Lampadine a incandescenza


Questa tipologia di lampadine sono di vecchia generazione e sono state abbandonate dato che generavano una grande dispersione di calore e quindi di energia.

L’Unione Europea ha messo al bando questi prodotti a partire dal settembre 2009. Il progressivo divieto della produzione delle lampadine di questo tipo è iniziato da quelle con una potenza uguale o maggiore a 100 W, per arrivare, nel 2012, alla disposizione che ha vietato la produzione di questi dispositivi di qualsiasi potenza.

Il principio di funzionamento di queste lampadine a incandescenza era l’irraggiamento di fotoni, questo fenomeno era possibile grazie ad un elemento metallico, presente in questi dispositivi, che veniva surriscaldato. Le lampadine sono infatti composte dal tradizionale bulbo di vetro e un filamento di tungsteno.

Un’evoluzione delle vecchie lampadine ad incandescenza prevedeva anche l’inserimento di un gas inerte nel bulbo, questo espediente serviva per ridurre il pericolo di implosione e per ridurre l’usura dei filamenti. La vita media di questi piccoli filamenti di metallo è di circa 1000 ore.

 Questo sistema di illuminazione è poco efficiente, le lampadine di questo tipo convertono in luce solo il 5% dell’energia prodotta. Per l’uso quotidiano le lampadine ad incandescenza sono state sostituite con quelle alogene e di recente si stanno diffondendo i LED (che consentono anche un risparmio energetico), gli unici casi in cui sono ancora utilizzate i vecchi dispositivi sono le luci degli elettrodomestici.

Di recente è stato sviluppato un nuovo rivestimento del bulbo che dovrebbe permettere di recuperare il calore che viene disperso dalle lampadine a incandescenza, questa tecnologia è chiamata recycling light.

Il funzionamento di questo rivestimento recupera il calore perso grazie ad una sorta di rimbalzo che riporta il calore dal vetro al tungsteno. Con il nuovo sistema le lampadine ad incandescenza potrebbero avere una resa pari a quelle dei dispositivi a basso consumo.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Bonus condizionatore 2021: come ottenerlo senza ristrutturare casa

Il Bonus Condizionatore 2021 è un'importante agevolazione che consente di ottenere una detrazione fiscale, fino al 65% dell'importo speso, sull'installazione di un nuovo impianto di raffreddamento domestico, anche in caso di sostituzione di un impianto già esistente e caratterizzato da un consumo energetico maggiore. Per accedere al Bonus Condizionatore 2021 non è necessario effettuare ulteriori investimenti in quanto l'agevolazione viene concessa anche senza ristrutturare casa grazie alla normativa prevista dall'Ecobonus 2021. In base alla tipologia di intervento realizzata in casa sarà possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% o del 65%.

Quali sono le detrazioni fiscali 2021 per condizionatori?

Con l'estate oramai alle porte, si avvicinano le giornate di caldo intenso e diventa necessario accendere il condizionatori. Chi non ha ancora questo tipo di elettrodomestico, oppure ha la necessità di sostituirlo per puntare su di una soluzione più moderna ed efficiente, potrà contare sulle detrazioni fiscali per condizionatori disponibili per il 2021. A disposizione dei contribuenti italiani, infatti, ci sono svariate opzioni su cui puntare per ammortizzare la spesa per l'acquisto di uno o più condizionatori. Vediamo tutti i dettagli.