di

Come calcolare la pensione minima

Quale sarà la mia futura pensione? Le diverse riforme attuate in campo pensionistico hanno reso sempre più complessa la normativa al riguardo, complicando il calcolo della futura pensione, l'età pensionistica e altri parametri. Di seguito vi spieghiamo come calcolare la pensione minima, per capire meglio quale sarà la somma mensile che percepirete al raggiungimento dell'età pensionabile.

Come calcolare la pensione minima

La pensione è una somma mensile erogata dall’INPS, l’ente nazionale previdenza sociale, al lavoratore che ha raggiunto l’età pensionabile e cessato l’attività lavorativa. Di seguito vediamo come calcolare la pensione minima.

In passato il calcolo della pensione era effettuato attraverso il metodo retributivo misto a quello contributivo, mentre dal 1995 si utilizza solo quello contributivo. Per questo motivo, chi avrà versato pochi contributi percepirà una pensione pressoché bassa.

In effetti, la differenza principale tra la pensione contributiva e quella retributiva è il metodo di calcolo:

  • Nella pensione retributiva il calcolo è una percentuale, rapportata alla media di retribuzione percepita durante gli ultimi anni di lavoro.
  • Nella pensione contributiva, il calcolo si basa sull’ammontare totale dei contributi versati durante tutta l’attività lavorativa.

Migliori Conti Correnti per Pensionati»

Calcolo della pensione minima

Per calcolare la pensione minima il parametro più importante è il reddito assoggettabile all’IRPEF.

Tale dato comprende tutti i redditi del soggetto o della coppia, tranne eventuali pensioni di invalidità civile, ovvero rendite INAIL, TFR (trattamento di fine rapporto), case di proprietà, reddito della prima casa, trattamenti di famiglia, arretrati soggetti a tassazione separata e la stessa pensione da integrare al minimo.

Una volta in possesso del dato del reddito assoggettabile all’IRPEF, bisogna ricordare che il calcolo cambia se siamo o meno sposati, poiché c’è una modifica di regolamentazione relativa al calcolo della pensione minima, ovvero:

  • Single: la pensione minima spetta interamente con redditi annui inferiori a 6.517,94 euro. Superando i 13.035,08 euro annui non si ha diritto ad alcuna integrazione;
  • Coppie sposate: l’integrazione totale scatta con reddito annuo inferiore a 19.553,82 euro, risultando escluse tutte le copie con redditi oltre i 26.071,76 euro.

Al pensionato o alla coppia spetterà una integrazione parziale se i redditi annui sono ricompresi tra due valori indicati in ogni situazione.

Maggiorazione sociale per chi ha solo la pensione

Coloro che vivono con la sola pensione possono ottenere, in casi prestabili dalla legge, una “maggiorazione sociale“, che varia sulla base dell’età del pensionato. In particolare:

  • dai 60 ai 64 anni: si ottiene un importo aggiuntivo pari a 25,83 euro al mese;
  • dai 65 ai 69 anni: la quota passa a 82,64 euro al mese;
  • dai 70 in più:  l’integrazione sarà di 36,44 euro.

Per il conseguimento della maggiorazione sociale valgono i limiti reddituali assoggettabili all’IRPEF menzionati in precedenza.

C’è un ulteriore importo aggiuntivo, previsto dalla legge ed erogato una volta l’anno. Ai pensionati di almeno 64 anni di età, con redditi annui non superiori di una volta e mezza l’importo del trattamento minimo INPS (ovvero 9.796,61 euro), spetta un importo aggiuntivo tra i 336 ed i 504 euro in base ai contributi versati, corrisposti nella mensilità di luglio, ovvero la “quattordicesima“.

Invece, i pensionati il cui reddito annuo non supera i 6.531,07 euro, ricevono una somma pari a 154,94 euro corrisposta con la mensilità di dicembre.

Un’alternativa per sapere come calcolare la pensione minima è quella di usare un pensionometro che potete trovare su questo sito. Dovrete compilare il modulo con i dati che vengono richiesti, ovvero data di nascita, anzianità accreditata, reddito annuo netto, previsione di carriera, tipo di inquadramento, mese e anno della decorrenza della pensione, e anzianità retributiva complessiva.

Infine, per capire a partire da che età si potrà andare in pensione, si può invece consultare quest’altro sito web.
Prestiti per pensionati»

Commenti Facebook: