Disdetta contratto telefonico: modulo e lettera per il recesso del telefono


Quando si parla di linee telefoniche e in particolare della disdetta del contratto stipulato è fondamentale seguire passo passo le procedure previste dalla legge per essere certi di non incorrere in errori o mancanze che andrebbero a compromettere il passaggio ad un altro operatore oppure la recessione da un contratto, anche in caso di internet casa+ telefono.

Disdetta contratto telefonico

Disdetta di un abbonamento telefonico: come si fa

Per effettuare la disdetta di un abbonamento telefonico è molto importante seguire, con estrema precisione, le modalità di completamento e i costi  della procedura che vengono indicate dal proprio operatore. In passato, l’unica modalità di disdetta contrattuale prevista era rappresentata da una raccomandata A/R, contenente una lettera di disdetta con tutti i dati del contratto, da inviare all’indirizzo fornito dal proprio operatore.

Ad oggi, come previsto dalla normativa vigente, gli operatori di telefonia mettono a disposizione dei loro clienti diverse opzioni per poter richiedere la disdetta del contratto oppure il recesso anticipato. A seconda della modalità scelta, le tempistiche potrebbero cambiare leggermente. In ogni caso, tutte le modalità di disdetta messe a disposizione da un operatore ai suoi clienti sono da ritenersi del tutto valide.

Scopri le migliori offerte del mercato

Tutte le modalità per disdire

In linea di massima, è possibile effettuare la disdetta di un contratto d’abbonamento di telefonia fissa, che comprende anche la connessione ad Internet a casa, seguendo una di queste opzioni:

  • invio di una raccomandata A/R presso l’indirizzo apposito messo a disposizione dal proprio operatore;
  • invio di una PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo PEC del proprio operatore (in questo caso, la comunicazione di disdetta dovrà essere inviata dal proprio indirizzo PEC);
  • recandosi in uno dei punti vendita diretti dell’operatore, presentando tutta la documentazione richiesta e compilando il modulo specifico di persona;
  • visitando il sito ufficiale dell’operatore, tramite la procedura guidata accessibile dall’area clienti (è necessario registrarsi ed effettuare l’autenticazione);
  • chiamando il servizio clienti telefonico e richiedendo espressamente la disdetta;

E’ importante sottolineare che ogni singolo operatore può mettere a disposizione specifici canali per procedere con la disdetta di un contratto di telefonia fissa. A seconda dei casi, infatti, alcune delle opzioni elencate (ad esempio la disdetta tramite punto vendita) potrebbero non essere disponibili e l’unico modo per procedere con la disdetta potrebbe essere quello “tradizionale” dell’invio di una lettera di disdetta tramite raccomandata A/R.

Vediamo, quindi, come strutturare e cosa scrivere  nella lettera di disdetta dal contratto telefonico.

La lettera di disdetta dal contratto

Per poter recedere dal contratto è quindi necessario redigere una lettera di disdetta. Come già detto in alcuni casi le compagnie telefoniche stesse fornisco dei moduli prestampati da compilare che hanno il medesimo valore (generalmente possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale della compagnia, ma vi consigliamo di chiamare il vostro servizio clienti per avere maggiori chiarimenti), tuttavia redigere una lettera di questo genere non è estremamente complicato o difficoltoso e può rendersi utile anche per altre occasioni.

Un possibile modello da seguire potrebbe essere quello seguente:

disdetta contratto telefonico

Come si può vedere dal modello riportato ci sono degli elementi che non possono proprio mancare all'interno della lettera di recesso, pena la validità della stessa. Innanzitutto deve essere riportato l’indirizzo esatto della sede centrale della compagnia telefonica, non quello dell’agenzia o della filiale presso la quale abbiamo stipulato il contratto. In secondo luogo deve essere obbligatoriamente citata la legge alla quale facciamo riferimento, ossia la legge 40 del 2007, e il numero di contratto con le relative coordinate (numero telefonico e codice cliente che in alcuni casi possono coincidere).

L’ultima regola da seguire è quella di indicare i nostri dati e gli estremi dei documenti. In questo caso è opportuno informarsi prima della scrittura sulle caratteristiche dell’utenza in quanto alcune compagnie distinguono intestatario del contratto da reale utilizzatore. Se si dovessero avere dubbi sotto questo punto di vista è consigliabile contattare direttamente la compagnia telefonica che per obbligo deve fornire tutte le informazioni del caso.

I tipi di contratti infatti sono molti e vari e a volte includono anche il noleggio dell’apparecchio, conoscere tutte le procedure e i dettagli ci permetterà di non incorrere in sanzioni e penali contenuti nelle clausole contrattuali.

Subentro e disdetta per passaggio ad altro operatore

La legge 40 del 2007 prevede anche particolari agevolazioni per chi decide di passare ad un altro operatore telefonico. In questo caso il passaggio, in particolare negli ultimi anni, è divenuto rapido e pratico per il contraente che si trova solo a dover presentare la richiesta alla nuova compagnia scelta che si occuperà di contattare quella attuale per procedere a tutte le pratiche di migrazione della linea.

Confronta altre offerte Internet Casa Vai

Per velocizzare la pratica di passaggio di una linea telefonica fissa da un operatore all’altro è necessario utilizzare il codice di migrazione. Tale codice, riportato in ogni fattura emessa dal proprio operatore, serve ad identificare in modo univoco una linea fissa permettendo così di semplificare al massimo l’intero iter di passaggio, sia dal punto di vista amministrativo che tecnico. Il tempo limite viene stabilito dalla legge e sempre secondo la normativa vigente la compagnia attuale non può negare il passaggio del numero, la disdetta oppure effettuare attività di retention forzate.

Il subentro ad un’utenza telefonica viene richiesto quando deve essere cambiato l’intestatario del contratto, solitamente a causa di decesso, e deve essere richiesta, solitamente, sempre attraverso raccomandata a/r alla compagnia telefonica specificando cause ed estremi contrattuali. Molti operatori, in ogni caso, mettono a disposizione canali aggiuntivi (come quelli elencati per la richiesta di disdetta) per velocizzare il procedimento di subentro.

Tariffe telefono fisso: le migliori offerte di luglio 2020

Le offerte in fibra e Adsl includono il traffico telefonico da fisso nei loro piani flat. I canoni per avere le reti veloci e il servizio voce vanno dai 26 euro circa a quasi 48 euro, ecco quali sono le tariffe più convenienti e come attivare le promozioni di Luglio 2020

Migliori offerte Adsl Luglio 2020

I mesi del lockdown sono stati un periodo di rivincita delle reti fisse, in tanti ormai sostenevano che la connessione internet casa poteva essere sostituita dai servizi mobile. I numeri delle nuove attivazioni richieste durante la quarantena ha dimostrato che il settore è più che mai vivo. Ecco quali sono le migliori promozioni Adsl proposte a Luglio 2020 dagli operatori ai nuovi clienti

Offerte Vodafone nuovi clienti: le migliori promo di Luglio 2020

Le offerte Vodafone per nuovi clienti di luglio 2020 sono davvero molto interessanti. L'operatore, infatti, propone uno degli abbonamenti più completi sul mercato per quanto riguarda la linea fissa di casa, con la possibilità di sfruttare anche notevoli bonus aggiuntivi (Giga extra per lo smartphone e servizi di streaming in regalo). Non mancano, inoltre, le solite ottime offerte per sfruttare la rete mobile di Vodafone. Ecco, quindi, quali sono le migliori tariffe Vodafone del momento.
Verifica la copertura
del tuo indirizzo
Comune
Parla con un esperto
Gratis e senza impegno