Cosa succede se non pago una multa?


Gli automobilisti che si vedono arrivare una multa a casa, hanno sicuramente commesso una violazione del Codice della Strada. Sono in molti quelli che fanno di tutto per pagare il prima possibile, in modo tale da non dover subire conseguenze per il ritardo o per il mancato pagamento della multa.

multa non pagata cosa succede

Ci sono casi in cui per mancanza di liquidità immediata o per dimenticanza, si finisce con l’essere insolventi. Cosa succede se non si paga una multa? È prevista una sanzione amministrativa? Qual è il relativo termine di prescrizione? Vediamo di seguito cosa è riportato nel Codice della Strada e gli effetti sulla propria patente

Cosa succede se non pago una multa

Nel momento in cui si riceve una multa, se la si paga entro 5 giorni si ha diritto a una riduzione dell’importo da pagare, pari al 30%.

In ogni caso, la multa deve essere pagata in base alle disposizioni vigenti entro 60 giorni dal momento in cui è stata notificata, quindi da quando è arrivata.

Se si ritiene di essere in diritto di non dover pagare la multa, è possibile fare ricorso:

  • al giudice, entro 30 giorni di tempo dalla notifica;

  • al Prefetto, entro 60 giorni di tempo.

Si ricorda che l’amministrazione è tenuta a inviare la multa al contravventore entro 90 giorni di tempo: trascorso il termine previsto, in caso di ricezione della multa il destinatario ha il diritto di non pagarla.

Cosa succede se non pago una multa dopo 60 giorni?

Cosa succede nel caso in cui non si dovesse pagare la multa? Si riceverà una cartella esattoriale da parte di un ente creditore, ovvero l’Agenzia delle Entrate Riscossione, nel quale l’importo da pagare sarà maggiorato dei relativi interessi e sanzioni: nella pratica, la multa che non è stata pagata potrebbe arrivare a costare il doppio.

L’importo verrà incrementato del 10% ogni 6 mesi di mancato pagamento, in base a quello che prende il nome di “maggiorazione semestrale del 10%”.

Facciamo un esempio:

  • supponiamo di aver ricevuto una multa da 80 euro;

  • se la paghiamo entro 5 giorni, avremo diritto allo sconto del 30%, quindi alla fine dovremmo pagare 56 euro;

  • se dovessero passare più di 60 giorni, l’importo sarà maggiorato del 10%, quindi si dovrebbero pagare 88 euro, destinati ad aumentare ogni 6 mesi di un altro 10%.

Nel caso in cui non si dovesse essere in casa nel momento in cui il postino consegna la multa, verrà lasciato un avviso di giacenza indicante l’ufficio postale e gli orari nei quali sarà possibile andare a ritirarla.

Una volta trascorsi 10 giorni di giacenza, la multa sarà considerata come effettivamente ricevuta dal destinatario – anche se in pratica non l’ha ancora avuta tra le mani – e i termini per fare ricorso inizieranno dunque a decorrere.

Multa non pagate: conseguenze

Oltre alle sanzioni e agli interessi da versare nel momento in cui non si paga una multa per un periodo superiore a 60 giorni, ci sono altre conseguenze, che sono anche ben più gravi della sanzione amministrativa.

Dopo la ricezione della cartella esattoriale, se il destinatario continua a non pagare riceverà un sollecito di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione nel quale viene ricordato l’importo da pagare, assieme agli interessi di mora e alla sanzione applicata.

Trascorsi 60 giorni dall’invio del sollecito, l’ente creditore avrà il diritto di agire tramite il fermo dell’auto del contravventore: attraverso il fermo dell’auto sarà quindi imposto il divieto di circolare per strada. Il fermo deve essere notificato con un preavviso di almeno 30 giorni.

L’automobilista potrà riottenere il diritto di circolare:

  • provvedendo al pagamento della multa;

  • se riesce a dimostrare che il mezzo gli risulta indispensabile per lo svolgimento della sua attività lavorativa.

In altri casi, l’amministrazione può riuscire a recuperare i soldi della multa attraverso il pignoramento dello stipendio o della pensione dell’automobilista.

Cosa succede se non pago una multa all’estero

L’Unione europea è alle prese con la realizzazione di una normativa comunitaria che permetta di unificare il tema sicurezza stradale. Il 18 maggio del 2016, con l’introduzione della circolare prot. n. 11750 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato previsto lo scambio dei dati relativi alle immatricolazioni dei veicoli tra i vari Stati membri.

La multa presa all’estero deve essere pagata, altrimenti si incorre in gravi conseguenze che variano in relazione al singolo Stato. Per esempio, se non si paga una multa presa in Germania, nel momento in cui si decidesse di rientrare nel Paese, si rischierebbe l’arresto.

Nel caso si volesse fare ricorso verso multe prese in qualsiasi altro Paese Ue, non si deve presentare ricorso in Italia, ma alle autorità del Paese nel quale la multa è stata effettivamente presa.

Quando va in prescrizione una multa?

Abbiamo detto che le multe devono essere pagate entro un termine massimo di 60 giorni se non si vuole incorrere in sanzioni e interessi di mora e che comporta una riduzione del 30% se pagata entro 5 giorni di tempo.

Le multe non pagate vanno in prescrizione dopo 5 anni dalla ricezione della cartella di pagamento ricevuta dell’Agenzia delle entrate: una volta trascorso questo periodo di tempo, chi ha commesso l’infrazione e ricevuto la multa, non è più tenuto a pagare il suo debito.

Gli atti unici che interrompono la prescrizione di una multa sono:

  • il fermo amministrativo;

  • il pignoramento;

  • l’intimazione ad adempiere.

Incentivi auto ottobre 2020: tutte le agevolazioni del mese e su quali modelli

Il 2020 è stato sicuramente un anno diverso dal solito per il settore auto, ma le politiche di rilancio del mercato non si sono fatte mancare, con l’introduzione di diverse tipologie di contributi. Ecco quali sono gli incentivi auto disponibili nel mese di ottobre 2020 e quali i modelli sui quali saranno applicate le agevolazioni. 

Bonus riparazione auto: tutto sui 500 euro per la manutenzione dell'auto

Un nuovo incentivo per gli automobilisti, la proposta è di creare un bonus da 500 euro. Questo incentivo è destinato a riparazioni e alle operazioni di manutenzione dei veicoli per quei cittadini che non possono acquistare un'auto nuova. Il bonus sarà riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale, ecco cosa si sa finora di questo contributo

Assicurazione Auto e Furto: la diffusione in Italia

Tra le garanzie accessorie più richieste in fase di sottoscrizione di una nuova polizza RC Auto troviamo, senza dubbio, l'assicurazione per il furto dell'auto. Tale copertura garantisce un risarcimento in caso di furto del proprio veicolo assicurato. SOStariffe.it, analizzando i preventivi rilasciati negli ultimi 12 mesi, ha realizzato una classifica delle auto più assicurate per furto e delle regioni dove tale copertura è più richiesta. Lo studio ha anche valutato l'effetto del lockdown sulle richieste di questa garanzia.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »