Come richiedere il bonus bollette 2021?


Tra le spese indispensabili per la vita di tutti i giorni, ma che possono impattare notevolmente sul bilancio familiare, ci sono sicuramente le bollette dell’energia elettrica, del gas, dell’acqua; soprattutto in caso di un inaspettato conguaglio ci si trova spesso a dover far fronte a spese ingenti, che possono complicare non poco la gestione delle proprie risorse economiche.

Bonus Luce e gas

Soprattutto dopo la pandemia da coronavirus si sono susseguite numerose iniziative statali volte a ridurre le difficoltà dovute alla crisi globale, come l’introduzione, dal 1° gennaio, dello sconto automatico per il bonus bollette 2021. Vediamo di seguito di che cosa si tratta.

Che cos’è il bonus bollette 2021

Con il nome di bonus bollette 2021 si indicano una serie di misure, i bonus sociali, tese ad aiutare le famiglie che sono in stato di disagio economico e quelle con un nucleo familiare particolarmente numeroso, grazie a un contributo per il pagamento delle utenze di acqua, luce e gas. 

Il bonus è stato introdotto dal Governo italiano in collaborazione con i Comuni e con l’Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente. Il bonus bollette 2021 in realtà è diviso in diversi bonus, ognuno dei quali segue regole specifiche, anche se la definizione di disagio economico che dà diritto ad essi è la stessa per tutti. I soggetti che possono beneficiarne sono i seguenti:

  • qualsiasi nucleo familiare con un reddito Isee non superiore a 8.265 euro;
  • i nuclei familiari che hanno almeno 4 figli a carico e un Isee non superiore a 20.000 euro;
  • i nuclei familiari percettori di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza.

Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per ciascuna tipologia per anno di competenza. 

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come funziona il bonus per l’energia elettrica

Per avere diritto al bonus per l’energia elettrica è necessario avere attivo un contratto di fornitura elettrica. Il valore dipende dal numero dei componenti della famiglia anagrafica e viene aggiornato ogni anno. Per l’anno 2021 l’ammontare del bonus è il seguente:

  • nuclei familiari da 1-2 componenti: 128 euro
  • nuclei familiari da 3-4 componenti: 151 euro
  • nuclei familiari da più di 4 componenti: 177 euro

Come funziona il bonus per il gas

Anche per il bonus gas bisogna avere una fornitura di gas attiva e il suo ammontare è stabilito in base al numero dei componenti del nucleo familiare, ma in questo caso viene introdotta, come variabile, anche la zona climatica di appartenenza del punto di fornitura, oltre all’uso che viene fatto del gas, per il seguente ammontare (aggiornato al 2021):

  • famiglie fino a 4 componenti (acqua calda sanitaria e/o uso cottura): 30 euro per tutte le zone climatiche
  • famiglie fino a 4 componenti (acqua calda sanitaria e/o uso cottura più riscaldamento): 67 euro per le zone A e B, 83 euro per la zona C, 109 euro per la zona D, 136 euro per la zona E, 170 euro per la zona F
  • famiglie con più di 4 componenti (acqua calda sanitaria e/o uso cottura): 46 euro per tutte le zone climatiche
  • famiglie con più di 4 componenti (acqua calda sanitaria e/o uso cottura più riscaldamento): 93 euro per le zone A e B, 121 euro per la zona C, 157 euro per la zona D, 192 euro per la zona E, 245 euro per la zona F

Come per il bonus per l’energia elettrica, l’ammontare del bonus bollette 2021 relativo al gas viene aggiornato ogni anno dall’autorità entro il 31 dicembre dell’anno precedente.

Come funziona il bonus per l’acqua

Il bonus acqua è l’ultimo a far parte del bonus bollette 2021 e funziona in modo un po’ differente dagli altri due: invece di essere una detrazione su una spesa, consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno, fissato in 50 litri al giorno a persona, per un totale di 18,25 metri cubi di acqua all’anno, cifra che viene considerata quella necessaria per il soddisfacimento dei bisogni essenziali. Il bonus viene calcolato per ogni componente della famiglia anagrafica dell’utente, e ad esempio per una famiglia di 4 persone consentirà di non dover pagare 73 metri cubi di acqua all’anno. 

Poiché la tariffe idriche non sono uniche a livello nazionale (a differenza di quelle per l’energia elettrica e per il gas), il valore del bonus idrico non è lo stesso per tutte le zone d’Italia, e quindi anche lo sconto in bolletta ha un ammontare variabile (sarà quindi necessario, per calcolarlo, moltiplicare 18,25 metri cubi per il numero di componenti della famiglia anagrafica e per la somma di tre diverse tariffe, ovvero la tariffa agevolata determinata per la quota variabile del corrispettivo di acquedotto, tariffa di fognatura individuata per la quota variabile del corrispettivo di fognatura e tariffa di depurazione individuata per la quota variabile del corrispettivo di depurazione). Visto che il calcolo non è semplice, è possibile contattare lo Sportello per il consumatore al numero verde 800 166 654 e richiedere l’assistenza per la verifica della correttezza dello sconto applicato.

Come chiedere il bonus bollette 2021

Come anticipato, se fino al 2020 per ricevere i bonus per l’acqua, il gas e l’energia elettrica era necessario fare apposita domanda presso i Comuni o i CAF, dal 2021 lo sconto viene applicato direttamente in bolletta. È sufficiente infatti che il cittadino o il nucleo familiare presenti la DSU, ovvero Dichiarazione Sostitutiva Unica che consente di ottenere l’attestazione ISEE indispensabile per ottenere tutte le varie prestazioni sociali agevolate (non solo il bonus bollette 2021, quindi, ma anche l’assegno di maternità, la mensa scolastica, il bonus bebè e così via).

La DSU può essere presentata:

  • all’ente che eroga la prestazione sociale agevolata;
  • al Comune;
  • a un CAF;
  • online all’INPS, attraverso il servizio dedicato.

La DSU comprende sia dati autodichiarati, come quelli anagrafici e quelli relativi ai beni patrimoniali posseduti al 31 dicembre del secondo anno precedente a quello di presentazione della dichiarazione, e altri che invece vengono direttamente acquisiti dall’Agenzia delle Entrate (come il reddito complessivo ai fine IRPEF) e dall’INPS (i trattamenti previdenziali, assistenziali e indennitari, che non rientrano nel reddito complessivo ai fini IRPEF).

Le verifiche per l’attribuzione del bonus sulle bollette dell’energia elettrica, dell’acqua e del gas partono dal 1° luglio del 2021. Secondo le stime, le famiglie che hanno diritto al bonus bollette 2021 sono 2,6 milioni; la scelta di attivare un sistema automatico per lo sconto deriva proprio dal fatto che, a fronte di una platea molto ampia di potenziali beneficiari, le richieste ricevute al CAF o ai Comuni quando ancora vigeva il meccanismo della domanda diretta sono state poche, per ignoranza della misura o per altre difficoltà; in questo modo, invece, una volta presentata la DSu ai fini ISEE al cittadino non è richiesto null’altro.

Il bonus ha una durata di 12 mesi a partire dalla data di ammissione all’agevolazione, e per gli anni successivi, oltre all’aggiornamento dell’ammontare, bisognerà continuare a verificare se il nucleo familiare rientra ancora tra i beneficiari in una delle categorie di disagio economico citate più sopra. 

A differenza dei tre bonus per le utenze, un altro bonus sociale, ovvero il bonus elettrico per disagio fisico (che spetta a chi si trova in gravi condizioni di salute e utilizza apparecchi salvavita) la richiesta dovrà essere presentata ancora presso il Comune o presso i CAF abilitati.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Miglior gestore luce e gas di agosto 2021: le offerte del mese

Il mercato libero dell’energia e del gas naturale si contraddistingue per la presenza di un gran numero di offerte che potranno essere attivate in qualsiasi momento. Abbiamo utilizzato il comparatore di SOStariffe.it per individuare qual è il miglior gestore luce e gas di agosto 2021: vediamo qual è il risultato della nostra comparazione. 

Quale tariffa luce e gas conviene ad Agosto 2021?

Il mese di agosto 2021 è appena iniziato ed è il momento giusto per dare un taglio alle bollette di luce e gas scegliendo le migliori tariffe presenti sul Mercato Libero. A disposizione delle famiglie, infatti, ci sono numerose offerte in grado di garantire un notevole risparmio in bolletta. Vediamo quale tariffa luce e quale tariffa gas scegliere ad agosto 2021 per ottenere il massimo risparmio in bolletta rispetto al mercato tutelato.