Diritto di ripensamento assicurazioni: quanto tempo e come esercitarlo?

Il mercato assicurativo è competitivo e la voglia di assicurarsi una polizza vantaggiosa è un priorità per il guidatore, per questo esiste la possibilità di tornare sui propri passi. Il diritto di ripensamento, infatti, è valido per i 14 giorni successivi alla filma del contratto.

Con l’avvento delle assicurazioni auto, moto, vita e casa online è diventato sempre più importante conoscere le modalità di esercizio del diritto al ripensamento per le assicurazioni. 

Le polizze online, infatti, realizzano un contratto a distanza fra assicuratore e compagnia, una modalità di vendita nuova sul panorama assicurativo, più snella e veloce, regolata comunque da norme a tutela del consumatore.

Dopo aver acquistato una polizza, quanto tempo ho per ripensarci? Questa è la domanda più frequente quando si conclude un contratto di assicurazione online.

La vendita di assicurazioni web, infatti, avviene in tempi brevissimi: si mettono a confronto i preventivi moto o auto, si scopre l’offerta migliore e si acquista in un click.

Il diritto al ripensamento per assicurazioni (o di recesso unilaterale) nei contratti assicurativi stipulato a distanza è di 14 giorni, un termine che decorre dalla stipula del contratto, oppure, dalla ricezione del fascicolo informativo sul prodotto.

Le leggi che regolano il diritto di ripensamento assicurazione sono il D.lgs 385/93 e il più recente Decreto 21/2014, che disciplinano aspetti importantissimi dei rapporti fra cliente e compagnia.

Le norme infatti, oltre a stabilire il termine di 14 giorni, affermano che, in ogni caso, il cliente ha diritto di recedere entro 1 anno dal momento in cui viene informato.

Ciò significa che se trascorsi i 14 giorni dalla firma del contratto non si è ricevuto il fascicolo informativo, il consumatore ha 12 mesi per richiederlo, consultarlo, ed eventualmente recedere senza spese né penali.

È importante sapere tuttavia che per alcuni tipi di polizze vigono termini specifici.

Per le assicurazioni vita, ad esempio, il termine del diritto di ripensamento è fissato a 30 giorni e decorre dal momento in cui il contratto viene accettato dalla compagnia, mentre per le assicurazioni di durata inferiore a 6 mesi non esiste diritto di recesso (l’esempio è quello delle polizze viaggio).

Cosa fare per esercitare il diritto di ripensamento?

Per esercitare il ripensamento basta inviare una raccomandata a/r alla compagnia assicurativa contenente la volontà di recedere dal contratto, il certificato di assicurazione ricevuto dalla compagnia e la Carta Verde. Per i contratti stipulati online è possibile trovare sul portale della compagnia tutte le indicazioni per procedere.

Domande correlate