Bollette luce: il costo dei consumi reali incide solo fino al 38%

I consumi di elettricità incidono sulla bolletta solo per una percentuale pari al 37% del prezzo finale. Questo dato viene confermato dal recente osservatorio di SOStariffe.it. Il portale di comparazione di offerte, analizzando le migliori soluzioni presenti sul mercato, ha stimato l'incidenza dei consumi sul prezzo finale delle bollette dell'energia elettrica per tre differenti profili di cliente "tipo" (single, coppia e famiglia).

Bollette luce: il costo dei consumi reali incide solo fino al 38%

Tutte le volte che si riceve una nuova bolletta dell’energia elettrica con un importo superiore alle aspettative, si pensa subito all’impatto che i consumi energetici hanno avuto su tale importo. Sicuramente si tratta di un fattore che gioca un ruolo importante sull’importo complessivo delle bollette dell’energia elettrica.

Come evidenziato dall’ultimo osservatorio di SOStariffe.it, la materia prima energia, ovvero la voce di spesa che in bolletta indica il costo dell’energia elettrica utilizzata, incide in media solo per il 37,17% sull’importo finale della bolletta. In sostanza, poco più di un terzo dell’importo di una bolletta dell’energia elettrica è legato al consumo effettivamente registrato.

La restante parte, infatti, è legata ai costi di trasporto e di gestione del contatore, agli oneri di sistema e, infine, all’IVA e alle altre imposte applicate sulle bollette. A completare i fattori che incidono sull’importo finale della bolletta dell’energia elettrica c’è il canone RAI, che comporta una spesa extra di 18 Euro a bimestre per i primi 10 mesi dell’anno (l’indagine non considera l’impatto del canone RAI per i calcoli sulle bollette).

Lo studio di SOStariffe.it ha stimato l’incidenza della componente energia sull’importo delle fatture dell’energia elettrica andando a considerare tre diversi “clienti tipo” (residenti a Milano e con potenza impegnata di 3 kW):

  • Single: consumo annuo di 1400 kWh
  • Coppia: consumo annuo di 2400 kWh
  • Famiglia di quattro componenti: consumo annuo di 3400 kWh

La tabella qui di sotto va a riassumere i dati raccolti dallo studio, evidenziando l’effettivo impatto dei consumi di energia elettrica sulla bolletta.

Le altre voci di spesa pesano più dei consumi

Lo studio di SOStariffe.it ha preso in considerazione il caso di un contatore della luce collocato a Milano e con potenza impegnata pari a 3 kW. Per i tre profili di “cliente tipo” individuati (single, coppia e famiglia) sono poi stati calcolati gli importi delle bollette, in base alle tariffe del mercato libero, e la loro suddivisione tra le varie voci di spesa. L’indagine è stata effettuata grazie grazie al comparatore offerte luce.

In media, la materia prima energia incide solo per il 37,12% sull’importo complessivo della bolletta dell’energia elettrica. Il restante 68,22% viene, quindi, suddiviso tra i vari elementi che compongono la bolletta stessa (trasporto e gestione contatore, oneri di sistema, IVA e imposte) oltre al canone RAI, non computato nei calcoli dello studio.

Il caso di un single: su 290 euro di bolletta, 111 euro di consumi effettivi

Il primo caso analizzato dallo studio di SOStariffe.it è quello del single. Questo cliente registra una bolletta media di 290,66 Euro all’anno per la fornitura di energia elettrica. Il consumo effettivo dell’elettricità si traduce in una spesa media per la materia prima energia pari a 110,99 Euro, ovvero il 38,19% del totale.

La restante parte dell’importo della bolletta è legata alle altre voci. Le spese per trasporto e gestione del contatore ammontano a 94,70 Euro, ovvero il 32,58% del totale, mentre gli oneri di sistema sono pari al 58,54 euro, circa il 20,14% del totale. A completare l’importo della bolletta del singole arrivano le imposte e l’IVA che, complessivamente, incido per poco più del 9%, con una spesa totale di 26 Euro.

Coppie: fattura media di 407 euro, di cui ben 103 di gestione contatore

Sulla stessa linea del single troviamo il cliente “tipo” rappresentato da una coppia. La bolletta dell’energia elettrica per questo profilo di consumo risulta essere pari a 407,83 Euro. Solo il 37,7%, ovvero circa 153 Euro, del totale fatturato in un anno è legato ai consumi effettivamente registrati di energia elettrica.

Sulla bolletta incide per oltre il 25% anche la voce rappresentata dai costi di trasporto e gestione del contatore, pari complessivamente a 103,03 Euro, e dagli oneri di sistema, pari a 100 Euro, ovvero il 24,6% del totale. Per le coppie, inoltre, l’importo di IVA e imposte risulta essere pari a 50,70 Euro, ovvero il 12.43% del totale.

Famiglia: su 553 euro di bolletta, solo 196 di energia elettrica consumata

Il terzo caso preso in esame è quello del nucleo familiare composto da quattro componenti. Lo studio di SOStariffe.it ha rilevato una spesa annuale per questo profilo di 553,96 Euro. In questo caso, l’incidenza dei consumi di elettricità sul totale fatturato è leggermente inferiore e risulta essere pari al 35,47%, ovvero a circa 196 Euro.

I costi di trasporto e gestione del contatore raggiungono un importo di 111,36 Euro con un’incidenza sul totale di poco superiore al 20%. Per quanto riguarda gli oneri di sistema, invece, la spesa è di 142 Euro con un’incidenza del 25,67%. IVA e imposte, infine, presentano un valore complessivo di 103,93 Euro con un’incidenza del 18,76%.

Risparmiare con l’uso di un comparatore

Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando si valutano gli importi delle bollette dell’energia elettrica è legato ai margini a disposizione per poter risparmiare. Fattori come gli oneri di sistema, i costi di trasporto dell’energia e di gestione del contatore, oltre che le imposte, sono tutte voci di costo che non possono essere abbattute.

Per tenere sotto controllo l’importo effettivo della bolletta dell’energia elettrica è necessario puntare su fornitori che propongono un prezzo della materia prima che sia il più basso possibile. La scelta della tariffa diventa, quindi, un elemento principale, al pari dell’efficienza energetica e della riduzione degli sprechi, per poter risparmiare.

Per individuare le migliori tariffe luce disponibili sul mercato è possibile ricorrere all’utilizzo del comparatore di SOStariffe.it per offerte luce oppure all’App di SOStariffe.it, disponibile su dispositivi Android ed iOS. Inserendo (o stimando con un apposito tool) il proprio consumo energetico annuo, sarà possibile ottenere delle informazioni precise in merito alle tariffe più convenienti da attivare.

Commenti Facebook: