Copertura TIM, Vodafone, Wind, TRE e Iliad: come capire quale operatore “prende” meglio

La copertura di rete è un aspetto che non può non essere considerato quando si tratta di scegliere a quale operatore affidarsi. Ogni provider dispone di una tecnologia differente e alcuni hanno prestazioni superiori rispetto alla concorrenza. Di seguito vi proponiamo un’analisi approfondita sulle capacità di rete di Tim, Vodafone, Wind e Iliad per aiutarvi a selezionare l’offerta che fa per voi…

Analisi sulla copertura di rete di Wind, Tim, Tre, Iliad e Vodafone

Qualche anno fa, all’inizio dell’era della telefonia mobile, era comune dover vagare per la casa o senza meta alla ricerca del segnale. Oggi fortunatamente la tecnologia si è evoluta ma il problema della copertura di rete è comunque molto attuale. Anche solo effettuare una chiamata in alcune zone d’Italia o città può essere un problema se non addirittura una vera e propria missione impossibile. L’affare si complica ulteriormente quando si tenta di connettersi ad Internet dallo smartphone. Sfortunatamente il nostro Paese non è proprio all’avanguardia sotto questo aspetto. Attualmente gli utenti del Belpaese possono contare su una rete 3G (UMTS/HSPA) fino a 42.2 Mbps ma si tratta di una modalità di comunicazione ormai obsoleta e utilizzata solo in caso di emergenza.

La maggior parte degli operatori garantisce il supporto allo standard di rete 4G LTE, che offre una connessione più stabile e veloce, ma la copertura non è propriamente omogenea a livello nazionale. L’anno prossimo o al massimo nel 2020 dovrebbe debuttare ufficialmente il tanto atteso 5G, nel frattempo gli utenti italiani possono usufruire comunque di una banda fino a 300 Mbps in fase di download.

Trova l’offerta migliore per te »

Conoscere le potenzialità dell’infrastruttura offerta dai vari gestori è di fondamentale importanza quando si tratta di scegliere a chi affidarsi o se si ha intenzione di cambiare operatore. Al primo posto per prestazioni troviamo Vodafone. L’azienda britannica ottiene il punteggio massimo per quanto riguarda sulla velocità di rete in 4G LTE e dispone di una rete di ripetitori sparsi su tutta la penisola che garantiscono una copertura capillare per i propri clienti. Vodafone inoltre propone piani telefonici con un rapporto qualità prezzo tra i più interessanti sul mercato. La nota negativa è che il provider del Regno Unito ha la tendenza a rimodulare le proprie offerte ad appena 12 mesi dalla sottoscrizione e nella maggior parte si tratta di rincari sul costo finale per l’utente.

Tim ottiene la medaglia d’argento in questa speciale classifica disponendo di una rete 4G LTE molto vicina quella del leader del settore per velocità. Per quanto riguarda il 3G l’operatore italiano, invece, non ha rivali. L’unico neo della società di telecomunicazioni nazionale è che i suoi piani tariffari hanno un costo medio superiore a quelli della concorrenza.

Veniamo ora a Wind e Tre. il 31 dicembre del 2016 le due aziende si sono ufficialmente fuse ma l’operazione non ha migliorato la copertura da loro offerta. I clienti dei due operatori mostrano risultati altalenanti in termini di prestazioni di rete. Nelle metropoli la connessione è stabile e veloce ma allontanandosi dai grandi centri urbani molto spesso capita che il telefono “non prenda”. Wind e Tre sono quindi soluzione sconsigliate per coloro che per lavoro o qualsiasi altro motivo devono affrontare numerosi viaggi o spostamenti nell’arco dell’anno. Per tutti gli altri, entrambi i provider propongono offerte ricche di minuti e Gigabyte per navigare su Internet a prezzi convenienti.

Iliad è uno dei nuovi attori nel panorama della telefonia mobile italiana ma in pochi mesi ha già conquistato diversi utenti grazie ad una strategia commerciale aggressiva che punta su prezzi decisamente bassi rispetto a quelli a cui eravamo abituati. L’operatore francese ha messo in seria difficoltà i grandi player del settore, che sono stati costretti a rivedere al ribasso le loro promozioni per non perdere ulteriore terreno. Non è un caso che nella sua campagna pubblicitaria parli di “rivoluzione”. Iliad ha però un grave problema. L’operatore mobile virtuale (MVNO) non dispone di una sua infrastruttura fisica di rete e per questo si appoggia all’inefficiente tecnologia di Wind. In questi giorni infatti i suoi clienti hanno registrato seri problemi di connessione ancora in corso di risoluzione.

Gli operatori al fine di offrire la massima trasparenza permettono di conoscere in ogni momento la copertura offerta. Questa può essere controllata direttamente dall’utente sul sito del rispettivo provider. Solitamente viene presentata una mappa dell’Italia associata ad una barra di ricerca in cui inserire il comune o la provincia desiderata e la tipologia di rete (2G, 3G, 4G e 4G+). Cliccando sull’apposito tasto si potrà accedere ai dati sul grado di copertura. La scelta dell’operatore resta comunque molto complicata considerando che l’offerta è piuttosto varia e diversificata. Per qualsiasi dubbio o perplessità sotto questo aspetto vi rimandiamo al comparatore di SosTariffe.it, il più efficace e completo disponibile sul mercato.

Commenti Facebook: