Mercato libero


Fino al Gennaio 2023 i clienti luce e gas avranno la possibilità di scegliere se mantenere attive le offerte del mercato a Maggiori tutele o se passare alle promozioni degli operatori del libero mercato. La data definitiva dell’addio alle tariffe tutelate è stata stabilita da un emendamento presente nel decreto Milleproroghe ed è stata posticipata rispetto al termine previsto del Gennaio 2022.

Il mercato libero significa per gli utenti la possibilità di decidere quali tariffa energia o gas preferiscono adottare e con quale operatore vogliono stringere il proprio rapporto di fornitura. Con le offerte dei gestori a Maggiori tutele le tariffe sono per intero stabilite dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Nel mercato libero solo le spese di gestione dei contatori e di trasporto, quelle di distribuzione e gli oneri di sistema vengono ritoccati dall’ARERA, mentre il prezzo della materia prima dipende interamente dal gestore selezionato dal cliente.

Il passaggio alla liberalizzazione completa del mercato energetico doveva avvenire già dal 2018, poi è stata proposta una prima proroga al 2020 e un’altra al 2022.

I motivi del ritardo nell’attuazione dell’addio alle promozioni tutelate è dipeso dalla mancanza, secondo gli esperti ARERA, di un giusto quantitativo di competitor e da una ancora scarsa convenienza dei pacchetti luce e gas proposti dai provider.

Le promozioni luce e gas del mercato libero si differenziano da quelle a Maggior tutela per un costo fisso per 1 anno o anche per 24 mesi delle materie prime o per essere indicizzate (ma in genere si tratta di un ancoraggio ai costi all’ingrosso e non agli indici ARERA).

I piani dell’ARERA invece subiscono degli adeguamenti trimestrali sia per quel che riguarda i costi di gestione, trasporto e distribuzione, sia per i prezzi di energia e gas. Il risparmio garantito ai clienti del libero mercato è legato ai costi applicati ai consumi effettivi.

Offerte Luce in evidenzaOfferte Gas in evidenza

Quanta energia abbiamo consumato in Italia nel 2022? Il nuovo report Terna

Consumi di energia elettrica in flessione in Italia (-1% nel 2022 rispetto al 2021). Stretta soprattutto al Nord. Si contrae anche la domanda delle imprese energivore (-5,4%). Le rinnovabili coprono il 31% dei consumi. La fotografia energetica del 2022 scattata da Terna nel suo report annuale.

Come rateizzare le bollette Eni Plenitude a Febbraio 2023

Bollette luce e gas di famiglie, condomini e piccole imprese rateizzabili nei primi 6 mesi del 2023: ecco come Plenitude aiuta i propri clienti ad affrontare il caro energia a Febbraio 2023.

Fondi PNRR per le ricariche dei veicoli elettrici: le novità di Febbraio 2023

Oltre 21 mila stazioni di ricarica per i veicoli elettrici, nelle superstrade e nei centri urbani italiani, saranno installate in Italia nei prossimi tre anni grazie ai fondi del PNRR. Su SOStariffe.it le ultime novità sul piano del ministero dell’Ambiente e le migliori offerte del Mercato Libero contro il caro bolletta della luce.