Problemi TIM oggi: come risolverli e chi chiamare


TIM è tra gli operatori di rete fissa storici in Italia e dispone di una rete veloce, stabile e distribuita capillarmente sul territorio. Il provider a seconda della copertura disponibile permette di attivare offerte fibra ottica nelle varianti FTTH (Fiber to the Home) fino a 1 Gigabit al secondo o FTTC (Fiber to the Cabinet) fino a 200 Mbps.

Problemi di connessione internet con TIM

Dove non arriva la fibra ottica si può scegliere tra ADSL e FWA (Fixed Wireless Access). Potete verificare la copertura disponibile nel vostro Comune con estrema facilità e soprattutto gratuitamente su SOStariffe.it. Il comparatore vi mostrerà anche le migliori offerte Internet casa sulla base della tecnologia a cui è possibile accedere e le vostre specifiche abitudini di consumo.

E’ molto raro che la rete di TIM cada o che si presentino malfunzionamenti a livello locale ma cosa fare quando non si riesce a navigare? L’operatore si contraddistingue per un efficiente e puntale servizio di assistenza tecnica al cliente e di diversi canali di supporto sia online sia più tradizionali.

Problemi TIM oggi: come risolverli

Per risolvere la maggior parte dei problemi alla linea fissa di TIM a volte basta eseguire alcune semplici verifiche e procedure che non richiedono particolari competenze a livello informatico.

Scopri le migliori offerte del mercato

Impossibile navigare

La prima cosa da fare è accertarsi che l’impossibilità a navigare sia dovuta al dispositivo utilizzato per connettersi a Internet.

Per verificarlo si può provare a collegarsi alla stessa rete tramite altri terminali come uno smartphone o un tablet. Se riuscite a navigare significa che c’è qualcosa che non va con il primo dispositivo. Su PC si possono chiudere eventuali antivirus e sistemi di protezione, avviare la risoluzione dei problemi o collegarlo direttamente al modem tramite cavo Ethernet.

E’ importante ricordare che collegarsi a Internet tramite device obsoleti o non aggiornati non permette di godere di un’esperienza d’uso ottimale. Verificare che ci siano eventuali update lato software può essere la scelta giusta. Non è nemmeno da escludere che il terminale sia stato colpito da un qualche tipo di malware o virtus. Avviare un’analisi da parte dell’antivirus permette di togliersi ogni dubbio.

Se il problema non è il dispositivo potrebbe essere dovuto al modem. Il primo indizio che effettivamente possa essere così è il fatto che i LED presenti sul router siano spenti, lampeggino o non emettano luce verde a conferma del corretto funzionamento dello stesso. In questo caso il consiglio è quello di riavviare il modem. Un’altra operazione utile è quella di eseguire nuovamente i collegamenti alla presa telefonica e a quella della corrente elettrica.

Internet lento

Se invece la velocità di navigazione risulta rallentata la prima cosa da fare è avviare uno speed test. Per questa verifica potete utilizzare l’apposito strumento gratuito di SOStariffe.it, che misura in tempo reale le performance della rete in download e upload e altri parametri importanti per valutare la qualità della connessione.

Se il rallentamento si presenta solo su alcuni siti la velocità ridotta può dipendere dal gestore del portale stesso o da problemi temporanei alla rete Internet. In ogni caso si consiglia di controllare che sul computer non siano attivi programmi che occupano buona parte della banda Internet disponibile come piattaforme peer-to-peer la condivisione di contenuti o di streaming video. Il consiglio è di disattivarli e provare nuovamente a navigare.

Per ottimizzare le prestazioni della rete è sempre importante verificare l’impianto telefonico e la rete interna. La presenza di prolunghe o di un numero eccessivo di prese può deteriorare il segnale e influire negativamente sulla velocità della connessione.

Per chi dispone di una linea ADSL è bene controllare che tutte le prese dell’impianto dove è presente un telefono abbiano l’apposito filtro. Chi invece ha una connessione in fibra ottica dovrebbe scollegare tutti i telefoni e filtri dall’impianto e collegare il dispositivo direttamente al modem utilizzando le porte rosse sul retro. Fatto questo bisogna connettere il router alla presa principale senza utilizzare il filtro.

Per la fibra ottica FTTH si consiglia di tenere il modem vicino alla terminazione ottica nel punto in cui è stato inizialmente installato e non spostarlo.

Disconnessioni frequenti

Se si registrano frequenti cadute della connessione, queste possono essere dovute a problemi associati al segnale Wi-Fi a un non corretto collegamento all’impianto telefonico.

Per la connessione via cavo è opportuno verificare che il LED corrispondente alla ADSL o fibra ottica non sia spento o lampeggi. Se così fosse, bisogna controllare che non siano presenti prolunghe, sistemi di teleallarmi e telesoccorso.

Per quanto riguarda la connessione wireless, invece, si può modificare il canale dalla pagina di gestione del modem a cui accedere inserendo da browser l’indirizzo https://192.168.1.1. Il consiglio è di impostare la banda a 5Ghz.

Qui tutti i dettagli su come configurare correttamente il modem TIM.

Indicazioni specifiche per il Wi-Fi

Per quanto riguarda il Wi-Fi, è possibile ottimizzare il segnale in modo da renderlo stabile e diffuso in ogni angolo della casa. La presenza di ostacoli fisici come muri e arredamenti possono attenuarlo. Anche l’ampiezza dell’appartamento può influenzare le prestazioni del modem e lo stesso vale per le interferenze provocate da altri apparecchi o sistemi senza fili come forni a microonde, sensori d’antifurto a onde radio, dispositivi Bluetooth, telecamere di sicurezza, baby monitor e soprattutto trasmettiori di segnale audio e video.

Per tutti questi motivi TIM afferma che zona di comfort per disporre di un segnale Wi-Fi ottimale concide con distanze fino a circa 10 metri e due pareti di mattoni forati, in assenza di altri ostacoli importanti, sullo stesso piano abitativo.

Il router per ottimizzare il segnale deve essere preferibilmente posizionato ad un’altezza superiore a 1 metro e non oltre lo stipite della porta. Il dispositivo inoltre non deve essere chiuso all’interno di mobili, soprattutto se di metallo, o nicchie.

Se l’immobile è molto ampio o su due piani si può valutare l’acquisto di ripetitori Wi-Fi o ancora meglio di un sistema mesh.

Per eliminare eventuali interferenze è inoltre opportuno tenere il modem a distanza di altri dispositivi senza fili e verificare che questi non utilizzino la banda di frequenza da 2.4 Ghz o 5 GHz. Il modem TIM comunque dispone di una procedura automatica per la ricerca del canale migliore all’accensione e ogni 24 ore.

Problemi TIM oggi: chi chiamare e come richiedere assistenza

Se le procedure precedentemente descritte non hanno avuto esito positivo non resta che chiedere supporto a TIM. Questa diventa l’unica soluzione soprattutto quando il problema non riguarda il modem, il dispositivo utilizzato per connettersi a Internet o la linea di casa ma da un crollo o problema tecnico alla rete TIM. Segnalare il guasto può permettere all’operatore innanzitutto di prendere coscienza del guasto e poi a provvedere a risolverlo nel più breve tempo possibile.

Il metodo più semplice, rapido e probabilmente definitivo per ripristinare il corretto funzionamento della linea di casa è quello di parlare al telefono con un operatore.

Assistenza telefonica

Il numero da chiamare per ottenere assistenza per la linea fissa è il 187. Il servizio è gratuito e attivo 24 ore su 24.

Assistenza online

Per ottenere assistenza online le piattaforme di riferimento sono l’app MyTIM, disponibile gratuitamente per iOS e Android, e l’Area Clienti MyTIM, accessibile da mobile o desktop. Una volta effettuato il login con le proprie credenziali si può entrare in contatto con un operatore o chattare con Angie, l’assistente virtuale di TIM. Per l’app è possibile impostare anche l’autenticazione tramite lettura dell’iride.

