Costo Auto 2019: aumentano del 6,58% le spese per RC, carburante, bollo e revisione

Mantenere un’auto costa, in media, 1614 Euro all’anno agli automobilisti italiani con veri e propri picchi in Campania, dove si supera quota 2 mila Euro all’anno di spese per il mantenimento. Rispetto allo scorso anno, inoltre, i prezzi di gestione sono aumentati in quasi tutte le regioni italiane con un incremento medio del +6.58%. Questi sono i principali risultati dell’ultimo Osservatorio di SosTariffe.it che ha preso in esame tutti i costi, fissi e variabili, che gli automobilisti devono affrontare per il proprio veicolo in tutte le regioni del Paese. Ecco i risultati dello studio. 

Ecco i risultati dell'ultimo Osservatorio di SosTariffe.it sui costi di mantenimento dell'auto in Italia

I costi medi per il mantenimento di un’auto per gli automobilisti italiani sono pari, in media, a 1614 Euro con un incremento del +6.58% rispetto ai dati registrati lo scorso anno. I dati in questione emergono dalle rilevazioni effettuate da SosTariffe.it ad ottobre 2019 che ha analizzato le varie fonti di spesa per l’auto verificando i costi regione per regione.

La principale voce di spesa per gli automobilisti del nostro Paese è il carburante che comporta un esborso di circa 891 Euro all’anno. Successivamente ci sono da considerare i costi della polizza RC Auto che, come confermano i dati raccolti tramite la comparazione delle migliori assicurazioni auto per ogni regione, risultano pari a circa 573 Euro. A seguire ci sono da considerare i costi per bollo e revisione che arrivano a circa 149 Euro. 
Confronta i preventivi e risparmia sulla polizza RC Auto

La tabella qui di sotto riassume, nei minimi dettagli, i risultati dell’Osservatorio SosTariffe.it relativo ai costi annui per il mantenimento dell’auto in Italia.

 

Costo auto 2019: maglia nera alla Campania. La Liguria in vetta al risparmio

Andando ad analizzare i costi complessivi rilevati dallo studio di SosTariffe.it per il 2019, nelle regioni del Sud Italia si spende di più per la propria auto. La maglia nera spetta alla Campania. Gli automobilisti campani devono fare i conti con una spesa media di circa 2112 Euro all’anno per il mantenimento del proprio veicolo. A pesare sui costi dell’auto in Campania è, soprattutto, la polizza RC Auto che, in media, comporta un esborso di 1.100 Euro all’anno.

Al di sopra della media nazionale ci sono anche la Puglia, con un costo medio complessivo pari a 1863 Euro, e la Calabria, dove la gestione dell’auto comporta una spesa annuale di 1783 Euro. Anche per Puglia e Calabria c’è da considerare il contributo significativo dato dalla polizza RC Auto nel calcolo dei costi di mantenimento complessivi dell’auto. Le due regioni del Sud Italia sono, dopo la Campania, le regioni italiane dove l’assicurazione auto costa di più.

Mantenere ed utilizzare l’auto risulta molto più economico in Liguria. Gli automobilisti liguri, infatti, spendono, in media, 1498 Euro all’anno tra RC, carburante e revisione riuscendo a minimizzare le spese posizionandosi al di sotto della media nazionale di oltre 100 Euro. Spese contenute per quanto riguarda il mantenimento dell’auto anche in Molise ed in Lombardia.

Gli automobilisti molisani, infatti, spendono in media 1505 Euro all’anno per l’auto mentre i lombardi se la cavano con 1507 Euro all’anno. La Lombardia riesce a contenere i costi grazie a prezzi medi per la polizza RC Auto contenuti (appena 455 Euro all’anno in media) mentre Molise e Liguria sono le regioni italiane dove il carburante costa di meno.

Un 2019 di aumenti. Rincari rispetto al 2018 in quasi tutte le regioni

Come sottolineato in apertura, rispetto al 2018, i costi di mantenimento dell’auto registrano un incremento medio del +6.58%. Tale incremento è legato a doppio filo alla crescita significativa registrata in quattro regioni italiane: Friuli, Valle d’Aosta, Puglia ed Emilia Romagna.

Il picco dei rincari, rispetto ai dati raccolti nel 2018, viene registrato in Friuli Venezia Giulia dove si tocca quota +35% su base annua per i costi di mantenimento. Lo scorso anno, gli automobilisti friulani spendevano solo 1117 Euro all’anno per l’auto mentre nel 2019 tale spesa è cresciuta sino a 1509 Euro. L’aumento delle spese in Friuli arriva a sfiorare i 400 Euro su base annua.

Aumenti considerevoli anche in Valle d’Aosta dove si registra un notevole +22% rispetto ai dati raccolti lo scorso anno. Gli automobilisti valdostani spendevano nel 2018 1259 Euro all’anno per l’auto mentre nel 2019 la spesa media è cresciuta sino a 1536 Euro all’anno. I costi di mantenimento dell’auto crescono del +22% anche in Puglia dove si passa da 1529 Euro a 1863 Euro nel giro di appena 12 mesi.

Sfiora il +20%, infine, l’aumento dei costi in Emilia Romagna. Gli automobilisti della regione, infatti, devono fare i conti con una spesa media che passa da 1314 a 1576 Euro all’anno nel giro di appena 12 mesi.

Prezzi in calo rispetto al 2018: tra le regioni in controtendenza Molise e Umbria

La forte crescita dei costi di mantenimento dell’auto registrata in Italia in questi ultimi 12 mesi riguarda quasi tutte le regioni italiane anche se in alcune aree del Paese si registrano dati in evidente contro-tendenza. E’ il caso del Molise dove i costi di gestione dell’auto registrano un calo percentuale del -19,76% con oltre 300 Euro in meno di spesa complessiva su base annua.

Calo netto anche in Umbria dove si è passati da oltre 1893 Euro del 2018 a 1624 Euro nel 2019 con un calo del -14.17%. Risparmi anche in Veneto con la spesa annuale che passa da 1722 Euro a 1649 Euro registrando un calo del -4.26%. Da notare che in Veneto si registra il costo più alto per quanto riguarda il carburante che incide sulla spesa complessiva per 1000 Euro all’anno circa.

Calano del -2% le spese di mantenimento per gli automobilisti in Campania. In questo caso, la spesa passa da 2155 a 2112 Euro all’anno con un risparmio di poco più di 40 Euro all’anno. In calo anche la spesa per gli automobilisti del Trentino Alto Adige. In questo caso, infatti, i costi di mantenimento si fermano a 1553 Euro con un calo del -1.67% rispetto ai costi registrati nel 2018.

Commenti Facebook: