Energia reattiva


Nei sistemi elettrici si generano due tipologie di energia, quella che utilizziamo negli apparecchi elettrici e per alimentare i nostri dispositivi che è definita attiva.

C’è anche un’altra forma di energia nella rete, quella reattiva che viene immagazzinata e viene poi rilasciata. Questa parte di energia viene assorbita da motori e apparecchi ma non viene impegnata per metterli in funzione o per produrre calore.

Nella bolletta della vostra offerta luce è presente una voce che indica l’energia reattiva, in quel documento questa dicitura indica una penale che viene imposta ai consumatori sui consumi eccessivi di elettricità ed è l’ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) a stabilire l’importo e le tariffe applicate a questa voce di spesa.

Questa sorta di sanzione viene applicata alle utenze con potenza disponibile pari o maggiore di 16,5 kW se si registra un assorbimento superiore ai limiti consentiti dalla rete elettrica (sia domestica che aziendale).

La penale per energia reattiva viene applicata quando questa tipologia di energia prelavata dalla rete supera il 33%. Se la quota percentuale supera il 75% gli importi della “multa” diventano molto consistenti.

Nelle bollette le indicazioni relative a queste penali sono Penale Reattiva 33 e Penale Reattiva 75. Le dispersioni energetiche che producono un consumo elevato di energia reattiva sono imputabili, per esempio, a dispositivi di bassa qualità e con performance pessime.

Queste situazioni provocano degli sfasamenti tra tensione e corrente e comportano la necessità di un approvvigionamento di risorse, in realtà non consumate, che avranno un impatto negativo sul sistema di distribuzione. Anche se l’energia reattiva non può essere eliminata, è possibile controllarla e ottenere dei risparmi in bolletta.

In aiuto degli utenti vengono i nuovi contatori smart, questi dispositivi infatti sono in grado di misurare sia l’energia attiva (A) che quella reattiva (espressa dal simbolo R) degli impianti.

Se si notano delle irregolarità si deve dunque procedere a rifasare l’impianto. Queste operazioni sono molto importanti per esempio se si ha un impianto fotovoltaico, questi sono infatti dei sistemi che se non controllati tendono a produrre molto energia reattiva.

Offerte Luce in evidenza
Offerte Gas in evidenza

Decreto bollette 2022: cosa sapere su sconti e bonus a Luglio 2022

Gli aiuti del Governo tendono la mano alle famiglie italiane “appesantite” dal caro-bolletta. Tutto quello che c’è da sapere sulle agevolazioni statali previste a Luglio 2022 per alleggerire le voci di spesa di energia elettrica e gas in bolletta.

Tariffe luce e gas di Luglio 2022: come trovare la migliore in base al consumo

Quali sono i passi da compiere per scovare le offerte di luce e gas più convenienti a Luglio 2022? Su SOStariffe.it le “regole d’oro” da seguire per centrare l’obiettivo del risparmio scegliendo la promozione più vantaggiosa a partire dai dai reali di consumo.

Bonus luce e gas luglio 2022: requisiti e richiesta per avere lo sconto in bolletta

Lo sconto in bolletta è un salvagente a cui le famiglie in difficoltà economica si aggrappano per far fronte alle stangate di luce e gas in questo periodo di crisi energetica. Su SOStariffe.it un quadro dettagliato di chi siano i destinatari del bonus luce e gas a Luglio 2022, a quanto ammonti il suo valore e quali siano le modalità per ottenerlo.