Rete mobile non disponibile Iliad: cosa fare

Rete mobile non disponibile Iliad: cosa fare quanto il segnale dell'operatore low cost risulta assente e non si può chiamare o navigare su Internet

Rete mobile non disponibile Iliad: cosa fare

Iliad è diventato in pochissimo tempo uno degli operatori di telefonia mobile più apprezzati in Italia. L’azienda ha chiuso il 2020 con 2 milioni di utenti attivi in più rispetto all’anno precedente e ha raggiunto una quota di mercato del 9%. Non solo, il gestore low cost è stato il primo a lanciare nel nostro Paese un’offerta con 5G incluso a meno di 10 euro al mese.

Nonostante i suoi successi, anche la rete Iliad in sporadici casi può risultare non disponibile e per l’utente significa non poter chiamare, inviare SMS e navigare su Internet come farebbe di solito.

Rete mobile non disponibile Iliad: cosa fare

Nel caso in cui la rete di Iliad risulti non disponibile, prima di rivolgersi all’assistenza clienti si possono effettuare alcune verifiche e operazioni preliminari che nella maggior parte dei casi consentono di ripristinare la possibilità di telefonare e navigare. Si tratta di procedure che non richiedono una particolare competenza dal punto di vista tecnologico e che in pochi minuti possono eliminare il fastidio dell’assenza di segnale. I tempi in cui gli utenti si spostavano fisicamente alla ricerca della rete fortunatamente sono finiti.

Attivare la connessione dati

La prima cosa da fare quando la rete mobile di Iliad è indisponibile è quello di verificare che la connessione dati sia attiva. Su iPhone è sufficiente accedere alle Impostazioni > Cellulare > Dati cellulare. Se la barra è di colore verde significa che la connessione dati è già attiva, altrimenti per abilitarla bisogna scorrere il cursore con il dito verso destro. Per una ulteriore verifica si consiglia di accedere al menù Opzioni dati cellulare > Voce e dati e controllare che sia presente la voce LTE o 5G.

Chi dispone di un telefono Android può sapere immediamente se la connessione dati è attiva se visualizza sullo schermo l’icona delle due frecce che puntano di direzione diverso nella parte alta della Home. Nel caso non sia così, si deve accedere al menù generale del dispositivo e configurarla cliccando su Impostazioni > Connessioni > Reti mobili > Operatori di rete. Cliccando su Attiva automaticamente avremo la certezza che la connessione alla rete è stata stabilita. In alternativa, è possibile selezionare manualmente Iliad come operatore cliccando su Impostazioni > Connessioni > Reti mobili > Operatori di rete > Ricerca reti.

Potrebbe risultare impossibile navigare anche perché l’APN, ovvero il punto di accesso alla rete che identifica univocamente il telefono, non si correttamente impostato. Solitamente la SIM Iliad si configura automaticamente non appena viene inserita nel dispositivo ma può capitare che qualcosa che non permetta alla procedura di completarsi in modo corretto. Potete facilmente ricevere nuovamente l’SMS autoconfigurante inviando un messaggio gratuito al numero 2049 con testo conf. Aprendo il messaggio di risposta dovrete dare il vostro consenso all’installazione del profilo.

In alternativa, potete collegarvi da mobile al sito www.iliad.it/config/ e lasciare che le impostazioni vengano applicate in automatico. Solo per Android è inoltre disponibile un’apposita app chiamata Mobile Config, scaricabile gratuitamente da Google Play Store. L’app non funziona su alcuni telefoni dotati di un chipset Mediatek a causa di un errore su questi chipsets.

Se la configurazione automatica non è andata a buon fine non resta che inserire i parametri manualmente. La procedura è differente a seconda del dispositivo:

iPhone

Accedere a Impostazioni > Cellulare > Rete dai cellulare e inserire le seguenti impostazioni:

  • APN: iliad
  • Nome Utente: vuoto
  • Password: vuoto
  • MMSC: http://mms.iliad.it
  • MCC: lasciare il valore predefinito o inserire 222 o 208
  • MNC: lasciare il valore predefinito o inserire 50 o 15
  • Dimensione massima MMS: 200.000

Android

Accedere alle Impostazioni > Connessioni > Reti mobili > Profili (i termini e la struttura del menù potrebbero variare a seconda del modello) e inserire le seguenti impostazioni:

  • Nome: iliad
  • APN: iliad
  • Centro MMS: http://mms.iliad.it
  • MCC: 222
  • MNC: 50
  • Tipo APN: default,mms
  • Tipo MVNO: GID
  • Valore MVNO: F003

In entrambi i casi è importante ricordarsi di salvare le nuove impostazioni per non dover eseguire nuovamente tutta la procedura.

Aggiornare il telefono

I problemi di connettività possono dipendere anche dal dispositivo utilizzato per chiamare, inviare SMS o navigare su Internet in mobilità. Per verificare che non ci siano problemi basta inserire la SIM in un altro dispositivo. Se il servizio offerto dall’operatore funziona normalmente significa che tutto che c’è qualcosa che non va con il telefono utilizzato in precedenza.

A volte basta riavviare lo smartphone o verificare che non ci siano aggiornamenti del sistema operativo. Su Android basta accedere alle Impostazioni e cliccare su Aggiornamenti software. Su iOS, invece, bisogna sempre accedere a Impostazioni > Generali > Aggiornamento software. Per scaricare e poi applicare l’update si consiglia sempre di collegare il telefono al caricabatterie e utilizzare una rete Wi-Fi.

Vi ricordiamo che per navigare in 5G è necessario disporre di un telefono compatibile con l’ultimo standard per le reti mobili. Nel caso di Iliad, i dispositivi attualmente ottimizzati per l’utilizzo della sua rete, che vengono costantemente aggiornati, sono i seguenti:

  • Huawei: P40, P40 Pro, P40 Pro +
  • Oppo: Reno4 5G, Reno4 Pro 5G, Find X2 Lite, Find X2 Neo, Find X2 Pro
  • Xiaomi: MI 10T Lite 5G, Mi 10, Mi 10T, Mi 10T Pro, Mi 10 Pro
  • Motorola: Edge, Moto G 5G Plus, Moto Razr 5G
  • Nokia: Nokia 8.3 5G

Verificare la copertura

L’impossibilità a chiamare o navigare su Internet può dipendere dall’assenza di copertura da parte del provider. Tale fattore diventa ancora più significativo per quanto riguarda il 5G, una tecnologia ancora limitata sul territorio italiano. Iliad raggiunge in 4G e 4G+ circa il 99% della popolazione ma la copertura risulta ancora lacunosa in varie zone del Paese. Si parla soprattutto di alcune Regioni del Meridione, Sardegna e Comuni dell’arco alpino o delle zone più centrali del Paese.

Iliad sta lavorando già da tempo all’ampliamento della sua rete proprietaria. Inizialmente, infatti, l’operatore si è appoggiato in parte all’infrastruttura di WindTre come parte dell’accordo per la fusione dei due operatori. L’azienda francese recentemente ha confermato di aver ampiamente superato gli obiettivi per il 2020 con l’attivazione di 6.100 siti radio mobile contro i 5.000 previsti. In 12 mesi è riuscita ad attivare ben 4.000 stazioni in tutta italia e per il 2021 l’obiettivo è arrivare a 8.500 siti in totale.

Parlando di 5G, Iliad attualmente offre copertura nei Comuni di:

  • Alessandria
  • Bari
  • Bologna
  • Brescia
  • Cagliari
  • Como
  • Ferrara
  • Firenze
  • Genova
  • La Spezia
  • Latina
  • Messina
  • Milano
  • Modena
  • Padova
  • Perugia
  • Pesaro
  • Pescara
  • Piacenza
  • Prato
  • Ravenna
  • Reggio Calabria
  • Reggio Emilia
  • Roma
  • Torino
  • Verona
  • Vicenza

SIM danneggiata

I problemi tecnici possono dipendere anche dal fatto che la SIM sia danneggiata o deteriorata. Per verificarlo basta provare a inserirla in un altro telefono. Se con un secondo dispositivo è possibile chiamare e navigare su Internet significa che la scheda telefonica è funzionante. In caso contrario, non resta che rivolgersi all’operatore per richiederne la sostituzione.

Potete facilmente ottenere una nuova SIM chiamando il servizio clienti al 177 o utilizzando in modalità self service una qualsiasi delle oltre 1.300 Simbox sparse per l’Italia. I distributori sono disponibili nei 18 Iliad Store e negli oltre 600 Iliad Corner presso la GDO e centri commerciali. Il costo per la sostituzione è di 9,99 euro.

Il problema può dipendere dall’operatore

Può anche capitare che la rete di Iliad risulti non disponibile per una difficoltà che ha colpito la stessa infrastruttura dell’operatore. In alcuni rari casi, infatti, la rete subisce un down a causa di un eccesso di traffico o per un problema tecnico. In questi casi non resta che attendere che l’azienda provveda a risolverlo. Per monitorare la situazione potete collegarvi al sito downdetector, che monitorare lo stato delle reti dei principali operatori, o seguire gli aggiornamenti sui profili social di Iliad su Facebook, Instagram e Twitter.

Per accelerare il processo di risoluzione del problema, potete muovervi in prima persona inviando una segnalazione a Iliad chiamando il servizio clienti al 177 o sempre tramite i social network. In questo modo l’operatore può venire a conoscenza delle difficoltà affrontate dai suoi clienti e ripristinare nel più breve tempo possibile il servizio.

Commenti Facebook: