Servizi a pagamento non richiesti: come evitarli

Si chiamano VAS: “Servizi a Valore Aggiunto” che si attivano in abbonamento cliccando involontariamente il link verso una pagina deviata di servizi a pagamento. Sono un tranello in cui siamo incappati un po’ tutti e che comporta una fastidiosissima spesa (talvolta ingente) accompagnata da un senso di truffa subita.

Come evitare i servizi a pagamento mobile
Come evitare i servizi a pagamento mobile

Succede in questo modo: si sta navigando in rete, si clicca sul link di una pagina e invece di arrivare effettivamente su quella pagina ci si vede reindirizzare sulla pagina di un sito a pagamento, che si tratti di giochi online, porno, oroscopi, news di settore o contenuti come suonerie e immagini per il cellulare.

Si tratta di servizi in abbonamento involontari, che si attivano autonomamente se non si ferma il caricamento della pagina in tempo. Nessuna richiesta di attivazione, nessuna conferma, talvolta nemmeno una notifica. Ma il costo è gravoso, soprattutto se non ci si accorge per parecchio tempo dell’avvenuto pagamento: decine di euro che vengono vampirizzati dal credito per servizi non voluti, né richiesti né sfruttati.

In gergo vengono chiamati VAS, ossia Servizi a Valore Aggiunto per la telefonia mobile, il cui intento è quello di fornire prestazioni aggiuntive rispetto ai servizi “di base” previsti dal fornitore mobile. Si attivano in autonomia per un click distratto e spesso sono ardui da disattivare: di fatto ci si ritrova abbonati a un servizio non richiesto il quale si fa pagare – se si è fortunati – a consumo, altrimenti in abbonamento, con costi anticipati parecchio elevati.

Confronta le migliori offerte Mobile

Cosa si può fare per evitare di incappare nel tranello dei VAS? Vediamo qualche consiglio.

L’intervento dell’AgCom

Esiste una procedura di sicurezza che l’AgCom sta sperimentando da qualche mese e che tra non molto dovrebbe divenire obbligatoria per tutti i tipi di servizi “premium” degli operatori di servizi mobile.

Il problema postosi sulla questione è che, di fatto, quello dei VAS è un business legittimo che non può essere impedito dalle autorità; ma che, al contempo, viene spesso effettuato su una clientela ignara di essersi accollata i costi di un abbonamento “per sbaglio”, semplicemente navigando in internet e cliccando ingenuamente su un link sospetto o nascosto.

Ad oggi basta, appunto, un click e l’attivazione parte in automatico; più ardua è invece la modalità di disattivazione dell’abbonamento: spesso la strada è intricata, poco chiara, si interrompe o non va a buon fine. L’unico modo per essere sicuri di aver disattivato quel servizio premium (che, per altro, non si era richiesto), è ricevere il tanto agognato messaggino di conferma: un SMS che comprova l’avvenuta disattivazione del servizio.

Dato l’alto tasso di segnalazioni degli utenti vittima di tali abbonamenti non richiesti, come dicevamo, l’AgCom ha sviluppato un protocollo di sicurezza che è ad oggi in via sperimentale, ma che dovrebbe divenire attivo e operante verso la metà di quest’anno: si tratta di complicare la procedura di attivazione dei servizi in maniera tale da essere sicuri che l’utente non attivi nulla “per sbaglio”, ma che al momento dell’abbonamento sia ben consapevole di ciò che sta facendo.

Confronta le migliori offerte Internet Mobile

Un procedura che prevede due step: un primo passo è quello dell’acquisizione di consenso consapevole. Occorrerà, quando il protocollo verrà effettivamente attivato, dare un doppio consenso per l’attivazione del servizio: un primo click servirà a registrare il consenso (come accade già oggi), ma questo dovrà essere obbligatoriamente seguito da un secondo click su una seconda schermata che servirà a confermare la volontà di acquisto del servizio premium con relativo addebito sul conto residuo del telefono.

Il secondo step è invece di tipo informativo: si tratta di un numero verde di Customer Care che servirà a informare l’utente dei servizi a pagamento attivi sul suo numero telefonico. Il numero,  gratuito e attivo 24 ore su 24, è 800.44.22.99, dal quale sarà possibile – oltre ad avere informazioni – anche disattivare i servizi non richiesti e non desiderati. Oltre a tutto questo sarà prevista anche l’attivazione di un call center che fornisca assistenza per mezzo di un operatore, un servizio questa volta (presumibilmente) attivo dalle 9.00 alle 21.oo.

Come difendersi dai VAS?

Intanto che si aspettano novità da parte dell’AgCom, vediamo come – ad oggi – è possibile difendersi dai servizi premium non richiesti.

Prima di tutto: prendere le giuste precauzioni. Sembrerà banale, ma il modo più semplice per non incappare nell’attivazione di questo genere di servizi è navigare tramite wifi. Questo sistema permette di evitare di fare la richiesta di connessione al DNS del fornitore mobile, saltando così a piè pari il rischio che questo devi tale richiesta verso un indirizzo IP diverso rispetto a quello richiesto e a pagamento (il cosiddetto “redirect”).

Chiaro che il wifi non è una strada sempre percorribile. Un altro modo per “difendersi” dai VAS è quello di annotarsi gli indirizzi dei siti a pagamento che si incontrano nel tempo o di cui si viene a conoscenza e inserirli nella cosiddetta “Blacklist“, ossia la lista nera dei siti bloccati (raggiungibile nelle impostazioni di navigazione del proprio smartphone).

Anche utilizzare la modalità desktop sul cellulare può essere un modo per ingannare i servizi premium degli operatori mobile. Si tratta di servizi creati ad hoc per chi naviga tramite smartphone: utilizzando la versione desktop dei siti non dovrebbe aver luogo il reindirizzamento. Ma anche questa strada non è sempre percorribile: non tutti i siti permettono la visualizzazione non responsive.

Rimediare all’attivazione

Se proprio – per sfortuna – si incappa in un abbonamento premium, la prima cosa da fare è adoperarsi per la disattivazione del servizio. In alcuni casi ce la si cava con semplicità, ossia è sufficiente rispondere al messaggio di conferma attivazione con un SMS con scritto “stop”; oppure cliccare sul link contenuto sempre nel messaggino ricevuto e che serve proprio per la disattivazione.

Ma talvolta questa strada non basta e il servizio resta attivo. In questo caso è necessario contattare il servizio clienti della propria compagnia telefonica e richiedere la disattivazione dei servizi in abbonamento direttamente a un operatore.

Commenti Facebook: