APN Iliad Internet: come configurare la connessione mobile su device


Da quando è giunta in Italia, Iliad ha rappresentato, per molti versi, una vera rivoluzione nell’ambito della telefonia mobile, per il suo binomio di basso costo (al momento, l’offerta più ricca, Giga 50, costa 7,99 euro al mese) e grande generosità sia di minuti e SMS (illimitati) che di gigabyte (50 GB con l’ultima promozione).

Le tariffe di Iliad sono dunque ideali per chi utilizza lo smartphone non solo in casa, dove ci si può collegare con il wireless, ma anche fuori, senza negarsi la visione di un film in HD, di una videochiamata o perfino dell’uso del dispositivo per lavoro (magari come modem/router tramite tethering).

iliad come controllare credito residuo

Il mercato delle telecomunicazioni in Italia ha reagito all’avvento di Iliad dando vita a nuovi fornitori di servizi telefonici, spesso “costole” low-cost di operatori ben noti e di grandi dimensioni (è il caso di Kena e di Ho. rispettivamente per TIM e Vodafone). Iliad resta comunque il marchio originale per unire tanto traffico Internet con una modica spesa: l’importante è far sì che il proprio dispositivo funzioni nel modo giusto, in modo da connettersi senza problemi. Per questo, è fondamentale – soprattutto se il nostro smartphone, prima di passare a Iliad, aveva la SIM di un altro operatore mobile – che l’APN per la connessione mobile sia configurato nel modo giusto.

Che cos’è l’APN e a che cosa serve

APN è l’acronimo di “Access Point Name”, ovvero “nome del punto di accesso”, ed è la configurazione fondamentale per chi vuole permettere al proprio smartphone di connettersi a Internet tramite il proprio operatore. Insomma, senza APN corretto il vostro dispositivo non sarà in grado di collegarsi alla rete, per quanti sforzi facciate. L’APN è inoltre indispensabile non solo per Internet mobile ma anche per il tethering, ovvero la pratica di utilizzare lo smartphone – soprattutto se ha tanti GB di dati nella propria offerta, come accade con Iliad – come una sorta di modem portatile per il PC e altri apparecchi che possono connettersi a Internet via wireless.

Attenzione perché il pericolo, con l’APN scorretto, non è solo quello di non poter navigare, ma anche quello di utilizzare un APN funzionante ma non relativo alla propria offerta: in questo caso si finirebbe col pagare la connessione, anche cifre piuttosto salate, perché non si andrebbe a intaccare il monte di gigabyte fornito da Iliad. Ecco quindi tutte le istruzioni per non avere brutte sorprese con la configurazione del’APN, sia automatica – il modo più semplice – che manuale, differente a seconda del modello di smartphone in questione.

La configurazione automatica dell’APN di Iliad

Quando si avvia per la prima volta lo smartphone con all’interno la SIM Iliad, verrà proposta una configurazione automatica per il dispositivo; per autorizzare l’impostazione automatica dei parametri di accesso ai servizi SMS, MMS e dati, basta cliccare su “Accetta”.

I telefoni Android possono richiedere la configurazione automatica anche inviando al numero 2048 un messaggio SMS con scritto “conf”. A questo punto verrà mandata una risposta, sotto forma di pop-up, che richiederà l’autorizzazione per la configurazione automatica dello smartphone: basterà concederla per proseguire.

Infine, Iliad ha messo a punto anche un’app pensata apposta per rendere ancora più semplice la configurazione: si chiama Mobile Config ed è disponibile gratuitamente nel Google Play Store, oppure inserendo, nel proprio browser dello smartphone, l’indirizzo https://www.iliad.it/config. In entrambi i casi, l’applicazione inserirà automaticamente i parametri di accesso ai servizi Iliad per l’impostazione del telefono.

Dopo aver terminato il processo ci configurazione automatica, è possibile che lo smartphone richieda un riavvio per terminare la procedure.

La configurazione manuale

Nel caso in cui non sia possibile fare affidamento sulla configurazione automatica per inserire i dati corretti relativamente all’APN di Iliad, è necessario ricorrere alla configurazione manuale. La procedura cambia da modello a modello: vediamo qui di seguito quali sono i passi da seguire per gli smartphone più diffusi sul mercato.

La configurazione per iPhone

Per verificare l’attivazione del servizio di dati e configurare l’APN del proprio iPhone, la prima cosa da fare è cliccare sull’icona Impostazioni (quella con il simbolo degli ingranaggi) nella schermata iniziale (a meno che, ovviamente, l’applicazione non sia stata spostata altrove). Si accede poi al menu Cellulare e, a questo punto, si devono effettuare le seguenti operazioni:

  • Abilitare il servizio Dati cellulare cliccando sul tasto grigio (se è già verde, il servizio è già attivo)

  • Accedere al menu Opzioni dati cellulare

  • Accedere al menu Voce e dati

  • Controllare che il 4G sia selezionato

  • Accedere al menu Rete dati cellulare

Una volta che ci si trova davanti la maschera di configurazione per l’APN, bisogna inserire i seguenti dati:

  • APN: iliad

  • Nome Utente: vuoto

  • Password: vuoto

  • MMSC: http://mms.iliad.it

  • MCC: lasciare il valore predefinito o inserire 222 o 208

  • MNC: lasciare il valore predefinito o inserire 50 o 15

  • Dimensione massima MMS: 200.000

Nel caso in cui la configurazione non andasse a buon fine, è sempre possibile collegare il proprio iPhone al computer e aggiornare l’iPhone tramite iTunes.

La configurazione per telefoni Samsung

Con i telefoni Samsung, è necessario seguire questi passaggi per la configurazione manuale:

  • Accedere al menu Impostazioni

  • Cliccare su Altre impostazioni

  • Cliccare su Reti mobili

  • Cliccare su Connessione dati (che deve essere attiva).

I campi vanno configurati in questo modo:

  • APN: iliad

  • Nome Utente: vuoto

  • Password: vuoto

  • MMSC: http://mms.iliad.it

  • MCC: lasciare il valore predefinito o inserire 222 o 208

  • MNC: lasciare il valore predefinito o inserire 50 o 15

La configurazione per telefoni Huawei

Infine la configurazione per Huawei prevede queste fasi:

  • Accedere al menu Impostazioni

  • Cliccare su Wireless e reti

  • Cliccare su Rete mobile

  • Cliccare su Dati mobili, che deve essere impostato sul blu.

Infine i dati di configurazione:

  • APN: iliad

  • Nome Utente: vuoto

  • Password: vuoto

  • MMSC: http://mms.iliad.it

  • MCC: lasciare il valore predefinito o inserire 222 o 208

  • MNC: lasciare il valore predefinito o inserire 50 o 15

Se i problemi di connessione non fossero risolti, il consiglio è quello di collegare il telefono direttamente al computer oppure aggiornarlo alle più recenti versioni del sistema operativo fornito dal produttore: in questo modo gli APN vengono aggiornati automaticamente.

L’offerta di Iliad ora: Giga 40 e Giga 50

Come ricordato più sopra, al momento l’offerta più costosa di Iliad per i clienti privati è Giga 50, che per 7,99 euro al mese (più 9,99 euro una tantum per la SIM) include minuti e SMS illimitati verso i numeri fissi e quelli mobili italiani, più 50 GB di traffico dati in 4G e 4G+. Giga 40, invece, mette a disposizione 40 GB di traffico, oltre alle chiamate e ai SMS, al costo di 6,99 euro al mese. Per chi invece non ha bisogno della connessione alla rete, c’è sempre Voce, a 4,99 euro al mese, con minuti e SMS illimitati.

Inoltre, per quanto riguarda le chiamate e la connessione mentre si è fuori dall’Italia, Giga 50 include minuti e SMS illimitati più 4 GB dedicati in roaming nei seguenti Paesi: Germania, Antille francesi, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Spagna, Estonia, Francia, Finlandia, Gibilterra, Grecia, Guyana francese, Ungheria, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Mayotte, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Riunione, Romania, Regno Unito, Saint-Pierre e Miquelon, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Superati i 4 GB dedicati in Europa, si paga un sovrapprezzo di 0,00427 EUR/MB.

Con Giga 50, la durata del contratto è illimitata ma senza penali, e non ci sono quindi costi da affrontare in caso di recesso o portabilità. Gli MMS hanno un costo di 0,49 euro al mese, e quando si superano i 50 GB mensili, se si vuole continuare a navigare, si applica la tariffa base di 0,90 euro ogni 100 MB, senza rallentamento della velocità di Internet.

I servizi inclusi con Giga 50 e Giga 40

Tra le caratteristiche della tariffa di Iliad vanno ricordati le seguenti, dall’hotspot per sfruttare, con il corretto APN, i 50 Giga a disposizione (40 per Giga 40) per il tethering al filtro chiamate:

  • Segreteria telefonica

  • Mi richiami

  • Piano tariffario

  • Hotspot

  • Controllo Credito Residuo

  • Segreteria visiva

  • Visualizza numero chiamante

  • Controllo consumi

  • Avviso di chiamata (se hai il numero occupato)

  • Nessuno scatto alla risposta

  • Blocco numeri nascosti

  • Chiamate rapide

  • Filtro chiamate e SMS

  • Inoltro verso segreteria telefonica all’estero

Come attivare un’offerta Iliad

Per attivare Giga 50 o Giga 40 di Iliad, basta visitare il sito o recarsi direttamente in un Iliad Store o Corner, utilizzando l’apposita pagina sul sito per trovare il punto più vicino a dove si è.

