Carte di credito revolving: pregi e difetti di questo metodo di pagamento


Quando si parla di carte di credito, una prima fondamentale distinzione da fare è quella tra carte di credito a saldo e carte di credito a rate, le cosiddette carte revolving. Quali sono le caratteristiche di questa seconda tipologia?

Carte di credito per cattivi pagatori

Analizziamo:

  • come funziona la richiesta online con esito immediato;
  • quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa carta di pagamento;
  • alcune delle migliori proposte disponibili nel 2022, che possono essere richieste direttamente online. 

Cosa significa linea di credito revolving?

Le carte di credito revolving sono delle carte di pagamento che permettono di dilazionare il pagamento delle spese effettuate: nella pratica, rispetto alle carte di credito tradizionali, ovvero le carte a saldo, il rimborso delle somme che sono state spese avviene in più rate mensili

Si tratta di una carta dotata:

  • di un codice IBAN;
  • di un codice CVC, ovvero un codice di sicurezza che potrà essere utilizzato per gli acquisti online. 

Potrà anche essere utilizzata per prelevare contanti presso gli ATM, sia quelli della propria banca, sia quelli di altre banche. Potrà essere richiesta presso qualsiasi istituto bancario: solitamente, infatti, è possibile poter scegliere tra attivare una carta con tipologia di rimborso a saldo, oppure a rate. 

Il vantaggio delle carte di credito consiste nel fatto che si potrà pagare anche per importi che non sono disponibili sul proprio conto corrente, grazie alla presenza del fido

Carta di credito revolving: come funziona

La richiesta di una carta di credito revolving potrà essere fatta:

  • fisicamente, recandosi presso la filiale della propria banca;
  • per via telematica, nel caso delle carte di credito revolving online. 

Nel momento in cui se ne richiede una nuova, sarà necessario presentare i seguenti documenti:

  • codice fiscale;
  • carta di identità in corso di validità;
  • informazioni reddituali, che potranno consistere in certificazioni e/o dichiarazioni fiscali. 

Proprio in relazione al meccanismo che le caratterizza, ovvero quello Pay Later, che prevede un anticipo da parte della Banca di un determinato importo, le carte di credito vengono rilasciate soltanto ai clienti che sono in possesso di specifici requisiti di tipo reddituale. 

La carta revolving prevede che gli importi che vengono anticipati dalla banca possano essere restituiti a rate: consiste, dunque, in un vero e proprio finanziamento che viene concesso al cliente. Per questo motivo le rate saranno accompagnate da un tasso di interesse

Carte revolving: pregi e difetti

Tra i principali vantaggi delle carte di credito revolving troviamo la possibilità di poter rateizzare un pagamento: in alcuni periodi delle nostre vite, si potrebbe avere bisogno di farlo. 

Nel momento in cui si sottoscrive la carta di pagamento, si avrà anche modo di stabilire l’ammontare della rata e la durata del finanziamento. Ogni singola carta revolving sarà caratterizzata da un tasso di interesse differente. 

In linea generale, l’importo della rata potrà essere pari a una soglia minima, che corrisponde al 5-10% del fido. Quali sono gli inconvenienti di una carta di credito di tipo revolving? La risposta è molto intuitiva. 

Sono generalmente rappresentati dai costi della stessa carta, tra i quali si possono citare:

  1. i costi di gestione elevati (in genere il canone annuale aumenta al crescere del fido);
  2. le commissioni applicate sui prelievi (per le quali non si consiglia di utilizzare questo genere di carta per prelevare contanti);
  3. i tassi di interesse, che saranno diversi a seconda del singolo istituto di credito e carta di pagamento. 

Secondo alcune stime rilasciata dalla Banca d’Italia, il tasso di interesse medio applicato sulle carte revolving corrisponde al 17%. 

Gli interessi della carta di credito revolving

Ci sono due diversi tassi di interesse da considerare nel momento in cui si sceglie di attivare una carta di credito a rate e che sono stati illustrati nella tabella che segue, sono il TAN e il TAEG

Tipologia di tasso

Spiegazione

TAN (Tasso Annuo Nominale)

Rappresenta l’interesse da corrispondere ogni anno a chi presta una data somma

TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale)

Si riferisce al costo globale di un prestito e considera il pagamento rateale. In pratica, rappresenta nel modo più realistico possibile le spese di gestione, quali la quota associativa annuale, il costo di invio dell’estratto conto mensile e il tasso di interesse applicato ad ogni singola rata 

Perché usare una carta di credito revolving

Dopo aver delineato quali siano le principali caratteristiche di una carta di credito revolving, possiamo capire meglio quali sono gli usi che se ne possono fare. In altre parole, quali sono i casi in cui sarebbe meglio pagare a rate e non a saldo?

Le carte di credito di tipo revolving permettono di pagare qualsiasi tipologia di bene (ovviamente entro i limiti del fido):

  • senza dover presentare documenti;
  • senza il bisogno di dover ricevere autorizzazioni. 

In particolare, sono consigliate per acquistare beni durevoli, come per esempio:

  • elettrodomestici;
  • casalinghi;
  • oggetti d’arredamento;
  • articoli per il giardino.

Non sono, invece, consigliate per il pagamento delle spese di ogni giorno, in quanto si tratta di spese basse e non converrebbe dover sostenere delle rate con tassi di interesse che, in proporzione, potrebbero risultare spropositate. 

Le carte revolving sono, a conti fatti, molto redditizie per gli istituti di credito, ma potrebbero essere anche una soluzione molto vantaggiosa per i clienti che scelgono di averne una. In aggiunta, è possibile anche possedere diverse carte di questo tipo, non per forza con lo stesso istituto di credito. 

Cosa succede se non si pagano le rate?

Abbiamo visto che la differenza tra le carte di credito a saldo e a rate consiste, fondamentalmente, nella diversa modalità di rimborso delle stesse. Gli svantaggi principali di una carta a rate sono:

  • la presenza dei tassi di interesse;
  • spese di gestione e di mantenimento elevate;
  • la maturazione di interessi passivi nel caso in cui il debito non fosse rimborsato. 

L’ultimo punto, in particolare, prevede che nel caso in cui non si dovessero riuscire a saldare le rate della carta revolving:

  • la carta sarà bloccata fino al momento in cui non sarà saldato l’importo dovuto, e saranno inoltre aggiunti degli interessi di mora;
  • si verrà segnalati al SIC (sistema di informazione creditizio) come cattivi pagatori. 

Carte di Credito Revolving American Express

Le Carte di Credito American Express offrono diverse carte di credito revolving che danno la possibilità di poter finanziare le proprie spese in maniera flessibile, con una linea di credito predefinita.

Una delle principali caratteristiche di queste carte è la flessibilità; ogni mese, infatti, si avrà la possibilità di scegliere la formula di rimborso più adatta alle proprie esigenze, quindi tra carta a saldo (in un’ unica soluzione senza interessi aggiuntivi), oppure carta a rate. 

In aggiunta, si potrà disporre dei più elevati standard di protezione e controllo con il livello di servizi American Express di sempre. Tra le carte da prendere in considerazione, ci sono:

  • Blu American Express;
  • Carta Explora American Express. 

Carta di credito revolving UniCreditCard Flexia Classic

La Carta di Credito UniCreditCard Flexia Classic consente di pagare contactless nei negozi di tutto il mondo e online in tutta sicurezza. Prevede:

  • un costo di emissione di 10 euro;
  • un costo del canone annuo di 42 euro. 

Se richiesta entro il 31 gennaio 2023, dalla Banca via Internet o dall'App Mobile Banking, il canone di gestione e di attivazione saranno azzerati. 

Scegliendo questa carta revolving:

  • decidi tu il limite di spesa da 1.000 euro a 5.000 euro;
  • scegli come rimborsare le spese che fai;
  • controlli tutti i movimenti della carta dall'App Mobile Banking o dalla Banca via Internet;
  • paghi con il tuo smartphone tramite i pagamenti digitali.

Con l'App Mobile Banking sarà possibile:

  • monitorare il saldo e i movimenti di tutte le tue carte;
  • scegliere la modalità di rimborso per la tua UniCreditCard Flexia Classic e rateizzare i tuoi acquisti;
  • pagare con Apple Pay, Samsung Pay, Google Pay e BANCOMAT Pay®;
  • attivare nuove carte e bloccarle in caso di necessità;
  • impostare i limiti di spesa.

In aggiunta, si potrà attivare la Linea Premium, ovvero un fido carta aggiuntivo che permette di affrontare le spese extra. 

Nella tabella che segue sono state indicate tutte le condizioni contrattuali della carta, ovvero i costi principali che si dovranno sostenere e le commissioni previste sui contanti. 

Voci di spese

Costi

Canone annuo

42 euro

Costo di emissione

10 euro

Emissione e invio estratto conto cartaceo

0 euro

Emissione e invio di ciascuna copia degli estratti conto precedenti 

2,54 euro

Commissione per ciascuna operazione di prelievo contante

4% dell'importo prelevato

con minimo di 2,50 euro

Carta familiare/aggiuntiva

31 euro

BBVA carta di debito: offerte e promozioni di Novembre 2022

La carta di debito gratuita di BBVA, inclusa nel conto corrente online a zero spese, è uno strumento di pagamento e prelievo vantaggioso per pagare le proprie spese perché è a zero commissioni. Il comparatore di SOStariffe.it ha selezionato questa offerta come la più conveniente di novembre 2022.

Carte di credito zero spese: le offerte di Novembre 2022

Tra le carte di credito più richieste per pagamenti online o nei negozi fisici ci sono quelle a zero spese. Le migliori offerte di novembre 2022 sono quelle con un canone annuo gratuito o molto basso. Le proposte più vantaggiose su SOStariffe.it.

La miglior carta prepagata con IBAN di Novembre 2022

Le carte di credito prepagate senza un conto corrente d’appoggio ma con codice IBAN sono una soluzione conveniente. Con SOStariffe.it, ecco quali sono i loro vantaggi e le alternative proposte a novembre 2022.