Deposito Cauzionale


È una quota che viene richiesto di versare ai nuovi clienti quando sottoscrivono un’offerta luce o gas, si paga al momento della stipula come garanzia di adempimento degli obblighi da parte dell’utente.

I gestori delle forniture possono chiedere al cliente finale un deposito se questa condizione viene esplicitata nel contratto.

Gli operatori del libero mercato non chiedono questa somma come garanzia quando gli utenti scelgono un metodo di pagamento automatico: domiciliazione su conto corrente o carte di credito.

L’ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) ha stabilito alcuni limiti per quanto riguarda i depositi sia luce che gas. Ai clienti domestici non può essere richiesto un contributo maggiore a 11,50 euro per ogni kW di potenza impegnata.

Dato che gli impianti domestici di solito impegnano al massimo fino a 3 kW di potenza, la garanzia massima potrà essere di 34,50 euro. Con le dovute eccezioni, per chi è in difficoltà economiche e rientra tra i destinatari del bonus elettrico il deposito non potrà superare i 5,2 euro per ogni kW per i clienti domestici.

I venditori addebiteranno ai clienti domestici 5,20 euro per ogni kW nella prima bolletta e il resto lo suddivide in 12 rate.

Le utenze non domestiche invece potranno contare su un limite massimo di deposito che parte da 15,50 euro per ogni kW per potenze fino a 16,5 kW.

Se in fase di sottoscrizione dell’offerta luce o gas non hai attivato il pagamento con domiciliazione postale o bancaria o l’addebito su carta e decidi di farlo successivamente, potrai ottenere il rimborso della garanzia già versata. Per i clienti morosi il tetto massimo del deposito sarà raddoppiato. Se si regolarizzerà la propria posizione si otterrà poi la restituzione di una parte degli importi versati in 12 rate.

Per quanto riguarda i depositi per i clienti gas, ecco quali sono i vincoli imposti dall’ARERA per chi ha un’offerta con il servizio a Maggiori tutele:

  • 30 euro se si ha un consumo fino a 500 smc/anno
  • 90 euro per consumi da 500 a 1.500 smc/anno
  • 150 euro per consumi da 1.500 fino a 2.500 smc/anno
  • 300 euro per consumi da 2.500 fino a 5.000 smc/anno
  • 1 mensilità di consumo medio annuo per chi ha un consumo superiore a 5.000 smc/anno

Gli utenti con diritto al bonus gas potranno avere delle quote di garanzia ridotte:

  • 25 euro per consumi fino a 500 smc/anno
  • 77 euro per consumi da 500 fino a 5.000 smc/anno
  • 1 mensilità di consumo medio annuo per i consumi di oltre 5.000 smc/anno

 

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Bollette bloccate: le tariffe per fermare il prezzo da Giugno 2022

Uno scudo contro i rincari di luce e gas in bolletta: ecco perché le tariffe a prezzo fisso calamitano il risparmio in questo periodo di crisi del comparto energetico. Su SOStariffe.it la mappa con le migliori promozioni di Giugno 2022 che bloccano il prezzo di energia elettrica e gas naturale.

Miglior tariffa luce e gas per seconda casa: le promozioni per l’estate 2022

Con le vacanze alle porte, le seconde case riaprono i battenti. Ecco perché gli esperti di SOStariffe.it hanno scattato una panoramica delle offerte di luce e gas più vantaggiose per chi è in procinto di lasciare l’afa delle città per trasferirsi nella casa di villeggiatura al mare o in montagna. 

Eni gas e luce, bollette da pagare: come saldare le fatture Plenitude a Giugno 2022

Dai canali più tradizionali a quelli digitali, ecco una mappa delle modalità che Eni Plenitude mette a disposizione per pagare le bollette di luce e gas a Giugno 2022.