Bonus TV 100 euro requisiti: come richiedere e ottenere il contributo

Il Bonus TV 100 euro è realtà. Con la firma del decreto attuativo del Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, la nuova agevolazione, il cui nome ufficiale è "Bonus Rottamazione TV", è pronta a partire permettendo a tutti i cittadini italiani, senza limiti di ISEE, di poter ottenere uno sconto del 20% (fino ad un massimo di 100 euro) sull'acquisto di un nuovo TV o un decoder compatibili con lo standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2/HEVC Main 10. Ecco quali sono i requisiti e come richiedere ed ottenere il Bonus TV 100 euro.

Bonus TV 100 euro requisiti: come richiedere e ottenere il contributo

Il Bonus Rottamazione TV è ufficiale. Il Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, ha firmato il decreto attuativo che, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, consentirà a tutti i cittadini italiani di accedere ad un’agevolazione sull’acquisto di un TV o un decoder compatibili con lo standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2/HEVC Main 10. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sul nuovo Bonus TV 100 euro e come fare per richiederlo ed ottenerlo.

Come funziona il Bonus TV 100 euro

La nuova agevolazione presenta un funzionamento molto semplice. Grazie al Bonus TV 100 euro, infatti, è possibile ottenere uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto di un nuovo TV o di un decoder. L’importo massimo dello sconto sarà di 100 euro.  Il modello acquistato, per beneficiare dello scorso del 20%, dovrà essere compatibile con lo standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2/HEVC Main 10. Per l’accesso al bonus, inoltre, è necessario procedere con la rottamazione di un vecchio TV. 

La nuova agevolazione presenta una serie di requisiti, che l’acquirente dovrà rispettare per ottenere lo sconto, e può essere attivata esclusivamente in caso di rottamazione di un vecchio TV. Lo sconto verrà applicato, al prezzo di vendita del TV o del decoder, direttamente dal rivenditore. Il nuovo bonus punta ad accelerare l’aggiornamento degli apparecchi TV presenti in Italia in vista del passaggio alla nuova TV digitale terrestre.

Come richiedere il Bonus TV 100 euro

Il nuovo Bonus TV 2021 è completamente diverso dal bonus del 2019 che prevede un limite massimo all’ISEE fissato in 20.000 euro. Tale agevolazione, infatti, è accessibile a tutti i cittadini italiani, senza alcun limite legato alla certificazione ISEE. Sarà, quindi, possibile accedere allo sconto del 20% a prescindere dal reddito. Per poter richiedere il Bonus TV 100 euro, però, bisognerà soddisfare alcuni requisiti ben precisi.

Come prima cosa, l’accesso all’agevolazione è vincolato al possesso della residenza in Italia. Tutti i cittadini residenti in Italia potranno fare richiesta per l’ottenimento dello sconto del 20%, fino a 100  euro, previsto dalla nuova agevolazione. Per accedere al bonus, però, bisognerà soddisfare un altro requisito. Il Bonus TV, infatti, è accessibile esclusivamente in caso di rottamazione di un vecchio TV acquistato prima del 22 dicembre del 2018. 

Da notare, inoltre, che la normativa prevede la possibilità di richiedere un solo Bonus TV 100 euro per nucleo familiare. Anche in caso di rottamazione di due TV, quindi, non sarà possibile accedere a due sconti in quanto il bonus è previsto per singolo nucleo familiare. C’è un altro elemento da considerare per ottenere il Bonus TV 100 euro. L’accesso all’agevolazione è disponibile solo per chi è in regola con il pagamento del Canone RAI. 

Per i contribuenti che sono esonerati dal pagamento del Canone RAI, come previsto dalla normativa vigente, sarà ugualmente possibile accedere al Bonus TV. Di conseguenza, i cittadini over 75 che rientrano nella fascia di esenzione dal pagamento del Canone RAI potranno sfruttare il nuovo bonus ed ottenere uno sconto del 20% fino a 100 euro per l’acquisto di un nuovo TV.

Fondi limitati e data di scadenza

Il Bonus rottamazione TV è disponibile per tutti i cittadini italiani che rispettano i requisiti previsti dalla normativa e riepilogati nel paragrafo precedente. Non è detto, però, che tutti gli aventi diritto, interessati all’agevolazione, riusciranno effettivamente ad accedere al bonus. L’accesso al Bonus TV 100 euro è, infatti, vincolato alla presenza di fondi disponibili per sostenere quest’agevolazione.

Per il momento, il Governo ha stanziato per questo bonus un fondo da 250 milioni di euro. Secondo recenti stime, gli apparecchi da sostituire, in quanto non compatibili con il nuovo standard del digitale terrestre sarebbero quasi 10 milioni. Il fondo stanziato dal Governo, quindi, potrebbe non essere sufficiente per garantire a tutti gli utenti che hanno la necessità di sostituire il TV o il decoder di ottenere lo sconto del 20% previsto dall’agevolazione.

Pur non essendoci conferme a riguardo, per il momento non possiamo escludere che in futuro tale fondo non venga ampliato. In caso di successo del Bonus TV, infatti, potrebbe rendersi necessario un nuovo decreto che vada ad incrementare i fondi disponibili per poter gestire al massimo le richieste e completare il programma di aggiornamento di TV e decoder in vista dell’arrivo del nuovo digitale terrestre.

Da notare, inoltre, che il Bonus TV 100 euro sarà disponibile, salvo proroghe o esaurimento dei fondi, fino al prossimo 31 dicembre 2022. C’è, quindi, quasi un anno e mezzo di tempo per poter scegliere il nuovo apparecchio (TV o decoder) compatibile con il digitale terrestre e completare l’acquisto beneficiando dello sconto del 20% previsto in caso di rottamazione di un vecchio apparecchio.

Bonus TV 2021: come funziona la rottamazione

Per poter rottamare il vecchio TV e accedere così allo sconto del 20% (fino a 100 euro) sull’acquisto di un nuovo apparecchio si hanno a propria disposizione diverse opzioni. Per prima cosa, sarà possibile consegnare il vecchio TV al rivenditore presso cui si effettua l’acquisto per cui si desidera utilizzare il Bonus TV 100 euro. La consegna del TV usato dovrà essere fatta contestualmente all’acquisto. Il rivenditore dovrà poi procedere allo smaltimento dell’apparecchio, seguendo la normativa vigente, per ottenere un credito di imposta pari allo sconto applicato.

C’è anche un’altra opzione per poter completare la rottamazione necessaria per ricevere il Bonus TV. Prima di effettuare l’acquisto del nuovo modello compatibile con l’agevolazione bisognerà portare il vecchio TV ad un’isola ecologica per lo smaltimento. A questo punto, si riceverà un documento che attesta l’avvenuta rottamazione. Tale documento andrà presentato al rivenditore in fase di acquisto di un nuovo TV o di un decoder compatibile per poter ottenere lo sconto del 20% previsto dall’agevolazione.

Come funziona il Bonus TV con ISEE inferiore a 20.000 euro

Per le famiglie con ISEE inferiore a 20.000 euro c’è un’altra agevolazione su cui puntare. Si tratta del Bonus TV da 50 euro. Quest’agevolazione offre un contributo fisso (pari proprio a 50 euro) sull’acquisto di un nuovo TV o di un decoder compatibili con lo standard DVB-T2 HEVC Main10. Anche in questo caso, per ogni nucleo familiare sarà possibile ottenere un solo Bonus TV. Come sottolineato in precedenza, è previsto il requisito legato all’ISEE che non dovrà superare quota 20.000 euro per poter accedere all’agevolazione.

Il bonus in questione si traduce in uno sconto praticato dal venditore del TV o del decoder al prezzo di vendita in fase di acquisto del modello selezionato. Per usufruire del bonus è necessario scaricare il modulo per la presentazione della domanda (disponibile sul sito nuovatvdigitale.mise.gov.it). E’ importante sottolineare che il Bonus TV 50 euro ed il Bonus Rottamazione TV sono cumulabili (se vengono rispettati tutti i requisiti). In questo caso, quindi, sarà possibile beneficiare di uno sconto massimo di 150 euro per l’acquisto di un disponibile compatibile.

Il rivenditore dovrà indicare al cliente i dispositivi compatibili con l’utilizzo del bonus (e con lo standard DVB-T2 HEVC Main10) da acquistare a prezzo scontato. Da notare, in ogni caso, che sul sito ufficiale della Nuova TV digitale è presente una sezione che include una lista di prodotti idonei. Gli utenti possono consultare tale lista per verificare, in qualsiasi momento, se il prodotto che si desidera acquistare sia effettivamente idoneo per l’utilizzo del bonus.

Quando avviene il passaggio alla nuova TV digitale?

Il passaggio alla nuova TV digitale necessiterà l’utilizzo di un apparecchio in grado di ricevere lo standard di trasmissione di seconda generazione Dvb-T2 (codifica H-265 o Hevc). I TV, inoltre, dovranno decodificare il formato Mpeg4 (non più Mpeg2) in modo da garantire la visualizzazione esclusiva dei canali in alta definizione. La codifica Mpeg4 sarà attiva a partire dal prossimo 1° settembre 2021, in modo graduale seguendo un calendario che prevede attivazioni progressive su base geografica. Il passaggio al Dvb-T2, invece, prenderà il via tra poco meno di un anno. La data da segnare sul calendario è quella del 21 giugno 2022. 

Per verificare se il TV non è idoneo alla nuova TV digitale è possibile:

  • per il passaggio al formato Mpeg4: è sufficiente provare a visualizzare uno dei canali in HD del digitale terrestre come 501 (Raiuno Hd), 505 (Canale 5 Hd) e 507 (La7 Hd)
  • per il passaggio al Dvb-T2: bisognerà provare a visualizzare i canali di test 100 e 200; in caso di compatibilità con il nuovo standard comparirà la scritta Test Hevc Main10

Commenti Facebook: