Perdita classe di merito RC: quando può succedere?


La classe di merito Rc viene indicata nell’attestato di rischio e determina l’aumento o la diminuzione della tariffa di anno in anno assicurativo.

Vista l’incidenza che la classe di merito ha sul costo delle assicurazioni, è utile sapere in quali casi può accadere la perdita classe di merito Rc.

Questa ipotesi può verificarsi innanzitutto quando il cliente non risulta in regola con il pagamento semestrale o rateizzato dell’Rca, poiché la classe di merito viene calcolata proprio al termine dell’anno assicurativo, momento in cui si fa il conteggio dei sinistri denunciati dall’assicurato.

È importante sapere inoltre che l’attestato di rischio, insieme alla classe di merito RC indicata, ha validità di 5 anni conteggiati dalla scadenza dell’ultima polizza nei seguenti casi:

  • scadenza del contratto di assicurazione;
  • sospensione della polizza per mancato rinnovo;
  • rottamazione e demolizione del veicolo;
  • veicolo venduto, ceduto o esportato all’estero.

In queste ipotesi, se l’assicurato non si adopera entro 5 anni, stipulando una nuova assicurazione auto o moto, perde la classe di merito acquisita.

È importante comunque conservare il documento scaduto per essere ri-assicurati almeno in 14° classe (nei casi di smarrimento infatti verrà applicata la classe Rc più costosa, cioè la 18°).

La classe di merito Rc inoltre può non essere conteggiata nelle formule assicurative a libro matricola e/o a franchigia che non seguono il classico sistema Bonus Malus. Il caso è stato sollevato di recente dall’Ivass e riguarda le offerte Rca gratis per un anno.

Gli assicurati in questa formula, non si vedevano riconoscere la classe di merito raggiunto il termine dell’annualità gratuita, per questo l’Autorità di Vigilanza ha imposto anche per queste formule l’obbligo al regolare rilascio dell’attestato di rischio.

Preventivi RC auto a confronto »Vai

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi, 7 novembre: i prezzi e cosa dice la legge

Quanti pensavano di avere ancora fino al 6 Marzo 2020 per adeguarsi all’obbligo dei seggiolini antiabbandono hanno avuto una brutta sorpresa. Il Ministero dell’Interno ha infatti entrare in vigore l’obbligo dal 7 Novembre. La novità ha colto di sorpresa sia gli automobilisti che i produttori dei dispositivi. C'è stata una corsa all'acquisto che ha fatto crescere i prezzi dei dispositivi

Costo Auto 2019: aumentano del 6,58% le spese per RC, carburante, bollo e revisione

Mantenere un'auto costa, in media, 1614 Euro all'anno agli automobilisti italiani con veri e propri picchi in Campania, dove si supera quota 2 mila Euro all'anno di spese per il mantenimento. Rispetto allo scorso anno, inoltre, i prezzi di gestione sono aumentati in quasi tutte le regioni italiane con un incremento medio del +6.58%. Questi sono i principali risultati dell'ultimo Osservatorio di SosTariffe.it che ha preso in esame tutti i costi, fissi e variabili, che gli automobilisti devono affrontare per il proprio veicolo in tutte le regioni del Paese. Ecco i risultati dello studio. 

Conti Correnti e tassi negativi: 6 consigli per evitarli

Una realtà già adottata all’estero da alcune banche danesi, tedesche e svizzere, i tassi negativi vedranno applicazione anche nel nostro Paese, a partire dal prossimo anno. Come funzionano di preciso i tassi negativi e quali sono le conseguenze sui conti correnti dei risparmiatori italiani, da sempre abituati a mettere da parte i propri soldi nello strumento finanziario del conto corrente? Ecco a cosa bisogna prestare attenzione e quali sono i motivi per i quali si potrebbe cercare una soluzione alternativa.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

Guide