Come verificare se il contatore del gas funziona correttamente


Come essere sicuri che i conteggi del contatore gas siano giusti? E' possibile farlo controllare e, se si, quanto costa? Altroconsumo fornisce una serie di consigli utili su come verificare se il contatore del gas funziona correttamente, scopriamoli insieme.

Le associazioni dei consumatori ricevono moltissime domande dai consumatori, riguardo il corretto funzionamento dei contatori intelligenti per le forniture di energia elettrica e gas, soprattutto perché sul web girano molti commenti che affermano che i contatori non sarebbero adeguatamente omologati.

Per fare un po' di chiarezza al riguardo, Altroconsumo fornisce una serie di indicazioni e consigli validi per verificare il corretto funzionamento dei nuovi contatori gas per evirarne i problemi. Di seguito, facciamo un riassunto di quei consigli.

Come si fa a sapere se il contatore del gas funziona bene o scatta troppo?

Siccome il mercato del gas è stato liberalizzato ancora prima di quello della luce (nel 2003), alcuni contatori sono vecchi di decenni. Per questo motivo, è valido chiedersi se ancora sono in grado di misurare bene i consumi.

Per fortuna, sebbene i problemi di malfunzionamento dei contatori siano possibili, non sono così frequenti come si potrebbe pensare.

Secondo Altroconsumo, i problemi più comuni riguardano i vecchi modelli a “membrana animale” che possono presentare  eventuali errori di conteggi superiori alle “tolleranze” stabilite dall'Autorità.

Attenzione però perché questo malfunzionamento in particolare può andare sia a favore che a sfavore dell'utente: potrebbe non conteggiare bene i piccoli consumi di gas prolungati, come quello di un fornello al minimo, oppure segnare consumi maggiori di quelli effettivi quando c'è un elevato richiamo di gas, come l'accensione della caldaia o del forno.

Per questo motivo, anche se le bollette del gas non siano sproporzionate ai consumi, è consigliato far controllare i contatori del gas vecchi.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Come far controllare il contatore del gas? Quanto costa?

Nel caso del gas, la verifica del contatore va effettuata dall'impresa di distribuzione, e può avvenire nell'abitazione del cliente oppure in un laboratorio qualificato (ovviamente, in quest'ultimo caso il distributore sostituisce il contatore).

Per quanto riguarda il costo della verifica del contatore, a volte è gratuita, oppure agevolata. Tutto dipende dell'anzianità del dispositivo e del suo funzionamento, e varia a seconda della zona dove si abita.

La legge stabilisce l'obbligatorietà di pubblicare, sui siti web delle aziende distributrici di gas della zona, i costi per la verifica dei contatori.

Se avete una fornitura gas Enel Energia, ad esempio, dovrete versare 40 euro per la verifica del contatore domestico solo in caso non sia stato controllato negli ultimi 5 anni.

Per maggiori informazioni, vi consigliamo di rivolgervi alla vostra compagnia fornitrice di luce e gas. Se volete risparmiare, vi ricordiamo che passando al mercato libero potete tagliare la spesa per entrambi i servizi di oltre 300 euro all'anno.

Il passaggio è gratuito, la continuità del servizio è garantita dall'Autorità e non occorrono modifiche agli impianti.

Sul nostro portale è possibile mettere a confronto le migliori offerte energia elettrica e gas del mercato libero per identificare rapidamente le proposte che meglio si adattano alle vostre esigenze.

Confronta Tariffe Gas »

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Aumenti luce e gas: l'intervento del Governo copre solo il 6% dei rincari

Gli aumenti sulle bollette di luce e gas registrati ad inizio gennaio si tradurranno in vere e proprie stangate per le famiglie italiane che, nel corso dei prossimi mesi, registreranno dei veri e propri picchi negli importi da pagare per le forniture di energia elettrica e gas naturale. Ad attenuare i rincari si è registrato un intervento del Governo con alcune norme incluse nella Legge di Bilancio. Secondo le stime della Cgia di Mestre, però, l'intervento del Govero copre solo una ridottissima percentuale degli aumenti su luce e gas. Vediamo i dettagli.

Caro bollette del Governo: le mosse per ridurre gli aumenti

Quali sono le ultime misure che sono state messe in campo dal Governo per contrastare il caro bollette di gennaio 2022? Vediamo insieme il contenuto del Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 57, emanato il 21 gennaio 2022, e quali sono le mosse che si possono compiere in prima persona.