Quando deve essere rilasciato l'attestato di rischio?


L’attestato di rischio è un documento valido 5 anni, emesso dalle compagnie di assicurazioni auto e moto con l’approssimarsi della scadenza annuale Rca.

Si tratta di un documento molto rilevante, perché in esso viene indicato il numero di sinistri denunciati negli ultimi 5 anni assicurativi da chi ha sottoscritto un contratto per l’assicurazione obbligatoria sui veicoli a motore.

A cosa serve l'attestato di rischio?

Prima di sapere quando viene rilasciato è essenziale conoscere la funzione principale di questo documento.

Nell’attestato di rischio è indicata la classe di merito raggiunta dall’assicurato, che determina l’aumento o la diminuzione della tariffa assicurativa per l’anno assicurativo successivo, in base al sistema Bonus Malus.

Il ruolo dell’attestato di rischio nella assicurazioni dunque, è quello di informare le altre imprese (in caso di cambio compagnia Rc auto) sul grado di rischio, di sinistrosità –o di virtuosità- dell’assicurato.

Quando deve essere rilasciato l’attestato di rischio?

L’assicurato ha diritto a ricevere il documento almeno 30 giorni prima della scadenza dell’assicurazione.

Questo documento deve contenere l’indicazione della compagnia, la firma dell’assicuratore, il nome del contraente, il numero della polizza, la tariffa e la data di scadenza della polizza, nonché gli elementi strettamente inerenti la sua funzione, cioè la classe di merito raggiunta e il numero di sinistri denunciati negli ultimi 5 anni.

Le modalità di rilascio dell’attestato di rischio sono cambiate con l’entrata in vigore del D.lgs 209/2005. Il base al regolamento IVASS n° 9/2015, per i contratti Rca in scadenza dal 1° luglio 2015, l’invio dell’attestato non è più cartaceo, ma telematico.

In virtù delle novità legislative non è più onere del cliente consegnare il documento alla nuova compagnia, perché la versione elettronica è disponibile presso una banca dati detenuta dall’IVASS, dalla quale le compagnie ottengono le informazioni necessarie alla formulazione della nuova tariffa per l'assicurazione auto o moto.

Confronta Preventivi RC Auto »Vai

In ogni caso l’assicurato può controllare contenuto e dettagli dell’attestato di rischio accedendo all’area clienti online della compagnia, dove il documento viene reso disponibile almeno 30 giorni prima della scadenza annuale Rca.

Se la polizza è stata stipulata con assicurazioni tradizionali (non online) l’interessato può contattare il Servizio Clienti dell’impresa e richiedere l’invio telematico a mezzo email, oppure, fare richiesta di una copia cartacea.

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi, 7 novembre: i prezzi e cosa dice la legge

Quanti pensavano di avere ancora fino al 6 Marzo 2020 per adeguarsi all’obbligo dei seggiolini antiabbandono hanno avuto una brutta sorpresa. Il Ministero dell’Interno ha infatti entrare in vigore l’obbligo dal 7 Novembre. La novità ha colto di sorpresa sia gli automobilisti che i produttori dei dispositivi. C'è stata una corsa all'acquisto che ha fatto crescere i prezzi dei dispositivi

Costo Auto 2019: aumentano del 6,58% le spese per RC, carburante, bollo e revisione

Mantenere un'auto costa, in media, 1614 Euro all'anno agli automobilisti italiani con veri e propri picchi in Campania, dove si supera quota 2 mila Euro all'anno di spese per il mantenimento. Rispetto allo scorso anno, inoltre, i prezzi di gestione sono aumentati in quasi tutte le regioni italiane con un incremento medio del +6.58%. Questi sono i principali risultati dell'ultimo Osservatorio di SosTariffe.it che ha preso in esame tutti i costi, fissi e variabili, che gli automobilisti devono affrontare per il proprio veicolo in tutte le regioni del Paese. Ecco i risultati dello studio. 

Conti Correnti e tassi negativi: 6 consigli per evitarli

Una realtà già adottata all’estero da alcune banche danesi, tedesche e svizzere, i tassi negativi vedranno applicazione anche nel nostro Paese, a partire dal prossimo anno. Come funzionano di preciso i tassi negativi e quali sono le conseguenze sui conti correnti dei risparmiatori italiani, da sempre abituati a mettere da parte i propri soldi nello strumento finanziario del conto corrente? Ecco a cosa bisogna prestare attenzione e quali sono i motivi per i quali si potrebbe cercare una soluzione alternativa.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

Guide