Per la procedura online, basta indicare i propri dati per la portabilità (numero, operatore, tipo di contratto, numero seriale della SIM, presente sul retro) e verificare la propria identità. Per quest’ultima operazione, si può scegliere tra la videoidentificazione oppure il riconoscimento tramite corriere: solo nel primo caso si potrà ricevere la SIM Iliad direttamente all’indirizzo inserito durante la registrazione.

Il primo pagamento, che comprende la tariffa dell’offerta Iliad e il costo della SIM (9,99 euro una tantum), può solamente essere effettuato con carta di pagamento (Visa, Master Card) e carta prepagata (Poste Pay, Bancomat, etc.).

Chi non ha la possibilità di registrarsi a Iliad su Internet può attivare il suo nuovo contratto utilizzando una Simbox Iliad, che si trova in modalità self-service negli Iliad Store e Corner.

La ricezione della nuova SIM Iliad

Una volta completato il processo di registrazione, si riceverà una email di conferma e una con le credenziali per accedere all’Area Personale di Iliad e gestire la propria SIM, attivandola non appena la si avrà sottomano.

Per chi sceglie la videoidentificazione online, la consegna della SIM viene gestita da Nexive o Poste Italiane e ha una tempistica media per l’evasione di 4-8 giorni lavorativi; la SIM viene consegnata direttamente all’indirizzo inserito dall’utente durante la registrazione.

Per chi invece ha scelto la verifica tramite corriere, la consegna viene gestita da Bartolini, con una tempistica media di 2-4 giorni lavorativi. In questo caso, la SIM sarà sempre consegnata all’indirizzo inserito durante la registrazione, ma il titolare del contratto dovrà essere presente di persona per ritirare la SIM (non è possibile utilizzare una delega) e presentare il documento d’identità valido, come la carta d’identità, il passaporto o la patente, inserito durante la registrazione. Infine bisognerà fornire al corriere una copia fronte/retro del documento inserito durante la registrazione.

Le modalità di ricarica delle offerte Iliad

Per ricaricare la propria tariffa Iliad esistono due modalità:

  • addebito automatico: in questo caso si può scegliere tra il prelievo mensile con carta di pagamento (Mastercard o VISA) o l’addebito su conto corrente (SEPA); non sono invece accettati il libretto postale o i conti deposito per il rinnovo automatico.

  • ricarica manuale: è la modalità per cui ogni mese si rinnova la propria offerta, effettuando la ricarica all’interno dell’Area Personale, presso una Simbox in un Iliad Store o Corner o, ancora, recandosi in un punto Sisal o Lottomatica, dove sarà possibile anche pagare in contanti. La ricarica manuale viene confermata sul credito residuo entro 24 ore dalla richiesta.

Passa a Vodafone da TIM, Wind e Tre: le offerte di Agosto 2020

Il mese di agosto 2020 è il momento giusto per attivare una delle offerte passa a Vodafone da TIM, WINDTRE o un qualsiasi altro operatore di telefonia mobile presente sul mercato italiano. A disposizione degli utenti, infatti, ci sono svariate opzioni da tenere in considerazione per poter contare su di un'offerta completa in grado di offrire un ricco bundle di minuti, SMS e Giga ad un prezzo vantaggioso. Ecco le migliori offerte "passa a Vodafone" di agosto 2020.

Roaming marittimo: sanzioni per Vodafone, TIM e WindTre per scarsa informazione sul servizio

Con l'ultimo bollettino settimanale, Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha comunicato l'arrivo di nuove sanzioni per alcuni operatori di telefonia mobile italiani (Vodafone, TIM e WINDTRE) a causa di pratiche commerciali scorrette legate al roaming marittimo. Le sanzioni, in particolare, sono dovute alla scarsa informazione per gli utenti ed all'assenza di contromisure efficaci per impedire l'attivazione automatica di un (costoso) servizio non richiesto dall'utente.

TIM smartphone incluso: le offerte di agosto 2020

Uno dei punti di forza del listino di offerte TIM è rappresentato dalle offerte smartphone incluso che consentono ai clienti dell'operatore di acquistare un nuovo smartphone con pagamento rateale e, in molti casi, con anticipo zero. Si tratta di un'ottima soluzione per massimizzare i vantaggi offerti dall'operatore ai suoi clienti. Ecco quali sono le migliori offerte TIM con smartphone incluso di agosto 2020.