Si può cambiare assicurazione auto prima della scadenza?


L’assicurazione autoè un costo obbligatorio che tutti i possessori di veicoli devono sostenere: spesso capita di trovare, quando si ha già un’assicurazione attiva, magari proprio dopo che è stata pagata la prima rata del premio, una polizza RC auto a un prezzo più vantaggioso.

assicurare auto prima della scadenza

Quella di risparmiare con una compagnia assicurativa più economica è un’ipotesi certa nel momento in cui si effettua una comparazione, soprattutto se online, e si mettono a confronto le varie possibilità disponibili.

Cosa succede in casi come questo? È possibile cambiare la propria assicurazione RC auro prima della sua effettiva scadenza? Cosa succede, invece qualora si volesse cambiare assicurazione in seguito a un incidente stradale? Vediamo di seguito come funziona.

La durata dell’assicurazione auto

Fino al 2013, le assicurazioni auto si rinnovavano con il cosiddetto “tacito rinnovo”, una clausola presente nel contratto con la quale le compagnie assicurative avevano accesso a una sorta di contratto a tempo “indeterminato”. Ovviamente i clienti potevano recedere dal contratto tramite relativa comunicazione, in mancanza della quale l’assicurazione si rinnovava in automatico.

Oggi tutto questo non è più possibile e la clausola del tacito rinnovo è illegale. I contratti assicurativi hanno durata di un anno, ma il premio può essere pagato in due soluzioni. Ogni anno, dunque, entro 15 giorni dopo la scadenza del contratto, è necessario sottoscrivere un nuovo contratto, con la vecchia o con una nuova compagnia.

Nel caso in cui si volesse scegliere una nuova compagnia, non sarà dunque necessario dare disdetta alla precedente: basterà recarsi presso la sede selezionata o sottoscrivere online la polizza RC auto più conveniente che è stata individuata.

Il tacito rinnovo è ancora possibile per le polizze accessorie che possono essere aggiunte all’assicurazione RC auto principale, come per esempio la copertura per danni fisici al conducente o a terzi. In questo caso, per recedere dal contratto dovrà essere inviata una lettera di disdetta, tramite raccomandata A/R o PEC, con un preavviso di almeno 60 giorni.

Si può cambiare assicurazione auto prima della scadenza?

Fatte le necessarie premesse, è adesso possibile rispondere alla domanda iniziale. Non è possibile cambiare l’assicurazione RC auto in qualsiasi momento, solo perché è stata trovata all’improvviso un’opportunità di risparmio.

Nel momento in cui viene sottoscritta una polizza RC auto ci si impegna a pagarla per un intero anno e non è consentita la possibilità di recesso o di chiedere indietro i soldi che sono già stati versati. In caso di mancato pagamento del premio, inoltre, la polizza verrebbe sospesa e il veicolo non potrebbe più circolare.

In altri termini, anche se si invia una lettera di disdetta anticipata prima della scadenza del contratto assicurativo, che comunque non è più necessaria per la polizza RC auto obbligatoria, si sarà tenuti a pagare l’intera annualità.

Nessuno vieta all’automobilista di firmare, nel frattempo, un altro contratto assicurativo, posto che in questo modo sarebbe costretto a pagarne due in contemporanea.

Si può cambiare assicurazione dopo un incidente?

Prima di rispondere a questa domanda, è necessario spiegare cosa succede prima della scadenza di un contratto assicurativo. Nei 60 giorni che precedono la scadenza inizia il cosiddetto “periodo di osservazione”, durante il quale viene effettuato un controllo su eventuali incidenti avuti nel corso dell’anno.

In base alla condotta dell’automobilista alla guida, nei 30 giorni prima della scadenza viene inviato l’attestato di rischio, ovvero il documento nel quale viene sintetizzata qual è la classe di merito maturata dal sottoscrittore della polizza. In questa fase, quest’ultimo avrà la possibilità di chiedere dei preventivi ad altre compagnie assicurative.

A questo punto:

  • la nuova compagnia potrà decidere se aumentare o diminuire la classe di merito indicata nell’attestato di rischio in base al meccanismo del bonus-malus, che analizza il numero di incidenti verificatisi negli ultimi 12 mesi, in particolare quelli con una percentuale di colpa di almeno il 51%;

  • se nell’anno precedente sono stati causati incidenti nei quali si ha responsabilità esclusiva o quasi esclusiva, la propria classe di merito aumenterà di due classi;

  • in caso contrario, scenderà di una classe.

Quello del cambio assicurazione dopo un incidente è un escamotage, illegale, utilizzato da molti automobilisti per nascondere un incidente nel quale hanno colpa superiore al 50% e attivare durante il periodo di osservazione, ma prima di ricevere l’attestato di rischio, un contratto con una nuova compagnia assicurativa.

In Italia un sinistro stradale può essere denunciato fino a due anni dall’accaduto: ciò ha reso finora possibile a molti di nascondere un incidente e lasciarsi assegnare dalla nuova compagnia assicurativa di turno una classe di merito in meno, piuttosto che due in più.

Questo gap informativo è stato in parte colmato con l’introduzione, dal 1° luglio 2015, dell’attestato di rischio elettronicoe dalla relativa dematerializzazione dei documenti legati all’assicurazione.

Si tratta di un sistema che dovrebbe essere perfezionato nel corso degli anni e funzionare al meglio nel 2023: ad ogni modo, è lo strumento che consente già adesso alla nuova compagnia assicurativa di conoscere per tempo, e non dopo mesi, eventuali incidenti che sono stati commessi nel breve periodo da un automobilista alla ricerca di una nuova polizza RC auto.

 

Preventivi polizze auto 2021: le migliori assicurazioni di Febbraio 2021

Trovare un'assicurazione per la vettura che sia conveniente e copra al meglio il vostro veicolo può essere un'impresa, per poter rendere più semplice questa ricerca ci si può affidare ad un confronto online dei preventivi delle polizze auto. In questa guida vedremo come individuare le migliori assicurazioni auto e scegliere la più conveniente

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Bonus 40% elettriche: che cosa è e come ottenerlo

Ci sono tante iniziative in arrivo per sostenere la diffusione delle auto elettriche. Tra le novità previste dalla commissione Bilancio della Camera, infatti, c'è anche un nuovo bonus riservato alle famiglie che rispettano determinati requisiti di reddito. Il nuovo bonus renderà l'acquisto delle auto elettriche ancora più conveniente, anche per le famiglie a basso reddito. Ecco cos'è e come ottenere il bonus del 40% per le auto elettriche.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »