ARIM


Viene inclusa nella spesa per oneri di sistema che si paga in bolletta energia elettrica e rappresenta i cosiddetti oneri rimanenti.

La voce di spesa per oneri di sistema è composta da ARIM e ASOS, sigla che indica gli Oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili ed alla cogenerazione.

L’ARIM è una componente che ha inglobato in sé i corrispettivi che fino al 2018 erano definiti come A2, A4, A5, As, MCT, UC4 e UC7. L’A2, per esempio, era una voce di contributo per le attività di smantellamento delle centrali nucleari dismesse e per la chiusura del ciclo del combustibile nucleare, così come per gli impianti nucleari e per le scorie era la voce MCT. L’UC7 invece indicava un contributo specifico per la promozione delle operazioni di efficientamento energetico.

La nuova voce di spesa è composta dai contributi destinati ad incentivare le operazioni di messa in sicurezza del nucleare e per la compensazione per i territori in cui si trovavano le centrali, da quelli per incentivare la produzione ascrivibile ai rifiuti non riciclabili, la quota per il bonus sociale elettrico, ed infine la una parte di contributo va alla promozione dell’efficienza energetica e alle integrazioni delle imprese elettriche minori. Inoltre questa componente destina parte degli importi anche alla ricerca di sistema e a supportare le agevolazioni tariffarie del settore ferrovie.

Nelle bollette dei soggetti che hanno diritto al bonus sociale elettrico la quota parte per questo sostegno agli utenti in difficoltà economiche o fisiche non viene ovviamente conteggiata.

Questa spesa si applica ai consumi energetici, si calcola in base alla potenza impegnata dall’impianto e ad una quota fissa. Le utenze domestiche pagheranno una quota più bassa rispetto a quelle non domestiche dato che non al calcolo ARIM non sarà applicata la quota potenza e che per i consumi più bassi di 1.800 il prezzo dell’energia è minore.

L’ARERA puntualizza anche che la quota fissa prevista per questa voce di spesa non viene conteggiata per le abitazioni di residenza anagrafica.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Bonus condizionatore 2021: come ottenerlo senza ristrutturare casa

Il Bonus Condizionatore 2021 è un'importante agevolazione che consente di ottenere una detrazione fiscale, fino al 65% dell'importo speso, sull'installazione di un nuovo impianto di raffreddamento domestico, anche in caso di sostituzione di un impianto già esistente e caratterizzato da un consumo energetico maggiore. Per accedere al Bonus Condizionatore 2021 non è necessario effettuare ulteriori investimenti in quanto l'agevolazione viene concessa anche senza ristrutturare casa grazie alla normativa prevista dall'Ecobonus 2021. In base alla tipologia di intervento realizzata in casa sarà possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% o del 65%.

Quali sono le detrazioni fiscali 2021 per condizionatori?

Con l'estate oramai alle porte, si avvicinano le giornate di caldo intenso e diventa necessario accendere il condizionatori. Chi non ha ancora questo tipo di elettrodomestico, oppure ha la necessità di sostituirlo per puntare su di una soluzione più moderna ed efficiente, potrà contare sulle detrazioni fiscali per condizionatori disponibili per il 2021. A disposizione dei contribuenti italiani, infatti, ci sono svariate opzioni su cui puntare per ammortizzare la spesa per l'acquisto di uno o più condizionatori. Vediamo tutti i dettagli.