Studenti fuori sede, come risparmiare durante la vita universitaria

Moltissimi giovani italiani sono pronti a lasciare casa, per cominciare (o continuare) la vita universitaria. Sono gli studenti fuori sede, i partecipanti ad una gigantesca migrazione che coinvolge ogni anno oltre 700.000 giovani. Questa gran quantità di studenti ha bisogno di un appartamento (o posto letto), e cerca consigli per risparmiare sulle bollette dell’energia elettrica, il gas, l’ADSL, la telefonia. Ecco come risparmiare durante la vita universitaria.

Come risparmiare durante la vita universitaria
Studenti fuori sede: tutto ciò che devi sapere

Dopo l’estate si verifica una delle migrazioni interne annue più grandi del popolo italiano: il rientro in università. Circa 700 mila studenti fuori sede cominceranno a muoversi, la maggior parte da sud verso nord, e comunque quasi mai al di sotto di Roma.

La vita universitaria dello studente fuori sede è piena di bei momenti ed esperienze uniche, ma non mancano anche le difficoltà, come trovare il posto letto e, sopratutto, gestire le spese con i soldi che i genitori riescono ad inviare. Che in tantissimi casi, non sono molti.

Quanto costa studiare fuori sede?

Secondo uno studio di Federconsumatori del 2014, gli studenti fuori sede appartenente alla II fascia (reddito ISEE pari o inferiore ai 10 mila euro annui) spendono in media circa 9.300 euro annui (affittando una stanza singola) e 8.000 euro annui  (stanza doppia). Sono costi aumentati nel 2014 del 4,7% e del 3,12% rispetto al 2011, rispettivamente.

Per ragazzi appartenenti alla fascia di reddito ISEE pari o inferiore a 20 mila euro annui, la spesa annua per una stanza singola è di 9.600 euro (+4,18% al 2014 rispetto al 2011) e per la doppia 8.300 euro (+2,59% rispetto al 2011).

Queste cifre, spiega l’Associazione, sono comprensive di affitto; bollette luce, gas e acqua; trasporti; libri e materiale didattico, e tasse universitarie.

Per questo motivo, SosTariffe.it vuole dare una mano agli studenti fuori sede, offrendo dei consigli su come risparmiare durante la vita universitaria: sulle bollette della luce e il gas, sulla connessione Internet (fondamentale per qualsiasi studente), sulla telefonia mobile e quant’altro.

Risparmiare sull’affitto

L’affitto della camera è il primo problema per uno studente fuori sede, e la spesa principale, dato che pesa sul bilancio dal 50 all’80%. Roma è la città più cara, seguita da Milano.

Per questo motivo, se possibile conviene scegliere delle città più piccole. E sicuramente, escludere l’affitto di un appartamento tutto per sé.

E’ importante anche la zona dove si vuole risiedere. Nelle grandi città universitarie vivere al centro costa troppo. Ad esempio, per una stanza singola nella periferia romana si spende in media 400 euro al mese contro gli oltre 700 del centro storico.

Certo che dipende dalla città: a Catania per una camera singola al centro possono bastare 200 euro mensili.

Se volete risparmiare sul posto letto, dovete condividere la stanza; in queste circostanze a Roma, si possono spendere 300 euro a persona in periferia.

La media nazionale raggiunge i 4.000 euro/anno (stanza singola) e 2.650 euro/anno (stanza doppia). Tuttavia, si spendono:

  • Regioni del Centro: 4700 euro per una singola; 3160 euro per una doppia;
  • Regioni del Nord: 4.260 euro (singola) e 2.700 euro (doppia);
  • Regioni del Sud: 2.840 euro (singola) e 2.047 euro (doppia).

Vi ricordiamo che ci sono delle agevolazioni fiscali per inquilini che possono fare al vostro caso.

I costi da sostenere per studiare in un’università nella stessa provincia di residenza sono naturalmente minori, ma non necessariamente trascurabili. Secondo l’analisi di Federconsumatori del 2014, si tratta di una spesa che va dai circa 1.500 euro ai 1.800 euro su base annua (per redditi rispettivamente in seconda e in terza fascia), in aumento rispetto al 2011.

Risparmiare sulle bollette della luce

Scegliere una tariffa energia elettrica adatta alle proprie esigenze è fondamentale per risparmiare. Inoltre, se dovete subentrare nel contratto luce non tutte le tariffe energia elettrica del mercato libero sono attivabili.

Se siete in 3 o 4 a casa e avete consumi elettrici di circa 5.300 kWh/anno, concentrati soprattutto la sera e il weekend, SosTariffe.it ha identificato diverse tariffe energia elettrica che sono disponibili per i casi di subentro, che vi consentiranno di risparmiare fino a 106 euro all’anno.

La più conveniente sembra essere Prezzo Sicuro Web+ di A2A, una tariffa a prezzo bloccato dall’attivazione esclusivamente online che vi consentirà di risparmiare 106,78 euro su base annua.

Scopri Prezzo Sicuro Web+ di A2A »

In alternativa, con energia 3.0 di GDF SUEZ Energie, un’offerta solo online con prezzo bloccato per 2 anni e rata fissa i primi 12 mesi , o con Edison BEST Bioraria, che vi farà sapere se sul mercato c’è un’altra tariffa più conveniente, il risparmio si aggira intorno ai 40 euro all’anno.

Vai a energia 3.0 di GDF SUEZ »

Utilizzando il comparatore gratuito di SosTariffe.it sarà possibile identificare facilmente la tariffa luce più economica per il caso vostro.

Tagliare la bolletta del gas

Anche sul mercato libero del gas le offerte sono convenienti. In effetti, se a casa siete in 3-4 e il vostro consumo di gas si aggira intorno ai 2.000 m3/anno, potrete risparmiare ben 122 euro all’anno con la stessa energia 3.0 di GDF SUEZ (che potrete attivare insieme alla tariffa luce poiché si tratta di un’offerta dual-fuel), oppure 114 euro/anno con E-Light Gas di Enel Energia, una tariffa a prezzo bloccato per 12 mesi dall’attivazione solo online.

Scopri E-Light Gas »

migliori offerte adsl

Connessione Internet a casa, come risparmiare

La connessione Internet è fondamentale per uno studente, non solo per le attività ludiche ma, sopratutto, per scaricare o leggere materiale di studio, gestire le pratiche universitarie come le iscrizioni ai corsi e agli esami ed essere in contatto con famigliari ed amici.

Anche se in molti credono il contrario, le tariffe ADSL più economiche sono quelle che prevedono anche l’attivazione del servizio di telefonia fissa. Pur se non siete interessati al telefono fisso, queste tariffe ADSL tutto compreso vi consentiranno di risparmiare, dato che includono il canone Telecom nel costo mensile e sono più economiche.

Inoltre, le chiamate illimitate e gratuite verso fissi sono interessanti per essere in contatto con la famiglia, e molte offerte prevedono anche una certa quantità di minuti gratis verso cellulari.

Solo per menzionare alcune offerte convenienti, c’è Jet di FASTWEB che include navigazione illimitata fino a 20 Mbps in download, chiamate gratuite verso tutti i fissi in Italia (con scatto alla risposta di 18 cent), attivazione e modem gratuito. Costa 20 euro/mese il primo anno, dopodiché paghi 35 euro (offerta valida fino al 6 maggio 2015).

Scopri Jet di FASTWEB »

Oppure c’è Absolute ADSL di Infostrada, che costa 22,95 euro/mese per sempre, e prevede telefonate gratuite anche verso mobili (sempre con scatto alla risposta di 18 cent) e il Modem Wi-Fi gratuito purché attivata online tramite il portale SosTariffe.it

Vai all’offerta Absolute ADSL »

Conveniente anche Tutto Incluso Light di Tiscali, a 24,95 euro al mese per sempre per l’ADSL e le telefonate (scatto di 0,20€), più 500 minuti gratis verso mobili. L’attivazione e il modem sono gratuiti.

Scopri Tutto Incluso Light »

Unire servizi per abbassare i costi

Secondo un recente osservatori di SosTariffe.it unire l’ADSL ad un altro servizio consente risparmi fino al 40%. Stando ai risultati dell’analisi, nel 2014 sono aumentate le tariffe ADSL che offrono, oltre alla connessione Internet e telefonia fissa, anche altri servizi come la telefonia mobile e la TV sia tradizionale che in streaming.

Attivando queste offerte congiuntamente si può risparmiare mensilmente dal 6,6% al 43,2% circa sulla sottoscrizione separata. Per maggiori informazioni leggete l’osservatorio sui Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e telefono.

D’altronde, se siete interessati anche ad avere un servizio di pay tv, sicuramente la migliore offerta del momento è quella che nasce dall’accordo tra FASTWEB e Sky.

Si tratta di Home Pack, un’offerta integrata che include Sky TV, navigazione sull’ADSL veloce di FASTWEB (con opzione Fibra Ottica), chiamate illimitate gratuite verso fissi e cellulari. L’attivazione è gratuita e il prezzo è di 25 euro al mese il primo anno, poi 54 euro.

Scopri Home Pack di Sky e FASTWEB »

Se i vostri compagni di casa non sono interessati ad attivare una tariffa ADSL, o pensate di traslocare a breve, potete navigare attivando una tariffa Internet mobile. Sul nostro portale è possibile mettere a confronto tutte le offerte per l’Internet mobile e trovare facilmente quella che meglio si adatta alle tue esigenze.

Confronta Tariffe Internet Mobile »

Le offerte di telefonia mobile per risparmiare

Dal 2014 sono diminuiti i canoni medi fuori promozione delle tariffe per la telefonia mobile del 50% per i pacchetti fino a 1000 minuti inclusi. Per quelli oltre questa soglia e fino a minuti infiniti i prezzi aumentano dell’89%.

Per questo motivo, attivare una tariffa a pacchetto può essere ancora più conveniente rispetto a qualche anno fa. Per maggiori informazioni, leggete l’osservatorio SosTariffe.it sull’evoluzione delle tariffe telefonia mobile.

Oltre alle bollette, gli studenti universitari fuori sede devono far fronte alla spesa alimentare; vi consigliamo di dare un’occhiata al nostro articolo Risparmiare fino a 1400 euro sulla spesa alimentare, dove acquistare?.

E non vi dimenticare che vi servirà un conto corrente o postale, per ricevere in maniera semplice i soldi che i vostri genitori vi invieranno. Seguite il link qui sotto per identificare i conti online con cui non ci sarà alcun costo fisso da sostenere, a volte nemmeno l’imposta di bollo prevista dalla legge.

Conti Correnti per studenti »

Commenti Facebook: