Bollette gas: come sarà calcolato l’aggiornamento ARERA a Ottobre 2022

Dal 1° Ottobre scatta il nuovo meccanismo di aggiornamento dei costi della materia prima gas introdotto dall’Autorità per l’energia nel tentativo di arginare l’impatto dello “tsunami” energetico in corso. Ecco come funzionerà e quali saranno le novità per i clienti domestici ancora in regime Tutelato.

Bollette gas: come sarà calcolato l’aggiornamento ARERA a Ottobre 2022

Novità in arrivo nelle bollette gas per 7,3 milioni di clienti domestici ancora in regime di Maggior Tutela (su un totale di 20,4 milioni). Dal 1° Ottobre ARERA, l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente cambierà il sistema di calcolo dei prezzi del gas nel tentativo di arginare l’impatto dello “tsunami” energetico in corso. Non solo. Il prezzo della materia prima sarà stabilito su base mensile e non più trimestrale, in modo da adeguare il prezzo del gas all’evoluzione dei mercati energetici.

Prezzi troppo elevati, una guerra in corso ed un chiaro uso del gas come leva geopolitica ci chiamano ad interventi straordinari, per cercare di garantire la difesa del consumatore e la sicurezza della fornitura”, così il presidente ARERA, Stefano Besseghini, ha commentato il cambiamento di rotta dell’Authority, annunciata a fine luglio.

A poche ore dall’entrata in vigore del nuovo sistema di calcolo, gli esperti di SOStariffe.it propongono un “vademecum” per aiutare i titolari di utenze domestiche in regime di Tutela a capire quali siano le principali novità contenute nella delibera ARERA e come cambieranno le fatture di luce e gas dal 1° Ottobre 2022.

Bollette del gas, cosa cambia a partire dal 1° Ottobre 2022

QUALI SONO LE PRINCIPALI NOVITÀ COME SI TRADUCONO IN BOLLETTA
1 Entra in vigore un nuovo sistema per la definizione del prezzo della materia prima Dal 1° Ottobre ARERA utilizza come base di partenza per il calcolo del prezzo del gas la media dei prezzi effettivi del mercato all’ingrosso PSV italiano
2 Cambia la periodicità di aggiornamento del prezzo del gas Dal 1° Ottobre ARERA aggiorna i prezzi su base mensile e non più su base trimestrale

Il cambio di rotta deciso da ARERA include due novità fondamentali che avranno effetto sul meccanismo che regola il regime di Maggior Tutela. Tali misure scatteranno il 1° Ottobre (data prevista del prossimo aggiornamento tariffario ARERA) e avranno effetto fino al termine del regime di Tutela del gas, oggi previsto a Gennaio 2023. (Per il regime di Tutela nel comparto elettrico, la fine è prevista a Gennaio 2024).

La prima novità riguarda il metodo per calcolare il costo del gas in bolletta: ARERA dice “addio” al TTF (Title Transfer Facility), il principale hub europeo per lo scambio di gas naturale, situato nei Paesi Bassi. Dal 1° Ottobre, infatti, l’indice TTF non sarà più il punto di partenza per calcolare il prezzo del gas nel regime di Maggior Tutela. Al suo posto, l’Authority italiana dell’energia userà la media dei prezzi effettivi all’ingrosso PSV (Punto di Scambio Virtuale), che corrisponde all’indice del prezzo gas in Italia.

La seconda novità riguarda la frequenza di aggiornamento del prezzo che diventa mensile, non più trimestrale. Obiettivo? “Intercettare in modo immediato le eventuali iniziative nazionali ed europee di contenimento dei prezzi”, spiegano da ARERA in una nota ufficiale, in un chiaro rimando alle trattative in corso Bruxelles legate a un possibile tetto al prezzo del gas.

Con il nuovo metodo di aggiornamento, dunque, il valore della componente materia prima per la tutela gas sarà pubblicato sul sito dell’Autorità all’inizio di ogni mese successivo al mese di riferimento.  Dopo l’aggiornamento di Ottobre 2022, dunque, (già previsto dal sistema trimestrale) arriveranno anche gli aggiornamenti di Novembre e Dicembre 2022.

Sempre secondo quanto reso noto da ARERA, il nuovo metodo di aggiornamento dei prezzi punta a rendere più sicure le forniture ai consumatori. Con questo nuovo meccanismo, infatti, “si riduce il rischio che i venditori non siano in grado di garantire la propria operatività e quindi le forniture ai propri clienti, minimizzando il pericolo che le famiglie siano costrette a ricorrere ai servizi di ultima istanza e gli stessi venditori al servizio default, pregiudicando l’intero equilibrio economico della filiera gas italiana”.

Cosa cambia per i clienti del Mercato libero a Ottobre 2022

Il nuovo sistema di calcolo dei prezzi del gas per il regime Tutelato avrà un impatto anche sulle forniture del Mercato libero cosiddette “Placet”, ovvero le offerte a prezzo libero a condizioni equiparate di tutela. Si tratta di offerte proposte dal Mercato libero caratterizzate però da condizioni contrattuali definite da ARERA. Proprio per il fatto che seguono l’andamento dei prezzi del servizio di Maggior Tutela, queste tariffe registreranno un aggiornamento mensile e non più trimestrale.

Nessuna variazione, invece, per le offerte del Mercato libero a prezzo indicizzato il cui costo della materia prima gas è “agganciato” agli indici TTF (acronimo di Title Transfer Facility) o PSV (Punto di Scambio Virtuale). Anche le offerte con tariffe a prezzo bloccato non registreranno alcun cambiamento, in quanto esse prevedono che il costo unitario della materia prima resti invariato per tutta la durata della sottoscrizione del contratto.

Se è vero che le bollette non sono tutte uguali, perché le offerte del Mercato libero sono molteplici e variegate, è altrettanto vero che le famiglie italiane sono tutte a caccia di risparmio in questo buio scenario economico. Una bussola per orientare il proprio cammino verso la meta della convenienza è garantita dal comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas. Si tratta di uno strumento online e gratuito che consente ai titolari di utenze domestiche di confrontare le soluzioni luce e gas del Mercato libero e trovare la promozione “cucita” sulle esigenze di spesa e consumo della propria famiglia.

Utilizzare il comparatore è semplice e intuitivo. Basta indicare una stima del proprio consumo annuo di energia elettrica e gas, oppure calcolarla con l’apposito tool, per individuare subito l’offerta più conveniente tra le tante opzioni disponibili sul mercato. Una volta scelta l’offerta giusta, infine, si potrà procedere con l’attivazione online, raggiungendo il sito del fornitore.

Clicca al link qui sotto per accedere al comparatore di SOStariffe.it disponibile anche tramite l’App di SOStariffe.it per sistemi operativi iOS e Android.

SCOPRI LE MIGLIORI OFFERTE LUCE E GAS »