Chi può ritirare un attestato di rischio?


L’attestato di rischio è quel documento assicurativo che certifica il numero di sinistri denunciati  negli ultimi 5 anni e la classe di merito raggiunta dall’assicurato in base al sistema Bonus Malus. 

L’attestato di rischio è un documento fondamentale, necessario in caso di cambio compagnia Rc auto per il calcolo della nuova tariffa, ma allo stesso tempo personale, perché indica il livello di virtuosità o di sinistrosità del conducente.

Questo è il motivo per cui in seguito alle modifiche intervenute con il D.lgs 209/2005 di dematerializzazione delle assicurazioni, l’assicurato- conducente è il primo soggetto legittimato a ricevere il documento in prossimità della scadenza Rca.

La nuova legge ha modificato le modalità di invio dell’attestato di rischio, perché da una parte, è stato eliminato l’onere dell’assicurato di richiedere, ritirare e consegnare materialmente il documento alla nuova compagnia assicurativa, dall’altra, l’interessato può continuare a consultarne i dettagli, leggendo e scaricando la copia online resa disponibile dalla vecchia assicurazione nell’area clienti online, 30 giorni prima della scadenza polizza.

L’attestato di rischio in sostanza non è più disponibile in formato cartaceo e non va ritirato, se non su richiesta dell’interessato, perché la nuova compagnia può consultarne il contenuto online in una banca dati custodita dall’IVASS (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni), e calcolare il preventivo in base al contenuto del documento.

Confronta Preventivi RC Auto »

Chi può ritirare l’attestato di rischio?

L’assicurato può accedere all’area online della precedente assicurazione per scaricare il documento, ma non deve più occuparsi della trasmissione ad eventuale nuova compagnia. Gli altri aventi diritto alla consegna dell’attestato diversi dal contraente sono i seguenti:

  • il proprietario del veicolo;
  • il locatario in caso di locazione finanziaria (leasing);
  • l’usufruttuario;
  • l’acquirente del veicolo con patto di riservato dominio.

Questi soggetti, non potendo accedere all’area online dell’assicurato, devono fare richiesta di copia e ritiro del documento a mezzo e-mail o in formato cartaceo al Servizio Clienti della compagnia.

Auto vecchie: chi paga il bollo?

Il bollo auto è il nome comune della tassa automobilistica dovuta ogni anno per il possesso di un determinato veicolo. Si tratta, quindi, di uno dei principali "costi fissi" per i proprietari di auto e moto e deve essere tenuto in considerazione nella valutazione dei costi di mantenimento del veicolo. Non tutte le auto devono pagare il bollo o devono pagare la tassa per intero. La normativa prevede, infatti, condizioni agevolate per il bollo delle auto "vecchie". Ecco tutto quello che c'è da sapere.

Bonus 40% elettriche: che cosa è e come ottenerlo

Ci sono tante iniziative in arrivo per sostenere la diffusione delle auto elettriche. Tra le novità previste dalla commissione Bilancio della Camera, infatti, c'è anche un nuovo bonus riservato alle famiglie che rispettano determinati requisiti di reddito. Il nuovo bonus renderà l'acquisto delle auto elettriche ancora più conveniente, anche per le famiglie a basso reddito. Ecco cos'è e come ottenere il bonus del 40% per le auto elettriche.

Revisione Auto 2020: tutte le proroghe per Covid-19

La revisione auto 2020 sarà soggetta a una serie di proroghe che sono state introdotte dal Ministero dell’Interno per andare incontro all’emergenza sanitaria: la circolare n. 300/A/7923/201l O 1/3/3/9 del 22/10/2020 aveva già introdotto delle specifiche, ma il MIT è intervenuto nuovamente per creare ordine tra la confusione creatasi a causa delle diverse ordinanze emanate negli ultimi tempi. 
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »