Scaldabagno elettrico o a gas: quale conviene


Meglio lo scaldabagno elettrico o a gas? Il confronto fra i due consente di individuare, con precisione, la soluzione migliore da utilizzare nella propria casa. Si tratta di due prodotti completamente diversi tra loro anche se utilizzati per lo stesso scopo. Per capire se conviene lo scaldabagno elettro o a gas è necessario valutare il consumo e le caratteristiche di queste due tipologie di impianti per il riscaldamento dell’acqua. Vediamo tutto quello che c'è da sapere sulla questione.scaldabagno

Prima di procedere con l'articolo, ricordiamo che tramite il comparatore di SOStariffe.it per pannelli fotovoltaici è possibile confrontare diversi preventivi proposti dalle principali aziende di settore che permettono di avere un'idea precisa sui costi reali da affrontare per puntare sul fotovoltaico e ridurre la spesa per l'energia elettrica. Clicca sul box qui di sotto per confrontare subito i preventivi.

Confronta i preventivi per pannelli fotovoltaici »

Nella scelta dello scaldabagno è opportuno valutare le varie opzioni a propria disposizione. Conviene lo scaldabagno elettrico o a gas? Gli aspetti da considerare sono diversi. Per individuare la soluzione migliore, infatti, bisognerà valutare svariati fattori. Nella scelta tra lo scaldabagno elettrico e quello a gas sarà necessario avviare un confronto che prenda in considerazione il consumo, le modalità di utilizzo e le caratteristiche dei due dispositivi.

Le differenze tra scaldabagno elettrico o a gas

Conviene lo scaldabagno a gas o elettrico? Questa è una domanda a cui è molto importante rispondere per individuare le soluzioni migliori per il riscaldamento dell’acqua, sia dal punto di vista pratico che per quanto riguarda le spese da affrontare per poter usufruire di un servizio di questo tipo. Il confronto tra scaldabagno elettrico e scaldabagno a gas è, quindi, necessario per poter scegliere con precisione qual è la tipologia di scaldabagno più adatta alle proprie esigenze.

Uno scaldabagno elettrico presenta un sistema di funzionamento molto semplice. L’utente deve impostare la temperatura obiettivo a cui portare l’acqua che viene conservata all’interno di un apposito serbatoio. L’impostazione della temperatura può essere effettuata manualmente mentre, una volta attivato, il dispositivo sarà in grado di riscaldare l’acqua, portandola alla temperatura desiderata, in modo automatico. Il funzionamento dello scaldabagno elettrico è molto semplice.

All’interno del dispositivo è presente una resistenza elettrica che sarà attraversata dalla corrente, generando calore che verrà utilizzato per riscaldare l’acqua conservata all’interno di un serbatoio incluso nello scaldabagno stesso. In base alle esigenze dell’utente, l’acqua verrà conservata ad una temperatura che, di solito, si aggira tra i 30 ed i 60 gradi centigradi. Se il serbatoio è pieno e l’acqua al suo interno è riscaldata, aprendo il rubinetto sarà possibile utilizzare immediatamente l’acqua calda ottenuta grazie allo scaldabagno elettrico. In caso contrario, il dispositivo si attiverà per riscaldare l’acqua.

Lo scaldabagno a gas, invece, presenta un funzionamento simile a quello di una caldaia a gas. Il dispositivo viene alimentato a metano o a GPL. Una fiamma riscalderà l’acqua in arrivo dalle tubature per consentire all’utente di ottenere acqua calda. In questo caso, non c’è un serbatoio dell’acqua e il riscaldamento avviene grazie ad apposite serpentine che consentono di incrementare rapidamente la temperatura dell’acqua.

Attivando il rubinetto, quindi, si registrerà un riscaldamento praticamente immediato dell’acqua, senza la necessità di dover riempire il serbatoio. Una volta chiuso il rubinetto, lo scaldabagno a gas interromperà il suo funzionamento, limitando così i consumi di combustibile. Pur avendo un obiettivo simile, lo scaldabagno elettrico e quello a gas presentano differenze sostanziali nel sistema utilizzato per riscaldare l'acqua presentando specifici vantaggi e svantaggi.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Scaldabagno elettrico o a gas: vantaggi e svantaggi

Il confronto tra scaldabagno elettrico e a gas va fatto prendendo in considerazione i vantaggi e gli svantaggi di questi due dispositivi. In entrambi i casi, l’obiettivo è riscaldare l’acqua in modo da poter utilizzare, semplicemente, l’acqua calda in casa. Le differenze tra lo scaldabagno elettrico e quello a gas sono significative e ogni soluzione presenterà vantaggi e svantaggi ben precisi.

  • Per quanto riguarda i consumi, scegliere uno scaldabagno a gas è, generalmente, un’opzione più conveniente per quanto riguarda i costi di gestione. In media, infatti, l’utilizzo di un dispositivo di questo tipo consente di ridurre al minimo i consumi necessari per il riscaldamento dell’acqua. Uno scaldabagno elettrico di nuova generazione, però, offre, in media, un’efficienza energetica molto elevata andando a ridurre le differenze, in tema di consumi, rispetto a quello a gas. In alcuni contesti, ad esempio per chi ha bisogno di poca acqua calda, uno scaldabagno elettrico può essere un’ottima scelta anche per quanto riguarda i consumi.
  • Per quel che riguarda l'ingombro, uno scaldabagno elettrico in genere occupa più spazio di uno a gas in quanto necessità dell’integrazione di un serbatoio per l’acqua. Tra i vantaggi di uno scaldabagno a gas, quindi, c’è la possibilità di beneficiare di un ingombro decisamente più contenuto, risultando anche più piccoli rispetto alle caldaie a gas. Questi dispositivi, inoltre, possono essere dotati di batterie in modo da risultare indipendenti dalla rete elettrica.
  • Sia la semplicità di installazione sia il prezzo d'acquisto e montaggio più contenuto sono i vantaggi più significativi di uno scaldabagno elettrico rispetto ad un modello a gas. Per funzionare, infatti, lo scaldabagno elettrico richiede esclusivamente il collegamento ai tubi dell’acqua ed alla presa di corrente. Il montaggio, eseguito da un idraulico specializzato, è spesso molto semplice ed economico. Lo scaldabagno a gas, invece, presenta tra gli svantaggi la necessità di essere collegato all’impianto di erogazione del metano o ad un serbatoio di GPL. In entrambi i casi, ci troviamo di fronte a interventi ben più costosi anche per la necessità di rispettare stringenti norme di sicurezza.
  • Per quanto riguarda il prezzo, invece, il confronto tra scaldabagno elettrico ed a gas vede il modello elettrico prevalere. L’acquisto e l’installazione di uno scaldabagno elettrico comporta una spesa inferiore rispetto ad un modello a gas. Quest’aspetto viene compensato da costi di gestione più alti per un modello elettrico, in molti contesti di utilizzo. Di solito, infatti, lo scaldabagno elettrico presenta un "peso" sulla bolletta maggiore rispetto a quello dello scaldabagno a gas.

Consumo scaldabagno elettrico o a gas

Il consumo di uno scaldabagno elettrico tende ad essere abbastanza elevato rispetto al consumo di combustibile di uno scaldabagno a gas. Si tratta di un aspetto da considerare con molta attenzione per valutare, con precisione, i costi per il riscaldamento dell'acqua. Per le famiglie numerose, infatti, risulterà più conveniente puntare su soluzioni a gas. Per chi consuma poca acqua, invece, le differenze in termini di consumo tra scaldabagno elettrico e a gas saranno ridotte.

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Come scaricare il modulo per il bonus luce e gas a ottobre 2021

Per contrastare gli aumenti in bolletta luce e gas il Governo ha deciso, tra le altre misure, di integrare i bonus elettrico e gas, si tratta di due contributi riconosciuti a chi è in situazioni di disagio economico o fisico. I beneficiari dei bonus hanno diritto a degli sconti in bolletta, ecco quali sono le rimodulazioni per il periodo Ottobre-Dicembre 2021 e come puoi fare richiesta dei bonus

Bollette luce e gas: rischio nuova stangata a fine 2021 secondo ARERA

I forti rincari sulle bollette di luce e gas registrati ad inizio ottobre non saranno un caso isolato e potrebbero ripetersi già il prossimo trimestre. La conferma arriva in queste ore da parte di Stefano Besseghini, presidente di ARERA, che, nel corso di un'audizione in commissione Industria al Senato, ha chiarito quelli che potrebbero essere gli scenari sull'andamento dei prezzi di luce e gas per i prossimi mesi. Ecco quanto anticipato dal presidente dell'Autorità per l'Energia.