Allaccio luce e prima attivazione, come si fa?

Devi fare l'allaccio luce e la prima attivazione di una fornitura di energia elettrica a casa e non sai come si fa? Nessun problema: di seguito vi spieghiamo nel dettaglio la procedura di allaccio e prima attivazione: come si fa la richiesta, quanto costa, quali documenti servono e qual è la tempistica prevista. Ti ricordiamo, inoltre, che con alcune offerte luce puoi risparmiare oltre 100 euro all'anno.

Cos'è l'allaccio luce?

L’allaccio dell’energia elettrica è il collegamento (effettuato con conduttori aerei o cavi interrati) fra la linea del distributore e l’impianto del cliente finale.

Come si fa la richiesta di prima attivazione luce?

La richiesta di allaccio dell’energia elettrica presuppone un sopralluogo da parte del distributore locale per definire eventuali lavori a carico del cliente e per il calcolo del preventivo.

La richiesta, per tanto, può essere sia telefonica che scritta. Il processo è composto da due fasi:

1. Preventivazione dei costi per il collegamento dell’impianto del Cliente finale alla Rete di Distribuzione;

2. Attivazione della fornitura stessa.

Per allacciare il contatore alla rete è obbligatorio che il cliente dichiari/dimostri la regolarità urbanistica dell’immobile (istanza 326 o fattura altro servizio).

Quali documenti servono per l'allaccio luce?

  • l'istanza 326 (la regolarità urbanistica dell’immobile) correttamente completata, firmata e corredata;
  • una copia di un documento di identità valido;
  • codice fiscale/partita IVA (se cliente business);
  • i dati anagrafici e il recapito telefonico del richiedente l'allaccio.

Quanto costa l'allaccio luce?

Le spese di allaccio da corrispondere al distributore sono a carico del cliente e sono di importo variabile in base alla quota potenza e alla quota distanza (allacciamento alla cabina d’impianto più vicina del distributore) definite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Tempistiche allaccio luce

La richiesta di allaccio viene immediatamente trasmessa al distributore che entro 5 giorni esegue il sopralluogo; dopo il pagamento/accettazione del preventivo e dopo eventuali lavori a carico del cliente o autorizzazioni/permessi ricevuti dalle autorità competenti, il distributore è tenuto ad eseguire i lavori entro i giorni comunicati dal distributore.

Cos'è una Prima attivazione?

Si tratta dell'attivazione di una fornitura in un sito dove sono già stati pagati i contributi di allaccio, ma non è mai stata ancora attivata la fornitura.

Che documenti devo presentare?

Per la richiesta di preventivo:

La richiesta del titolare della fornitura può essere accolta in forma verbale. Solo per le Pubbliche Amministrazioni è obbligatoria richiesta scritta.

Richiesta di esecuzione lavoro:

  • Istanza 326 o fattura altro servizio;
  • Copia documento d’identità;
  • Plico contrattuale (non vincolante);
  • Accettazione Preventivo (se l’importo del preventivo è fino a 1000 euro esclusa IVA);
  • Dimostrazione di pagamento (se l’importo del preventivo supera i 1000 euro).

Quanto costa la prima attivazione?

In regime di maggior tutela i costi per l'attivazione sono:

  • un contributo fisso di 23 €;
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente;
  • l'imposta di bollo (16 €) prevista dalla normativa fiscale.

Nel mercato libero per attivare la prima fornitura i clienti devono pagare:

  • gli eventuali costi per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti (si somma eventualmente il contributo fisso di 27,59 € applicato dal distributore locale, se non corrisposto al momento dell'allacciamento)
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente all'atto della stipula del contratto di fornitura;
  • l'eventuale imposta di bollo (16 €), prevista dalla normativa fiscale

Infine, ricordiamo che una chi ha attivo un contratto luce può trovare convenienza cambiando fornitore.

Passando al mercato libero attualmente è possibile risparmiare cifre considerevoli, grazie alle nuove proposte commerciali delle società. Ad esempio, con E-Light di Enel Energia una famiglia di 5 persone (consumi annui 6.300 kWh) può risparmiare circa 120 euro sulla luce, e con E-Light Gas altri 140 euro (consumi 2.100 m3): più di 260 euro di risparmio in un solo anno.

Scopri E-Light di Enel Energia »Vai

Il passaggio al mercato libero, inoltre, è gratuito, non occorrono modifiche al contatore né agli impianti e la continuità della fornitura è garantita dall'Autorità.

Consulta l'elenco completo sul nostro portale e scegli le tariffe luce e gas che meglio si adattano alle tue esigenze.

Confronta Tariffe Luce »Vai
Mi piace

I tuoi dati sono stati inviati correttamente.
Un nostro consulente ti contatterà al più presto.

Hai bisogno di maggiori informazioni?


Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - Corso Buenos Aires 54, 20124 Milano - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2018
Il servizio di intermediazione assicurativa è offerto da Sos Broker srl con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS
ed iscritto al RUI con numero B000450117, P. iva 08261440963. PEC
Il servizio di mediazione creditizia per mutui e prestiti è gestito da FairOne S.p.A., iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215, P. IVA 06936210969 TrasparenzaInformativa