Bonifico istantaneo, quali sono le banche aderenti?

Il bonifico istantaneo è una possibilità offerta da alcuni istituti di credito che, in diverse occasioni, può risultare particolarmente utile. Di cosa si tratta nello specifico e quali sono le banche con le quali è possibile effettuarlo al momento? Ecco qualche informazione utile sull’argomento. 

Bonifico istantaneo, quali sono le banche aderenti?

Il bonifico istantaneo non è altro che la possibilità di trasferire dei soldi da un conto corrente a un altro in meno di 10 secondi. Si tratta di un servizio che è disponibile 24 ore su 24, in qualsiasi giorno, a prescindere dal fatto che sia feriale o festivo. 

Nella pratica, il soggetto beneficiario riceverà il denaro di cui ha bisogno o che ha richiesto (per esempio, per l’erogazione di un bene o un servizio) in modo immediato, senza dover attendere i 2-3 giorni che in genere caratterizzano un bonifico normale e che di solito variano a seconda dell’istituto di credito. 

Tale servizio è stato introdotto per la prima volta da EBA Clearing Sas, nel novembre del 2017: oggi è attivo in diversi Paesi ed è stato adottato da più di 2.000 fornitori di servizi di pagamento europei, ovvero dal 57% del totale. Sulla base dei dati che sono stati diffusi dal Consiglio Europeo per i Pagamenti (European Payment Council – EPC), i bonifici istantanei sono stati pari al 7,5% del totale in riferimento ai primi 9 mesi del 2020.

Nelle prossime righe prenderemo in esame quali sono stati gli sviluppi che hanno portato alla sempre maggiore diffusione del bonifico istantaneo, come funziona e quali sono i costi per effettuarlo, assieme ai nomi delle banche che hanno scelto di aderire al servizio, permettendo ai loro clienti di accedere ai vantaggi che lo contraddistinguono. 

Un po’ di storia

Il bonifico istantaneo viene chiamato tecnicamente SEPA Instant Credit Transfer (SCT Inst), cioè Bonifico Istantaneo SEPA. L’area SEPA (acronimo di Single Euro Payments Area) è l’area unica all’interno della quale le transazioni in euro vengono eseguite con standard uniformi. 

Comprende 38 Paesi, cioè i 27 Paesi dell’Unione europea (anche quelli che non hanno scelto l’euro come moneta unica, ma lo utilizzano comunque nei pagamenti), i 3 Paesi che aderiscono allo Spazio Economico Europeo, ovvero Islanda, Norvegia e Liechtenstein, e 8 Paesi extra Ue che effettuano comunque pagamenti in euro (si tratta di Svizzera, Principato di Monaco, San Marino, Guernsey, Jersey, Isola di Man, il Principato di Andorra e la Città del Vaticano).

Il bonifico istantaneo è stato introdotto da EBA Clearing Sas, che è l’azienda di infrastrutture di pagamento che possiede le principali banche europee, in collaborazione con SIA Spa, una società ICT italiana, che è intervenuta in qualità di partner tecnologico. 

La possibilità di rendere il bonifico istantaneo è stata resa concreta grazie alla piattaforma RT1, la quale è in grado di processare i pagamenti in euro in tempo reale, in conformità allo schema di Instant Payment (SCT Inst Scheme) dello European Payment Council

La piattaforma può essere utilizzata da tutti gli Account Servicing Payment Service Provider che operano nell’area SEPA, cioè da tutti i fornitori di servizi di pagamento che gestiscono l’account di online banking dei loro clienti e offrono un contratto di servizio diretto al correntista. 

Come funziona il bonifico istantaneo

Nell’ipotesi in cui si volesse fare un bonifico istantaneo, si dovrà verificare che il proprio fornitore abbia scelto di aderire al servizio: tale bonifico sarà valido soltanto all’interno dell’area SEPA e avrà dei limiti di importo. Nello specifico, dal 1° luglio 2020, il Consiglio Europeo dei Pagamenti ha stabilito che l’importo massimo che potrà essere trasferito corrisponde a 100.000 euro (in un primo momento, la cifra da non superare era pari a 15.000 euro).

La somma bonificata sarà immediatamente disponibile sul conto corrente dell’altra persona, sia nel caso in cui sia stata trasferita tramite l’utilizzo dell’home banking, sia in quello in cui il bonifico sia avvenuto allo sportello. 

Nella pratica, il bonifico istantaneo funziona esattamente con un bonifico normale:

  • si dovrà conoscere l’IBAN del beneficiario per poterlo effettuare;
  • bisognerà specificare allo sportellista che si vuole procedere con un bonifico istantaneo, oppure selezionare l’apposita voce nel caso in cui si stia effettuando il bonifico direttamente da app o dall’Internet banking.

Si dovrà quindi indicare l’importo relativo all’operazione e inserire la causale: seguirà una pagina di riepilogo nella quale poter controllare che i dati inseriti siano corretti e confermare così la transazione. In genere è richiesto l’inserimento di un PIN usa e getta, oppure la conferma tramite un sistema di riconoscimento facciale o digitale. Dopo aver dato l’okay finale, l’operazione sarà completata in meno di 10 secondi e il beneficiario avrà già i soldi che gli sono stati inviati sul proprio conto. 

Si ricorda che come accade per i bonifici tradizionali, anche il bonifico istantaneo non potrà essere revocato: l’unico caso in cui ciò potrà accadere – e sarà il fornitore dei servizi di pagamento che dovrà annullare l’operazione – è quello in cui ci siano stati problemi tecnici, come l’invio di un bonifico duplicato, oppure si sia stati vittima di una frode informatica. 

Quali banche aderiscono

Passando ai nomi degli istituti di credito che aderiscono al servizio di bonifico istantaneo, vale la pena parlare anche dei costi, i quali vengono stabiliti in autonomia dalla varie banche. 

Nello specifico, le commissioni da sostenere sono pari a:

  • 2,50 euro nel caso di Unicredit;
  • 2,30 euro nel caso di Banca Sella;
  • 0,60 euro per i correntisti di Intesa Sanpaolo;
  • 1,50 euro per la digital bank Widiba

Monte dei Paschi di Siena prevede due diverse commissioni:

  • 1 euro per le transazioni che non superano i 5.000 euro;
  • 2 euro negli altri casi. 

Banca Nazionale del Lavoro applica una commissione dello 0,04% all’importo che è stato bonificato, facendo pagare da un minimo di 1,50 euro fino a un massimo di 25 euro. Fineco, invece, applica una commissione dello 0,2%, con importi che vanno da 0,85 euro fino a 2,95 euro. 

Il servizio di bonifico istantaneo è stato attivato anche da:

  • Poste Italiane, che al momento lo ha previsto solo in ricezione;
  • Revolut, che è una carta di pagamento da associare a un conto corrente e che permette di effettuare bonifici istantanei SEPA gratuiti per tutti i clienti Revolut e Revolut Business 
  • Banca BPM;
  • ABN AMRO Bank;
  • COME SEB Bank;
  • Banco Bilbao Vizcaya Argentaria;
  • Banca Patrimoni Sella;
  • Banca Sella Holding SpA;
  • Banco de Sabadell;
  • Bankia S.A.;
  • CaixaBank;
  • Erste Group Bank AG;
  • UBI Banca, che non prevede alcun costo nel caso di bonifico istantaneo;
  • Banco Verso;
  • BNL Pratico, che prevede una commissione pari a 1 euro. 

Le condizioni bancarie e i costi da sostenere potrebbero comunque cambiare, anche nel giro di poco tempo: per questo motivo si consiglia sempre di leggere i prospetti informativi dell’istituto di credito con il quale si vorrebbe aprire un nuovo conto corrente. 

A questo proposito, potrebbe essere interessante fare un salto sul comparatore di conti correnti online di SOStariffe.it al fine di scegliere una banca con la quale poter effettuare bonifici istantanei. 

Confronta i migliori conti correnti online »

Grazie al comparatore si potranno valutare anche le differenze esistenti tra un conto corrente online e un conto corrente tradizionale, le quali nella maggior parte dei casi sono rappresentate dall’assenza di costi di gestione e di mantenimento e da risparmio sicuro sulle singole operazioni legate al conto (reso possibile, in primo luogo, dalla presenza dell’home e del mobile banking). 

I principali vantaggi di un bonifico istantaneo

Come sarà sicuramente capitato a ognuno di noi almeno una volta nella vita, ci sono casi nei quali l’invio di un bonifico (e la sua ricezione) può risultare particolarmente urgente. In tutti questi casi, il bonifico istantaneo rappresenta la migliore soluzione disponibile. 

Nel corso del tempo da un lato è cresciuto il numero di banche che hanno reso il bonifico istantaneo una realtà, dall’altro si sono abbassati anche i costi di commissione che in un primo momento erano sicuramente più elevati rispetto a quelli previsti per un bonifico tradizionale. 

Così oggi non è solo possibile scegliere tra il bonifico allo sportello e il bonifico online – che ha sempre costi più bassi se non addirittura pari a zero – ma anche tra il bonifico istantaneo allo sportello e il bonifico istantaneo online

Commenti Facebook: