Tassa sui prelievi dei contanti al bancomat: quanto aumenterà il costo del denaro?

Secondo le stime del Ministero dell’Economia e  delle finanze in Italia l’evasione fiscale si aggira intorno ai 100 miliardi di €. E non sempre si tratta di grandi evasori. Per riuscire a mettere un freno a questa perdita e allo stesso tempo tentare di bloccare l’aumento dell’IVA il Centro studi di Confindustria ha studiato una proposta per il Governo

Tassa prelievi contanti

Le manovra di bilancio sarà un passo decisivo per il Governo Conte bis e non mancano i temi di dibattito: uno su tutti sarà l’obiettivo di evitare che scattino gli aumenti dell’Iva. Per bloccare le clausole di salvaguardia si dovranno trovare circa 25 miliardi di €. Per non parlare poi delle coperture necessarie per rispettare le promesse fatte da questo nuovo Governo, come la riduzione della pressione fiscale, ecobonus e investimenti nel Meridione.

Dal Centro studi di Confindustria è arrivata proprio in questi giorni una proposta per riuscire a intervenire sul problema dell’evasione e quindi per recuperare parte del sommerso. L’idea è di incentivare i pagamenti digitali da un lato, mentre si penalizza l’utilizzo del contante (e quindi il prelievo dal bancomat) dall’altra. Nella note del CSC si legge: “Negli ultimi anni sono stati fatti molti passi avanti nella lotta all’evasione fiscale. Ne è un esempio l’intervento sulla fatturazione elettronica. Malgrado ciò la perdita di gettito fiscale e contributivo è stimato sopra a 100 miliardi, solo in parte attribuibile a grandi evasori”.

L’Italia è ancora indietro rispetto alla media dei paesi europei nell’uso delle carte come metodo di pagamento. Uno studio dell’Osservatorio sulle carte di credito e digital payments realizzato da Assofin, Nomisma Crif e GfK ha mostrato come nel 2017 sia stato registrato un incremento dell’1.9% rispetto al 2016 nell’uso di questi strumenti di pagamento. Anche il numero di transazioni è aumentato del 10% circa.

A questo proposito il CSC ha sottolineato come “rispetto a una media europea superiore a 100 transazioni pro-capite annue, ne vengono effettuate meno della metà”. Il progetto di Confindustria prevede un credito d’imposta del 2% per pagamenti elettronici e una commissione del 2% sui prelievi Atm sopra i 1500€. Il gettito che si pensa si possa recuperare è di 3.4 miliardi € l’anno.

Il primo incentivo consisterebbe quindi in uno sgravio del 2% per chi paga mediante carta di credito/debito o bonifico bancario. Non sarebbe quindi uno sconto immediato ma l’utente accumulerebbe un credito che recupererebbe in fase di dichiarazione dei redditi.

Se la proposta di Confindustria dovesse essere accolta potrebbe essere utile dare un’occhiata alle condizioni offerte dagli istituti di credito in merito alle operazioni e all’abbinamento di carte di debito e credito con i conti correnti. Ecco i migliori conti correnti proposti a Settembre secondo le stime del comparatore di SosTariffe.it.

Confronta i conti correnti più vantaggiosi »

I conti correnti più convenienti

Le spese per le operazioni online in genere sono comprese nei canoni e sempre più spesso le promozioni degli istituti di credito permettono di richiedere una carta di credito insieme al conto senza spese aggiuntive. Ci sono anche soluzioni che consentono di non pagare le spese annue/mensili per l’uso delle carte se si raggiunge una soglia X. Ecco i conti a zero spese e le componenti aggiuntive proposte con questi prodotti.

1. Conto corrente Widiba

È un conto corrente a zero spese per un anno, se però sceglierete di accreditarvi lo stipendio la banca azzererà il canone a tempo indeterminato. Widiba inoltre azzera le spese di gestione anche per chi avrà una giacenza media di 5 mila € sul conto

Tra i benefit proposti con l’attivazione di questo conto Widiba ci sono:

  • Canone Telepass gratis per 12 mesi
  • Possibilità di effettuare pagamenti con Google Pay e Apple Pay
  • Tasso di interesse sui vincoli a 1,60% per 6 mesi

L’importo di questa linea vincolata può arrivare al massimo a 500 mila € e può partire da un minimo di 1.000 euro.

Al conto possono essere associate due carte di debito, i prelievi al di sopra dei 100 € sono gratis.  Per quanto riguarda la carta di credito si può richiedere, avrà un tetto massimo di 1.500 € di spesa e un canone trimestrale di 5 €.

I prelievi sono gratuiti presso gli sportelli automatici di qualsiasi istituto di credito, mentre se si operano in filiale costeranno 3 €. I bonifici saranno gratis solo se effettuati online. Il prelievo di contante all’estero costerà 2€ nella zona Ue.

Scopri Conto corrente Widiba »

2. Conto Webank

Questa soluzione di Webank offre un conto con una carta di debito gratuito con prelievi di contante illimitati e senza costi in tutta l’UE. Come per altre soluzioni viste i bonifici operati negli sportelli fisici avranno un costo di 3€.

L’offerta a zero spese di Webank ha le seguenti caratteristiche:

  • Canone annuo nullo
  • Prelievi con carta di debito illimitati in area euro
  • Bonifici in Italia gratuiti
  • Ricariche Telefoniche senza commissioni
  • Pagamenti MAV, RAV, F23, e F24
  • Apertura e Chiusura conto a costo zero
  • In caso siate clienti di un’altra banca il trasloco a Webank è compreso nel prezzo
  • Bonus benzina da 80 € (per i nuovi clienti)

Lo sconto carburante IP sarà incluso per coloro che opteranno per l’accredito di stipendio o pensione sul conto Webank o se si sottoscriverà l’apertura di una linea vincolata per un anno ad un tasso dell’0.3% (minimo da 1.000 €).

Attiva conto Webank »

3. Conto corrente N26

L’app e la completa gestione online del conto N26 sono la vera forza di questa proposta. Ogni operazione si potrà controllare dal sito o dallo smartphone e l’accesso al conto potrà avvenire con un selfie. In pratica questo significa che al momento della registrazione su app o pagina web il cliente fornirà alla banca una scansione della propria carta d’identità (3 foto), completerà la sezione dati anagrafici e poi il cliente dovrà farsi un selfie. A quel punto il conto corrente e l’account saranno associati all’immagine.

La banca tedesca N26 ha realizzato un app e un conto flessibili e leggeri da poter amministrare in mobilità. Non esistono sedi fisiche di questo istituto in Italia si fa tutto tramite sito internet e applicazione. Con l’app N26 potrete:

  • bloccare i pagamenti all’estero e, anche se solo momentaneamente, quelli online
  • inviare pagamenti
  • interrogazioni (lista movimenti e saldo)
  • modificare i limiti di spesa e di prelievo
  • statistiche mensili

Una delle caratteristiche per cui si distingue da altre soluzioni è che con questo conto corrente potrete effettuare pagamenti in qualsiasi valuta in modo gratuito.

Il contratto del conto corrente N26 Standard vi darà diritto a:

  • prelievi gratuiti in Italia e area Euro
  • un bonus di 150 € se invitate gli amici
  • il canone annuo è gratuito

Attiva N26 »

4. Conto Crédit Agricole Online

Un altro conto a zero spese è quello di Crédit Agricole a cui è associata una carta di debito, quindi una prepagata, gratis e per cui è previsto l’azzeramento delle spese per le operazioni allo sportello. Sono a pagamento invece:

  • i prelievi da ATM 2.10€ ad operazione (ma le prime 24 sono gratuite)
  • prelievo in paesi UE 2.10 €
  • bonifici online 1€
  • bonifico sportello 2.50€

In promozione sottoscrivendo questa soluzione di Crédit Agricole i clienti potranno richiedere senza costi aggiuntivi una carta di debito evoluta (con Iban) e avranno diritto ad un buono Amazon da 100 €, ma solo se accrediteranno la pensione o almeno 10 mila € oppure se sottoscriveranno da Nowbanking una polizza a scelta tra:

  • Protezione Vacanza
  • Protezione Vivi Smart per essere tranquillo quando noleggi un’auto, usi la bicicletta e fai acquisti on line

Scopri Conto Crédit Agricole Online »

5. Tinaba

Un conto Banca Profilo a zero spese che sarà gestibile dall’app dello smartphone. Le caratteristiche chiave di questa soluzione Tinaba sono:

  • bonifici gratuiti, fino a 5.000 € per singola operazione
  • carta prepagata Mastercard ricaricabile gratuitamente
  • servizio di investimenti dedicato
  • imposta di bollo compresa nel canone annuo
  • operazioni illimitate
  • estratto conto online consultabile gratis (la versione cartacea costa 1€)
  • servizio di firma digitale

In promozione con l’attivazione di questa soluzione e se si porta un amico ad aprire un conto con questo istituto si otterrà un buono da 25 €.

Attiva Tinaba »

Per conoscere tutte le condizioni e i possibili costi nascosti cliccando su maggiori informazioni nei risultati proposti dalla ricerca del comparatore trovate la voce Scarica il foglio informativo.

Commenti Facebook: