due mercati paralleli: da una parte il mercato libero, con le diverse offerte energia degli operatori e dall’altra la Maggior Tutela, ovvero il regime per chi non aveva scelto un operatore del mercato libero. Ora questa situazione verrà sostituita dal mercato libero obbligatorio a cui si affiancherà un servizio di salvaguardia.

Che cos’è il servizio di salvaguardia

Il servizio di salvaguardia finora è esistito solo per le aziende ed è differente dalla vecchia Maggior Tutela: gestito dagli operatori territoriali di riferimento, infatti, può causare considerevoli aumenti della bolletta, a causa del famigerato “parametro omega” che aumenta il prezzo di acquisto dell’energia dalla Borsa elettrica.

In altre parole, anche se tecnicamente il passaggio al mercato libero non è obbligatorio (come chiarisce l’articolo 62 della legge sulla Concorrenza), in sostanza lo è, perché la maggiorazione che si è costretti a pagare (se non si sceglie un operatore del mercato libero, ma si finisce nel servizio di salvaguardia) rappresenta una sorta di penale, spesso salata. Passare al mercato libero conviene quindi sempre, a causa delle condizioni peggiorative legate alla salvaguardia.

Confronta le offerte gas »Vai

Gli obblighi per ARERA e gli operatori

Molti hanno già scelto il mercato libero, ma tanti utenti sono rimasti in Maggior Tutela, anche perché di fatto ignari sulle procedure da seguire e sui maggiori o minori costi di un operatore in regime di concorrenza. Una buona idea sarà comunque quella di passare al mercato libero con un po’ di anticipo rispetto a quando, per via dell'obbligo, lo faranno tutti, per evitare rallentamenti e problemi.

L’Autorità dell’Energia Elettrica, del Gas e del Sistema Idrico, che vigila su tutte le delicate fasi del passaggio, per legge si è fatta comunque carico di una serie di iniziative per renderlo il meno problematico possibile. Per prima cosa, entro cinque mesi dall’entrata in vigore della legge, verrà approntato un portale Internet pensato proprio per chi deve essere traghettato verso il mercato libero, con tutte le principali offerte di vendita al dettaglio di energia elettrica (e di gas, visto che per il riscaldamento il discorso è analogo).

Gli obblighi ricadono anche sugli operatori, per evitare che approfittino della situazione: passati sei mesi dall’entrata in vigore della legge, dovranno infatti fornire almeno una proposta di fornitura di energia elettrica e gas a prezzo fisso e almeno una a prezzo variabile.

Che cosa sono i contratti Placet

Una novità è rappresentata anche dai cosiddetti contratti “Placet”: più semplici da confrontare tra di loro perché privi di caratteristiche, come sconti od omaggi, che a volte rendono complesso capire quale offerta sia più conveniente. I Placet sono insomma delle offerte standard e senza fronzoli dove il confronto finalizzato a capire la spesa minore sarà più immediato.

Questi contratti sono a durata indeterminata (recesso a parte) e le condizioni economiche verranno rinnovate ogni 12 mesi; prima della scadenza l’operatore è tenuto a comunicare al cliente i nuovi prezzi, e il cliente potrà decidere se aderire o meno, anche in forma tacita (attenzione, perché dal secondo anno non ci sarà più lo sconto una tantum pensato per favorire il passaggio).

Mi piace

I tuoi dati sono stati inviati correttamente.
Un nostro consulente ti contatterà al più presto.

Hai bisogno di maggiori informazioni?


Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2018
Il servizio di intermediazione assicurativa è offerto da Sos Broker srl con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS
ed iscritto al RUI con numero B000450117, P. iva 08261440963. PEC
Il servizio di mediazione creditizia per mutui e prestiti è gestito da FairOne S.p.A., iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215, P. IVA 06936210969 TrasparenzaInformativa