All’interno della sezione Assistenza dell’app Tim Modem è possibile:

  • Effettuare una diagnosi della linea e risolvere i problemi più comuni legati alla navigazione Internet e segnalare un problema ai tecnici
  • Tracciare le segnalazioni in lavorazione per conoscerne lo stato di avanzamento
  • Consultare guide e guardare video tutorial di assistenza tecnica
  • Richiedere assistenza a pagamento con DoctorTIM Home
Ecco cosa fare se l’app Tim Modem non funziona.

E’ possibile anche ottenere consigli, trovare soluzioni e condividere la propria esperienza con altri clienti e ottenere supporto da parte degli esperti di TIM accedendo alla community WeTIM al sito community.tim.it. All’interno della sezione Assistenza sul sito dell’operatore potete invece trovare guide e FAQ che rispondono a tutti i principali dubbi degli utenti dal lato tecnico e amministrativo.

In alternativa, si può richiedere assistenza anche tramite i canali social di TIM su Facebook e Twitter. In questo caso basta accedere alla pagina ufficiale dell’operatore e porre il proprio quesito tramite un messaggio privato utilizzando l’hashtag #TIMFISSO. Inizialmente si interagisce con Angie ma se la richiesta necessita di approfondimento si può essere ricontattati da un operatore in carne ed ossa.

Aprire una segnalazione

Una volta descritto ad Angie il problema riscontrato sulla linea, l’assistente virtuale effettuerà le verifiche richieste ed eventualmente vi permetterà di aprire una segnalazione. Tramite Angie è anche possibile controllare la fase di lavorazione del ticket, aggiornalo con le proprie osservazioni e inviare un sollecito per la segnalazione.

La segnalazione può essere inviata anche accedendo all’apposita sezione Apri una segnalazione sul sito di TIM o tramite posta scrivendo alla Casella Postale 111, 00054 Fiumicino, RM. Altrimenti si può inviare un fax al numero 800 000 187 o contattare l’operatore via PEC all’indirizzo telecomitalia@pec.telecomitalia.it.

doctorTIM Home

doctorTIM Home è il servizio di assistenza tecnica a pagamento dedicato ai clienti dell’operatore per risolvere qualsiasi guasto o problema alla rete Wi-Fi o impianto. Il costo per ottenere assistenza telefonica da parte di un tecnico specializzato è di 29,95 euro mentre per richiedere l’intervento a domicilio il costo è di 94,95 euro.

Assistenza in negozio

Ovviamente è sempre possibile ottenere assistenza anche presso un qualsiasi negozio TIM. Per trovare quello più vicino basta cliccare sulla voce “Trova negozio” sul sito dell’operatore posizionata nella parte bassa della schermata o dall’app MyTIM. Il provider permette di distinguere tra i punti vendita autorizzati e i suoi negozi flagship e soprattutto di selezionare quelli in cui richiedere servizi specifici come l’assistenza tecnica per la linea fissa.

Recesso per giusta causa

Se il disservizio permane nonostante la signalazione inviata a TIM ed è confermato che il problema è da imputare all’operatore, l’utente ha la possibilità di richiedere il recesso per giusta causa. E’ il caso, ad esempio, in cui TIM non rispetti la velocità minima garantita per la connessione Internet. Per certificare il rallentamento cronico della linea si dovrà effettuare lo speed test Misura Internet dell’AGCOM. Confermata l’inadempienza da parte di TIM si potrà recedere gratuitamente e e senza penali dall’offerta Internet casa attiva.

Verifica la copertura
del tuo indirizzo
Comune
Parla con un esperto
Gratis e senza impegno
Eccezionale
Basata su 3100 recensioni
18 ore fa
Veramente cortesi e dis...

Veramente cortesi e disponibili . Consigli disinteressati e precisi . Veramente un ot...

Giuseppe

Valutata 4.7 su 5 sulla base di 3100 recensioni su