Deposito Cauzionale


È una quota che viene richiesto di versare ai nuovi clienti quando sottoscrivono un’offerta luce o gas, si paga al momento della stipula come garanzia di adempimento degli obblighi da parte dell’utente.

I gestori delle forniture possono chiedere al cliente finale un deposito se questa condizione viene esplicitata nel contratto.

Gli operatori del libero mercato non chiedono questa somma come garanzia quando gli utenti scelgono un metodo di pagamento automatico: domiciliazione su conto corrente o carte di credito.

L’ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) ha stabilito alcuni limiti per quanto riguarda i depositi sia luce che gas. Ai clienti domestici non può essere richiesto un contributo maggiore a 11,50 euro per ogni kW di potenza impegnata.

Dato che gli impianti domestici di solito impegnano al massimo fino a 3 kW di potenza, la garanzia massima potrà essere di 34,50 euro. Con le dovute eccezioni, per chi è in difficoltà economiche e rientra tra i destinatari del bonus elettrico il deposito non potrà superare i 5,2 euro per ogni kW per i clienti domestici.

I venditori addebiteranno ai clienti domestici 5,20 euro per ogni kW nella prima bolletta e il resto lo suddivide in 12 rate.

Le utenze non domestiche invece potranno contare su un limite massimo di deposito che parte da 15,50 euro per ogni kW per potenze fino a 16,5 kW.

Se in fase di sottoscrizione dell’offerta luce o gas non hai attivato il pagamento con domiciliazione postale o bancaria o l’addebito su carta e decidi di farlo successivamente, potrai ottenere il rimborso della garanzia già versata. Per i clienti morosi il tetto massimo del deposito sarà raddoppiato. Se si regolarizzerà la propria posizione si otterrà poi la restituzione di una parte degli importi versati in 12 rate.

Per quanto riguarda i depositi per i clienti gas, ecco quali sono i vincoli imposti dall’ARERA per chi ha un’offerta con il servizio a Maggiori tutele:

  • 30 euro se si ha un consumo fino a 500 smc/anno
  • 90 euro per consumi da 500 a 1.500 smc/anno
  • 150 euro per consumi da 1.500 fino a 2.500 smc/anno
  • 300 euro per consumi da 2.500 fino a 5.000 smc/anno
  • 1 mensilità di consumo medio annuo per chi ha un consumo superiore a 5.000 smc/anno

Gli utenti con diritto al bonus gas potranno avere delle quote di garanzia ridotte:

  • 25 euro per consumi fino a 500 smc/anno
  • 77 euro per consumi da 500 fino a 5.000 smc/anno
  • 1 mensilità di consumo medio annuo per i consumi di oltre 5.000 smc/anno

 

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Come scaricare il modulo per il bonus luce e gas a ottobre 2021

Per contrastare gli aumenti in bolletta luce e gas il Governo ha deciso, tra le altre misure, di integrare i bonus elettrico e gas, si tratta di due contributi riconosciuti a chi è in situazioni di disagio economico o fisico. I beneficiari dei bonus hanno diritto a degli sconti in bolletta, ecco quali sono le rimodulazioni per il periodo Ottobre-Dicembre 2021 e come puoi fare richiesta dei bonus

Bollette luce e gas: rischio nuova stangata a fine 2021 secondo ARERA

I forti rincari sulle bollette di luce e gas registrati ad inizio ottobre non saranno un caso isolato e potrebbero ripetersi già il prossimo trimestre. La conferma arriva in queste ore da parte di Stefano Besseghini, presidente di ARERA, che, nel corso di un'audizione in commissione Industria al Senato, ha chiarito quelli che potrebbero essere gli scenari sull'andamento dei prezzi di luce e gas per i prossimi mesi. Ecco quanto anticipato dal presidente dell'Autorità per l'Energia.