Quanto consumano gli elettrodomestici: condizionatore, frigorifero, lavatrice


La domanda “quanto consumano gli elettrodomestici” non ha una risposta univoca nella misura in cui il consumo è legato a fattori differenti. In particolare, quelli che hanno un impatto maggiore sono:

  • la classe energetica dell’elettrodomestico;

  • il modo e il tempo di utilizzo dello stesso.

Esaminiamo di seguito quali sono tutte le possibili variabili che entrano in gioco in relazione ai vari elettrodomestici al fine di comprendere quali sono i consumi medi e quali strategie mettere in campo per cercare di ridurli e abbassare così il costo della bolletta della luce.

naomi-hebert-MP0bgaS_d1c-unsplash (1)

Da cosa dipende il consumo degli elettrodomestici?

Tra i fattori di maggiore rilevanza che impattano sul consumo degli elettrodomestici ci sono:

  • il numero di persone che ne fanno uso;

  • la superficie abitabile del luogo in cui si abita;

  • le abitudini dei singoli, quindi quanto tempo si trascorre in casa, quando e in che modo li si utilizzano;

  • la propria localizzazione geografica;

  • il numero di elettrodomestici e la tipologia, con particolare riferimento alla classe energetica.

Vediamo di seguito quanto consumano i principali elettrodomestici che si hanno in casa, dai più grandi ai più piccini per capire quali sono quelli che contribuiscono a far alzare maggiormente il costo della bolletta della luce.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Quanto consumano gli elettrodomestici

Il consumo degli elettrodomestici varia in relazione alla potenza assorbita dall’impianto elettrico, che è calcolata in Watt o in KiloWatt. Il consumo in bolletta viene indicato in kWh, misura che indica l’assorbimento di potenza per ogni ora in cui l’elettrodomestico rimane acceso.

Per esempio:

  • un elettrodomestico che ha una potenza di 1000 Watt, consuma 1kWh se rimane acceso per un’ora;

  • se ha una potenza di 2000 Watt, in un’ora vengono assorbiti 2 kWh, e così via.

Nella tabella in basso è stata riportata una stima dei consumi dei principali elettrodomestici utilizzati nella vita di tutti i giorni, per capire quale influisce di più sul costo della bolletta mensile.

Come sarà possibile notare:

  • gli elettrodomestici che hanno più peso sulla spesa della bolletta dell’energia elettrica sono la lavatrice, il forno elettrico, la lavastoviglie e il ferro da stiro;

  • il forno a microonde consuma leggermente meno del forno elettrico;

  • consuma di più l’asciugacapelli che non il frigorifero;

  • il consumo della stufa elettrica è superiore a quello del condizionatore;

  • le lampadine a LED consumano 10 volte meno rispetto alle tradizionali lampadine a filamento.

Elettrodomestico

Consumo medio

Condizionatore

1000 W

Lavatrice

2200 W

Frigorifero

100 W

Forno elettrico

2000 W

Lavastoviglie

2100 W

Forno a microonde

1200 W

Televisione

150 W

Asciugacapelli

1300 W

Ferro da stiro

2000 W

Aspirapolvere

1400 W

Frullatore

400 W

Lampadina LED

10 W

Lampadina a filamento

100 W

Stufa elettrica

1500 W

Cosa succede quando scatta il contatore

Nel momento in cui si utilizzano diversi elettrodomestici in grado di raggiungere una determinata potenza, si verifica lo scatto del contatore che comporta l’interruzione della fornitura di energia elettrica. Ciò avviene quando viene superata la potenza disponibile, che è pari al 10% in più della potenza impegnata. Per esempio, nei casi di potenza impegna di 3kW, è possibile prelevare una potenza massima di 3,3 kW.

Se si tiene accesso il frigorifero e la lavatrice non c’è il rischio che salti il contatore, altrimenti saremmo costretti a spegnere il frigo tutte le volte che dobbiamo fare il bucato. Quando, invece, si accendono al contempo phon, lavatrice e forno elettrico il salto del contatore è certo e immediato.

A proposito della potenza impegnata, è bene sapere che mentre prima del 2017 il livello di potenza e la differenza tra contratto residenziale e non residenziale influivano notevolmente sulla spesa della bolletta. Dal 2017 le cose sono cambiare con l’introduzione della tariffa TD, la quale ha portato all’eliminazione delle tariffe:

  • residenti fino a 3 kW;

  • residenti con più di 3 kW e non residenti.

La tariffa di rete TD non fa differenza tra i vari clienti domestici e non varia in relazione della sola potenza impegnata e del kWh ora prelevato dal singolo consumatore.

Come ridurre il consumo degli elettrodomestici

Ci sono diverse strategie che possono essere messe in pratica per apportare una riduzione effettiva del consumo degli elettrodomestici e dei dispositivi elettronici. La prima è rappresentata dalla classe energetica: nell’acquisto di un nuovo elettrodomestico è sempre meglio sceglierne uno che abbia una classe energetica almeno A++. Potrebbe costare di più rispetto ad altri modelli, ma permetterebbe di risparmiare parecchio sui costi della bolletta.

La seconda soluzione consiste nella comparazione delle migliori tariffe energia elettrica disponibili nel mercato libero: proprio grazie alla libera concorrenza i vari operatori del settore propongono offerte molto vantaggiose, sottoscrivibili direttamente online, che consentono di abbattere notevolmente il costo della bolletta della luce.

Le soluzioni sono di diverso tipo: nella maggior parte dei casi si tratta di tariffe a prezzo fisso, di tipo monorario, che includono sconti e servizi aggiuntivi, in particolare per tutti quei clienti che effettuano il passaggio dal mercato tutelato.

Consigli pratici per abbassare i consumi degli elettrodomestici

Ci sono poi diversi consigli pratici da seguire per ridurre il consumo di energia elettrica dei principali elettrodomestici. Tra questi, si annoverano:

  • la riduzione delle temperature di lavaggio della lavatrice: i cicli a 40°C permettono di risparmiare il 25% rispetto a quelli a 60°C;

  • prediligere i lavaggi brevi e quelli a pieno carico, evitando il prelavaggio quando non necessario;

  • pulire regolarmente la lavatrice, in particolar modo i filtri;

  • nel caso di tariffa bioraria, si consiglia di effettuare i lavaggi alla sera e durante i weekend.

L’asciugatrice, invece, dovrebbe essere utilizzata a pieno carico, preferendo programmi con aria fredda e dovrebbe essere pulita con una certa regolarità, soprattutto la parte del filtro e della vaschetta.

Per quanto riguarda il frigorifero:

  • è bene che sia posizionato lontano da fonti di calore e che non si trovi in una stanza non refrigerata, come una cantina;

  • la temperatura dovrebbe essere di 4-5°C, mentre quella del freezer di -18°C;

  • il freezer dovrebbe essere sbrinato una volta ogni tre mesi;

  • i piatti caldi in frigo devono essere evitati;

  • si dovrebbero controllare regolarmente le guarnizioni al fine di limitare eventuali perdite;

  • la griglia posteriore dovrebbe essere pulita ogni anno.

Anche la lavastoviglie dovrebbe essere sempre utilizzata a pieno carico, possibilmente con il tasto ECO attivato, che nei dispositivi moderni permette di ridurre i consumi del 45%. Quando si cucina, invece, sarebbe meglio:

  • evitare di aprire continuamente il forno, che devono essere pulito con regolarità, assieme agli ugelli dei fornelli;

  • usare il microonde per riscaldare e non per scongelare il cibo;

  • coprire le pentole con un coperchio quando si fa bollire l’acqua su una cucina a induzione in modo tale da consumare un quarto dell’energia necessaria.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Le migliori offerte luce e gas di agosto 2020

Una guida per scoprire quali sono le condizioni più insidiose presenti nei contratti di fornitura luce e gas e i consigli su come risparmiare sulle bollette energetiche e del gas di casa. Ecco l'analisi delle migliori offerte del mese di Agosto

Come risparmiare sulle bollette: le migliori offerte luce e gas di agosto 2020

I costi di luce e gas in Italia restano più elevati rispetto a quelli degli altri paesi europei. A pesare in modo particolare sulle bollette degli italiani sono i contributi fiscali, più alti anche del 20% rispetto al resto dei componenti dell'Unione europea. Ecco quali sono le offerte di energia e gas che permettono di risparmiare sulle bollette ad Agosto 2020