Come iscriversi al registro delle opposizioni cellulare?

Aggiornato il: 06/12/2023
di Alessandro Voci
Pubblicato il: 06/12/2023

In 30 secondi

Registro delle Opposizioni: a che serve e come iscriversi

  • Il Registro Pubblico delle Opposizioni (RPO) è un servizio gratuito che permette di interrompere l’utilizzo dei propri dati personali e del numero di telefono per attività di telemarketing, bloccando di fatto le chiamate dai call center
  • Per effettuare l’iscrizione al Registro delle Opposizioni è possibile accedere al sito web ufficiale, chiamare un apposito numero di telefono oppure inviare il modulo via mail
  • Gli utenti possono verificare in pochi passi se il proprio numero è già iscritto al Registro delle Opposizioni
  • Tramite il sito dell'RPO è possibile segnalare illeciti e truffe legate al telemarketing

Ricevi continuamente chiamate promozionali di telemarketing? Ecco di seguito tutto quello che c'è da conoscere riguardo il nuovo Registro Pubblico delle Opposizioni (RPO) per il cellulare, attivo dal 27 luglio 2022: questo strumento promette di bloccare le chiamate in arrivo dai call center, revocando retroattivamente il consenso al trattamento dei dati personali.

Riuscire a evitare del tutto di fornire i nostri dati sensibili a ditte terze è molto difficile, almeno fino ad oggi. La conseguenza è che il nostro numero di telefono diventa il bersaglio di numerose proposte pubblicitarie di ogni genere. Tutto ciò, per fortuna, ha i giorni contati, grazie all'iscrizione al nuovo Registro pubblico delle opposizioni per il cellulare: vediamo cos'è, le novità, come iscriversi e tanto altro.

Cos’è il Registro pubblico delle opposizioni? Le novità per i cellulari

Il Registro pubblico delle opposizioni è un servizio gratuito messo a punto dallo Stato italiano per permettere a chi lo desidera di sottrarsi all’utilizzo dei propri dati personali e del proprio numero telefonico per le vendite o le promozioni commerciali, che sono diventate sempre più insistenti con il passare degli anni.

Grazie, infatti, al Registro delle opposizioni, creato nel 2010 e ulteriormente aggiornato nel 2018 e nel 2022, con un apposito decreto del governo Draghi, è possibile richiedere la rimozione del proprio numero (o del proprio indirizzo di casa) per finalità di marketing, e quindi finalmente non essere più tempestati di telefonate o di lettere commerciali.

La novità più rilevante del nuovo decreto è che l’ambito di applicazione è finalmente esteso anche ai telefoni cellulari: si parla quindi di circa 78 milioni di utenti mobile interessati nel paese. una scelta doverosa considerando quanto, al giorno d’oggi, sia comune avere soltanto uno smartphone come numero telefonico al posto del vecchio telefono fisso. 

Iscrivendosi al Registro Pubblico delle Opposizioni, in modo completamente gratuito, è possibile opporsi all’utilizzo del proprio numero di telefono, sia fisso che mobile, per finalità pubblicitarie. Gli operatori del settore non possono contattare le utenze iscritte nel registro. Con l’iscrizione vengono annullati i consensi alla pubblicità rilasciati in precedenza.

L’iscrizione al Registro delle opposizioni è disponibile per “qualunque persona fisica, persona giuridica, ente o associazione intestataria di un contratto telefonico”. La normativa, invece, definisce come Operatore “qualunque soggetto, persona fisica o giuridica, che in qualità di titolare del trattamento dei dati personali intende svolgere attività di marketing o ricerche di mercato mediante il telefono e/o la posta cartacea”.

Nuovo registro delle opposizioni per i cellulari: come iscriversi?

Per iscriversi al registro delle opposizioni esistono 3 diverse modalità per l’iscrizione al Registro con il proprio numero cellulare o fisso:

  1. registrazione tramite sito web
  2. registrazione tramite numero verde
  3. registrazione tramite email

Vediamo ciascuna modalità in dettaglio:

  • La registrazione tramite sito web è la modalità in assoluto più semplice e veloce. È infatti sufficiente utilizzare il proprio browser per visitare il sito https://registrodelleopposizioni.it/ ed andare poi nella sezione Per il cittadino cliccando sul tasto Entra. A questo punto è necessario scegliere l’opzione Iscriviti ed effettuare l’accesso. Per velocizzare al massimo la procedura, l’accesso può avvenire tramite SPID. In alternativa, è possibile completare l’iscrizione senza autenticazione SPID, cliccando su SENZA AUTENTICAZIONE > Entra senza autenticazione. L’iscrizione online al registro viene completata andando ad inserire tutti i dati richiesti per il numero telefonico da aggiungere a RPO.
  • Oltre al sito web, ci si può iscrivere al Registro pubblico delle opposizioni anche chiamando il numero verde 800 265 265 (per chi chiama da fisso) oppure allo 06 429 86411 (per chi chiama da mobile) e seguendo la procedura in automatico, con la dettatura di alcuni dati personali come il codice fiscale o la partita IVA. In questo caso, però, la procedura va ripetuta per ogni numero che si vuole iscrivere, a differenza del sito web che consente di fare tutto in una volta. Se ci sono delle difficoltà è possibile richiedere l’assistenza di un operatore umano, disponibile però solo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.
  • Anche l’e-mail può essere utilizzata per iscriversi al Registro: basta scaricare il modulo seguente
Modulo registro delle opposizioni  Scarica       
  • per poi stamparlo, compilarlo e scansionarlo, e infine inviarlo all’indirizzo di posta elettronica iscrizione@registrodelleopposizioni.it. Il modulo può anche essere compilato ed inviato direttamente dal sito del RPO

Tramite l’area Per il Cittadino del sito registrodelleopposizioni.it è possibile gestire la propria iscrizione, verificare quali sono i numeri iscritti e, eventualmente, aggiungerne altri.

Quanto costa l'iscrizione al registro delle opposizioni?

L’iscrizione al Registro pubblico per le opposizioni è completamente gratuita e non viene richiesto all’utente alcun tipo di pagamento, sia nel caso di telefonate ricevute al fisso che in quelle ricevute al cellulare. 

Come fare per non ricevere più telefonate pubblicitarie moleste?

Una volta inviata la richiesta tramite una delle modalità elencate qui sopra, le chiamate di telemarketing molesto verso il proprio cellulare saranno bloccate entro 15 giorni dall'iscrizionese dovessero permanere nonostante tutto ci si può rivolgere al Garante per la protezione dei dati personali effettuando una segnalazione o un reclamo - per tutte le istruzioni consigliamo di andare all'indirizzo www.garanteprivacy.it/home/diritti/come-agire-per-tutelare-i-tuoi-dati-personali - o all'Autorità giudiziaria.

È comunque da ricordare che è buona regola controllare con attenzione, quando ci si iscrive a qualsiasi genere di servizio soprattutto sul web ma non solo, di quali nostri dati stiamo acconsentendo alla divulgazione: non tutte le “spunte” del contratto sono infatti obbligatorie, ed è meglio perdere qualche minuto per controllare ed evitare di dare il consenso della cessione dei propri dati a terzi per il telemarketing.

Il mancato rispetto del Registro delle Opposizioni da parte degli operatori del settore prevede sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di euro oppure fino al 4% del fatturato mondiale annuo registrato nell’esercizio precedente (si applica la sanzione più elevata).

Come faccio a sapere se si è iscritti al registro delle opposizioni?

Per verificare l’iscrizione al registro delle opposizioni è possibile accedere al sito ufficiale, utilizzato per l’iscrizione tramite procedura online, e seguire il percorso Per il cittadino > Entra > Gestisci iscrizione (per effettuare l’accesso è possibile utilizzare il proprio SPID). In alternativa, si può chiamare al numero 800 957 766 in caso di utenze fisse o il numero 06 42986411 in caso di cellulari e seguire le istruzioni.  

Difendersi dalle truffe telefoniche con il Registro delle Opposizioni per il cellulare

Il Registro delle Opposizioni rappresenta un importante strumento per prevenire le truffe telefoniche, in particolare quelle legate all’attivazione di contratti non richiesti per le forniture luce e gas. Tali contratti, per il completamento dell’attivazione, richiedono poche informazioni (i dati anagrafici dell’intestatario del contratto ed i dati della fornitura, in particolare i codici POD/PDR identificativi della fornitura).

Sfruttando i canali telefonici, quindi, potenziali truffatori, o comunque venditori disonesti, hanno la possibilità di reperire le informazioni dell’utente e spingendolo con l’inganno all’attivazione di un contratto non richiesto. C’è anche la cosiddetta “truffa del sì” che prevede la registrazione dell’audio dell’utente e la successiva estrapolazione di parole o locuzioni specifiche che andranno poi rimontate ad arte per simulare l’accettazione di un contratto via telefono.

Le truffe che sfruttano i canali telefonici possono anche essere molto più semplici. Un venditore, infatti, potrebbe spingere l’utente ad accettare l’attivazione di un’offerta presentando condizioni contrattuali false o solo parzialmente corrette. In questo caso, si tratta di un vero e proprio raggiro che porta all’attivazione di un contratto differente da quello proposto.

Per difendersi dalle truffe, imparare a identificarle in anticipo e bloccarle del tutto, SOStariffe.it ha realizzato un decalogo sulle truffe luce e gas telefoniche più comuni che può aiutare l’utente a proteggersi contro diverse tipologie di truffe. Ricorrendo alle informazioni del decalogo e al Registro delle Opposizioni, che blocca le chiamate non richieste a scopo commerciale, quindi, c’è la possibilità di massimizzare le difese contro i tentativi di truffa via telefono.

Da notare, inoltre, che il Garante per la protezione dei dati personali ha messo a disposizione un servizio che consente ai consumatori di segnalare illeciti e chiamate di telemarketing desiderate. Anche in questo caso, per sfruttare il servizio, basta collegarsi al sito registrodelleopposizioni.it. Tra le varie categorie presenti nella barra in alto (in caso di accesso da desktop) è possibile individuare la sezione Segnala un illecito.

Una volta cliccato sul collegamento e raggiunta la sezione in questione, è possibile premere su Accedi al servizio. Il sistema indirizzerà l’utente a un modulo online in cui bisognerà inserire i dati del segnalante oltre che tutti i dati relativi all’illecito da segnalare. Naturalmente, i propri dati personali saranno al sicuro e saranno trattati nel rispetto di una precisa informativa consultabile direttamente dal link posizionato al di sotto del modulo da compilare.

Il sistema sviluppato dal Garante consente, quindi, ai consumatori di ottenere uno strumento in più per difendersi dalle truffe telefoniche.

Altri metodi per bloccare un numero

Oltre al Registro pubblico delle opposizioni, ci sono altri modi per bloccare un numero “molesto”: sia gli smartphone con sistema iOS che quelli Android, infatti dispongono di una particolare lista di numeri bloccati, e quando si è sicuri che un numero da cui si riceve una chiamata è utilizzato solo per il telemarketing lo si può bloccare direttamente dal registro delle telefonate ricevute. In questo modo, se arriveranno nuove telefonate da quel numero non ce ne accorgeremo nemmeno, perché non verranno inoltrate al nostro telefono.

Domande correlate

Quando sarà attivo il Registro delle Opposizioni cellulari?

Il nuovo Registro pubblico delle Opposizioni per il cellulare sarà attivo a partire dal 27 Luglio 2022.

Quanto dura l'iscrizione al Registro delle Opposizioni?

L'iscrizione al Registro delle Opposizioni termina al cambiare dell'intestatario del contratto di telefonia mobile o alla cessazione dell'utenza. La cancellazione è automatica e l'aggiornamento del registro avviene periodicamente ogni 10 giorni.

Perché i call center continuano a chiamare nonostante il registro delle opposizioni?

Fra i motivi per i quali l'iscrizione al Registro delle opposizioni può non aver bloccato le chiamate di telemarketing indesiderate vi sono: le chiamate possono essere fatte da call center stranieri o da sistemi automatizzati che chiamano da numeri fittizi non rintracciabili, gli operatori possono non aver consultato gli aggiornamenti mensili del Registro o l'utente potrebbe concluso un acquisto online e aver acconsentito senza troppa attenzione al trattamento dei propri dati personali per fini commerciali.