Costo medio unitario della bolletta


Si tratta di un parametro introdotto dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) introdotto nelle bollette luce e gas per offrire una maggiore trasparenza e rendere più chiare le tariffe applicate ai consumi per gli utenti.

Il costo medio unitario della bolletta luce viene definito tecnicamente come il rapporto tra quanto dovuto e i kWh fatturati, al netto delle spese indicate nella fattura come Altre partite.

Per la bolletta gas questa spesa sarà quindi data dal rapporto tra l’importo richiesto e gli smc fatturati, sempre al netto delle Altre partite. Queste indicazioni possono risultare complesse, ma in pratica significano che l’importo della bolletta viene diviso per le unità di misura standard delle materie prime.

L’importo che si pagherà mensilmente non sarà frutto di questo calcolo, nella bolletta infatti ci sono più voci di spesa che compongono la fattura. Sia per i vostri consumi luce che per quelli gas il calcolo della bolletta è frutto della somma delle seguenti voci di costo:

 Il costo medio unitario permette ai clienti di valutare a quanto ammontino i costi medi necessari al venditore per fornirgli l’energia elettrica o il gas naturale, nelle intenzioni della authority questo dato potrà essere utile a capire quali sono le proposte luce e gas realmente più vantaggiose.

Questo valore non deve essere confuso con la tariffa euro/kWh o euro/smc dei consumi effettivi, nel costo medio vengono infatti caricate anche le quote fisse di spesa (come ad esempio gli oneri per scaglioni di consumo o i contributi per i ricalcoli).

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Passa a Sorgenia: risparmi e vantaggi delle offerte di maggio 2019

Sorgenia a maggio propone un gran numero di vantaggi per i nuovi clienti che attivano una nuova fornitura energetica (energia elettrica e gas naturale) garantendo considerevoli vantaggi in bolletta, grazie a prezzi dell'energia fissi e contenuti, ed arricchendo le sue offerte con una serie di bonus davvero molto interessanti. Ecco tutti i vantaggi di chi passa a Sorgenia a maggio 2019.

Bonus condizionatore 2021: come ottenerlo senza ristrutturare casa

Il Bonus Condizionatore 2021 è un'importante agevolazione che consente di ottenere una detrazione fiscale, fino al 65% dell'importo speso, sull'installazione di un nuovo impianto di raffreddamento domestico, anche in caso di sostituzione di un impianto già esistente e caratterizzato da un consumo energetico maggiore. Per accedere al Bonus Condizionatore 2021 non è necessario effettuare ulteriori investimenti in quanto l'agevolazione viene concessa anche senza ristrutturare casa grazie alla normativa prevista dall'Ecobonus 2021. In base alla tipologia di intervento realizzata in casa sarà possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% o del 65%.

Quali sono le detrazioni fiscali 2021 per condizionatori?

Con l'estate oramai alle porte, si avvicinano le giornate di caldo intenso e diventa necessario accendere il condizionatori. Chi non ha ancora questo tipo di elettrodomestico, oppure ha la necessità di sostituirlo per puntare su di una soluzione più moderna ed efficiente, potrà contare sulle detrazioni fiscali per condizionatori disponibili per il 2021. A disposizione dei contribuenti italiani, infatti, ci sono svariate opzioni su cui puntare per ammortizzare la spesa per l'acquisto di uno o più condizionatori. Vediamo tutti i dettagli.