Costi e offerte eSIM: pregi e difetti delle nuove SIM

Le eSIM stanno diventando, a poco a poco, sempre più diffuse in Italia grazie anche all'arrivo di nuovi dispositivi compatibili ed al supporto crescente da parte degli operatori di telefonia mobile nazionali. L'ultima analisi di SOStariffe.it ha preso in esame lo stato delle eSIM in Italia andando ad individuare i costi per gli utenti delle SIM virtuali ed i vantaggi legati al loro utilizzo, in sostituzione delle SIM Card tradizionali.

Costi e offerte eSIM: pregi e difetti delle nuove SIM

Il mercato di telefonia mobile in Italia sta registrando una crescente diffusione delle eSIM. Le SIM virtuali vanno a sostituire le tradizionali SIM Card fisiche garantendo tanti vantaggi agli utenti. La nuova indagine di SOStariffe.it ha analizzato lo stato delle eSIM in Italia andando ed evidenziare i costi di questa nuova tipologia di SIM e i vantaggi rispetto alle tradizionali SIM Card. Ecco i risultati raccolti dal nuovo Osservatorio:

Le offerte dedicate per le eSIM: cosa propongono gli operatori

Il mercato italiano sta, piano piano, garantendo un supporto sempre maggiore alle eSIM. Il numero di operatori che supportano le SIM virtuali è in crescita. Tra i provider che consentono l’utilizzo di una eSIM, in sostituzione alla SIM Card tradizionale, troviamo TIM, Vodafone e WINDTRE oltre agli operatori virtuali Very Mobile e spusu. Alcuni operatori mettono a disposizione degli utenti offerte dedicate con eSIM abbinata ad uno smartwatch, una soluzione essenziale per poter beneficiare della connettività dati dal proprio dispositivo indossabile.

Per quanto riguarda le offerte di telefonia mobile, invece, non ci sono offerte esclusive con eSIM. Gli utenti degli operatori che supportano le SIM virtuali hanno, però, la possibilità di richiedere una eSIM in sostituzione della SIM Card tradizionale. In questi casi, sarà possibile utilizzare la propria offerta anche senza avere una SIM card fisica. La SIM sarà dematerializzata e salvata all’interno del proprio smartphone. In qualsiasi momento, inoltre, sarà possibile effettuare il cambio di device andando a “spostare” la SIM virtuale da un dispositivo ad un altro.

I costi di attivazione delle eSIM

Quando costa una eSIM? L’indagine di SOStariffe.it ha preso in considerazione anche i costi da sostenere per poter utilizzare una SIM virtuale andando a stimare una spesa media in considerazione delle offerte proposte dai singoli operatori. I casi in presi in esame sono due. Nel primo caso, per un nuovo cliente che attiva un’offerta con un operatore è prevista una spesa aggiuntiva media di 4,20 euro nel caso di scelta dell’eSIM in sostituzione alla SIM tradizionale.

Per i già clienti, invece, c’è la possibilità di richiedere la sostituzione della SIM, rimpiazzando la SIM Card fisica con la SIM virtuale. Tale sostituzione presenta un costo medio di 8 euro una tantum da versare al momento della richiesta. In base al proprio operatore, la richiesta della eSIM può essere fatta online oppure recandosi in negozio. Passare da una SIM Card fisica ad una eSIM non comporta variazioni della propria offerta.

L’attivazione della eSIM è molto semplice. Basterà inquadrare il QR Code fornito dall’operatore (via e-mail o tramite un apposito cartoncino da ritirare in negozio) utilizzando la fotocamera del proprio smartphone. Per registrare il profilo eSIM, inoltre, sarà necessario che il dispositivo su cui verrà installata la SIM virtuale sia collegato ad Internet tramite una rete Wi-Fi. Uno smartphone, in genere, può contenere diverse eSIM ma ne potrà utilizzare solo una alla volta.

Le eSIM rimpiazzeranno le SIM tradizionali?

Per quanto riguarda il mercato italiano, le eSIM hanno debuttato soltanto nel 2019. Il progetto di una SIM dematerializzata, però, risale al 2010 con i primi parametri standard che sono stati fissati nel 2016. In quel periodo, inoltre, si è registrato il lancio sul mercato del Samsung Gear S2 Classic 3G, primo device con supporto eSIM. Nel corso del prossimo futuro, le eSIM dovrebbero registrare una notevole diffusione.

Secondo uno studio dell’istituto di ricerca MarketsandMarkets, il giro d’affari delle SIM virtuali era valutato in 253,8 milioni di dollari nel 2017 e sfiorerà il miliardo di dollari nel 2023. Secondo indagine di Beecham Research, il 78% degli intervistati afferma di usare già una SIM virtuale o prevede di utilizzarla in futuro. Da notare, inoltre, che per uno studio di Truphone, il 90% delle SIM saranno eSIM entro il 2025.

L’87% degli operatori mobili e delle aziende che fabbricano smartphone, inoltre, produrrà dispositivi compatibili ad accogliere le eSIM entro i prossimi quattro anni.  È chiaro, quindi, che le SIM virtuali si preparano a registrare una notevole crescita della loro diffusione nel corso dei prossimi anni. Anche in Italia, molto probabilmente, tale crescita sarà significativa.

Come trovare le migliori offerte per le eSIM

Per puntare sulle eSIM, dicendo addio alle SIM Card fisiche, è necessario scegliere un’offerta proposta da un operatore che supporta le SIM virtuali. Come sottolineato in precedenza, il numero di provider italiani che mette a disposizione dei suoi utenti le SIM virtuali sta crescendo. Ad oggi, infatti, le eSIM sono disponibili per i clienti Vodafone, TIM, WINDTRE, Very Mobile e spusu. In futuro, inoltre, tale elenco è destinato ad aumentare in modo significativo.

Per individuare le migliori offerte con eSIM inclusa è possibile affidarsi al comparatore di SOStariffe.it per offerte telefonia mobile oppure scaricare l’App di SOStariffe.it, disponibile per Android ed iOS, e affidarsi al confronto online in mobilità. I costi per il passaggio alle eSIM sono, tutto sommato, contenuti e il numero di offerte compatibili con le SIM virtuali è in costante crescita. Individuare l’offerta giusta, quindi, diventa sempre più facile.

« notizia precedente « notizia successiva » »

Commenti Facebook: