Bonus Facciate 2021, sconto in fattura: come ottenerlo


Il bonus facciate è una misura che si rivolge non solo alle persone fisiche, ma anche ai professionisti e alle imprese per la riqualificazione delle facciate di edifici già esistenti che si trovano in zona urbanistica A, B e nella zone ad esse assimilabili. 

Bonus facciata 2021

Vediamo di seguito quali sono i requisiti per i quali è possibile farne richiesta e come funziona l’applicazione dello sconto in fattura

La proroga del bonus facciate

Il bonus facciate è una misura che era già in vigore nella legge di Bilancio 2020: è stato prorogata nella legge 178/2020, art. 1, comma 59, ovvero la legge di Bilancio 2021, nella quale è stato confermata la detrazione al 90% per riqualificare le facciate di edifici già esistenti.

Il bonus può essere richiesto, anche per il 2021, da:

  • persone fisiche;
  • enti pubblici e privati, commerciali e non commerciali;
  • società semplici;
  • associazioni tra professionisti;
  • società di persone e società di capitali che siano in possesso dell’immobile sul quale si vuole effettuare l’intervento sulla facciata. 

Chi può usufruirne

Potranno avere accesso al bonus facciate tutti quei soggetti che sosterranno le relative spese di riqualificazione, le quali dovranno essere documentate tramite fatture e bonifici.

In particolare, si tratta di:

  • familiare convivente del proprietario o del detentore dell’edificio sul quale saranno eseguiti i lavori, che potrà essere per esempio il coniuge, i parenti entro il terzo grado o gli affini entro il secondo grado;
  • coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • componente dell’unione civile;
  • convivente more uxorio, anche se non è proprietario dell’edificio o titolare di un contratto di comodato.

In aggiunta lo sconto per i lavori sulla facciata spetta anche al promissario acquirente dell'immobile oggetto di intervento, ma a patto che sia stato stipulato un contratto preliminare di vendita regolarmente registrato, e a chi esegue i lavori in proprio limitatamente all’acquisto dei materiali utilizzati.

Quali sono gli interventi sui quali si applica il bonus facciate

Il bonus facciate è valido sugli interventi atti a restaurare o recuperare la facciata esterna:

  • di edifici esistenti;
  • di parti di edifici esistenti;
  • di unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, compresi quelli strumentali. 

Per questa tipologia di bonus non sono previsti limiti massimi di spesa: tuttavia, è bene ricordare che è valida soltanto sull’involucro esterno visibile degli edifici, ovvero sul suo intero perimetro esterno. In più, è applicabile anche sugli interventi riguardanti le facciate laterali, ma solo nel caso in cui siano visibili dalla strada. 

Scendendo maggiormente nel dettaglio, il bonus facciate potrà essere richiesto per gli interventi di:

  • sola pulitura o tinteggiatura esterna sulle strutture opache della facciata;
  • sola pulitura o tinteggiatura di balconi, ornamenti o fregi;
  • consolidamento, ripristino o rinnovo degli elementi costitutivi di balconi, ornamenti e fregi;

Vi rientrano anche i lavori su grondaie, pluviali, parapetti e cornici, quelli necessari a sistemare le parti impiantistiche presenti sulla parte opaca della facciata e quelli sulle parti influenti dal punto di vista termico e che coinvolgano il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio. 

Quali sono gli interventi esclusi

Non sarà possibile utilizzare il bonus facciate:

  • in primo luogo, per gli interventi riguardanti le facciate interne dell’edificio, tranne nei casi in cui siano visibili dalla strada o dal suolo a uso pubblico;
  • per i lavori sulle superfici che confinano con chiostrine, cavedi, cortili e spazi interni, tranne nei casi in cui siano visibili dalla strada o dal suolo a uso pubblico;
  • per il rifacimento di terrazzi e lastrici solari. 

Sono esclusi anche le spese sostenute per la riverniciatura di scuri e persiane, di pulitura e tinteggiature del muro di cinta e tutti i possibili interventi che potrebbero rientrare nella detrazione relativa al recupero del patrimonio edilizio. 

Come usufruire del bonus facciate

Il bonus facciate potrà essere richiesto in tre modi differenti:

  • come sconto in fattura;
  • come cessione del credito;
  • come detrazione d’imposta, che sarà ripartita in 10 quote annuali di pari importo da indicare in fase di dichiarazione dei redditi. 

Per poter usufruire del bonus facciate tramite detrazione è molto importante che i pagamenti delle spese siano effettuati tramite bonifico bancario o postale, sul quale dovrà essere riportato il codice fiscale della persona che beneficia della detrazione, e il numero di partita IVA o il codice fiscale di chi riceve il bonifico. 

In assenza di bonifico, si potrà usufruire del bonus facciate solo nel caso in cui sia possibile effettuare la ritenuta d’acconto. L’obbligo di pagamento tramite bonifico non è, invece, valido per i titolari di reddito d’impresa. 

Cosa cambia tra lo sconto in fattura e la cessione del credito

Sulla base di quanto previsto dall’articolo 121, comma 1 del Decreto Rilancio, oltre alla detrazione fiscale, il bonus facciate si potrà ricevere tramite lo sconto diretto in fattura, oppure tramite la cessione del credito. 

Nel primo caso, il bonus consisterà in un vero e proprio sconto che sarà applicato sul corrispettivo dovuto: lo sconto sarà poi recuperato dal fornitore sotto forma di credito d’imposta, che potrà essere ceduto a soggetti terzi, compresi gli istituti di credito e altri intermediari finanziari. 

In alternativa, si potrà scegliere direttamente la cessione del credito d’imposta. Cosa cambia, nel concreto, per il beneficiario del bonus? La risposta è molto semplice: nel caso dello sconto in fattura, è l’impresa che si occuperà di portare a termine i lavori che anticiperà la spesa detraibile

Tale impresa potrà poi cedere il proprio credito ad altri. Nel caso della cessione del credito, invece, si potrà cedere il proprio credito direttamente a terzi, senza dover passare da intermediari, quali possono essere, nel caso specifico, le imprese edili  e i fornitori. 

Quando scegliere lo sconto in fattura

Lo sconto in fattura potrà essere utilizzato anche dai soggetti incapienti, ovvero da coloro i quali non devono presentare la dichiarazione dei redditi, o che versano importi esigui di imposte IRPEF. 

Nell’ipotesi in cui vengano realizzati degli interventi sulla facciata di un immobile che appartiene a più persone, quale può essere un condominio, ogni soggetto che sta partecipando ai lavori sostenendone le spese potrà scegliere se optare per lo sconto in fattura o approfittare delle altre opzioni disponibili per poter avere accesso al bonus facciate. 

Qualora si scelga la detrazione fiscale, il pagamento deve essere effettuato tramite bonifico parlante. Nel caso in cui, invece, si decidesse di usufruire dello sconto in fattura o della cessione del credito, andrebbe bene anche il bonifico standard

Non ci sono delle regole per le quali conviene scegliere lo sconto in fattura invece della cessione del credito o della detrazione fiscale: ogni persona avrà la libertà e la flessibilità di poter beneficiare del metodo che si adatta meglio alle proprie esigenze. 

Differenza tra bonifico parlante e bonifico standard

A questo proposito, potrebbe essere utile una breve parentesi che illustri la differenza esistente tra un bonifico parlante e un bonifico standard. Come si potrà facilmente intuire dalla denominazione, il bonifico parlante ha qualcosa in più rispetto a quello ordinario. 

Per fare un bonifico sono infatti di solito richiesti il nome, il cognome e l’indirizzo del destinatario, il codice IBAN e la causale, ovvero il motivo per il quale si stanno trasferendo dei soldi a un’altra persona. 

Nel caso del bonifico parlante, invece, sarà necessario indicare alcune informazioni aggiuntive, tra le quali troviamo il codice fiscale del beneficiario, il codice fiscale o la partita IVA di chi ha eseguito i lavori, la norma che regola l’agevolazione della quale si vuole beneficiare, che dovrà essere inserita nella causale. 

Nella tabella che segue sono state riassunte le principali differenze esistenti. 

Bonifico Standard

Bonifico parlante

Nome, cognome e indirizzo del beneficiario

Nome, cognome e indirizzo del beneficiario

IBAN del beneficiario

IBAN del beneficiario

Causale con la motivazione del bonifico

Causale con la motivazione del bonifico e la norma di riferimento dell’agevolazione della quale si vuole beneficiare

 

Codice fiscale del beneficiario della detrazione

Codice fiscale o partita IVA di chi ha eseguito i lavori

Quale periodo copre lo sconto in fattura?

Sulla base di quanto stabilito all’interno del Decreto Rilancio, lo sconto in fattura sarà valido per le spese che sono state sostenute nel periodo compreso tra luglio del 2020 e il 30 giugno del 2022

Nella pratica, si dovrebbe fare riferimento al criterio di cassa, ovvero non si dovrà tenere in considerazione quando sono iniziati i lavori, ma quella che è la data nella quale si pagheranno gli interventi effettuati sulla facciata del proprio edificio. 

Questa regola, però, è applicabile soltanto ai privati. Nel caso di imprese individuali, società ed enti commerciali, invece, si dovrà prendere in considerazione il criterio di competenza, ovvero farà fede la data di fine dei lavori, a prescindere da quando siano iniziati e dalla data dei pagamenti (ai sensi della circolare n. 2/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate). 

Come trovare un professionista per usufruire dello sconto in fattura

La scelta del professionista che dovrà occuparsi dei lavori alla facciata del proprio edificio è un passaggio di non poco conto, in quanto dovrà occuparsi anche di redigere le varie pratiche edilizie, energetiche, strutturali e tecniche (le quali dovranno essere inviate obbligatoriamente a ENEA). 

In particolare, si dovranno dichiarare gli interventi specifici che sono stati effettuati e verificare che siano compatibili con i lavori amessi nel bonus facciate, oppure no. Quando si richiede lo sconto in fattura, inoltre, si dovrà essere in possesso di un visto di conformità che potrà essere rilasciato da un commercialista, da un consulente del lavoro o da un esperto contabile. 

Questo documento servirà a controllare che il tecnico al quale sono stati affidati i lavori abbia prodotto tutte le asseverazioni e le attestazioni necessarie per portare a termine gli interventi relativi alla facciata, tra i quali rientra anche la polizza assicurativa obbligatoria. 

In assenza di tali documenti non solo si andrebbe incontro a delle sanzioni, ma si perderebbe anche il diritto di poter usufruire del bonus facciata. Come si ottiene, nella pratica, lo sconto in fattura?

Sarà necessario inviare una comunicazione all’Agenzia delle Entrate: lo sconto sarà applicato direttamente dal professionista scelto per l’esecuzione dei lavori, che lo potrà recuperare sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione tramite modello F24. 

In quali altri casi sarà possibile richiedere lo sconto in fattura

Oltre al bonus facciate, ci sono altre misure attualmente in vigore per le quali sarà possibile richiedere lo sconto in fattura. 

Si tratta di:

  • bonus ristrutturazioni;
  • ecobonus 110%;
  • ecobonus 50% e 65%:
  • sismabonus;
  • sostituzione o nuova installazione di impianti fotovoltaici;
  • realizzazione di colonnine per la ricarica di auto elettriche. 

Come richiedere il Bonus Condizionatori a Giugno 2021?

Il Bonus Condizionatori è un'importante opportunità di risparmio sull'acquisto di un nuovo sistema di raffrescamento di casa. Tale bonus consistente in una detrazione fiscale sull'importo pagato dal contribuente per l'acquisto di un nuovo condizionatore. La normativa consente di accedere ad una detrazione fiscale al 50% o al 65% in base alla tipologia di intervento realizzato. Da notare che c'è anche la possibilità di accedere al Superbonus al 110% nel caso in cui l'acquisto e l'installazione del nuovo condizionatore avvenga in parallelo alla realizzazione di specifici lavori di riqualificazione energetica dell'immobile. Ecco, quindi, come richiedere il Bonus Condizionatori a giugno 2021.

Bonus condizionatore 2021: come ottenerlo senza ristrutturare casa

Il Bonus Condizionatore 2021 è un'importante agevolazione che consente di ottenere una detrazione fiscale, fino al 65% dell'importo speso, sull'installazione di un nuovo impianto di raffreddamento domestico, anche in caso di sostituzione di un impianto già esistente e caratterizzato da un consumo energetico maggiore. Per accedere al Bonus Condizionatore 2021 non è necessario effettuare ulteriori investimenti in quanto l'agevolazione viene concessa anche senza ristrutturare casa grazie alla normativa prevista dall'Ecobonus 2021. In base alla tipologia di intervento realizzata in casa sarà possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% o del 65%.

Quali sono le detrazioni fiscali 2021 per condizionatori?

Con l'estate oramai alle porte, si avvicinano le giornate di caldo intenso e diventa necessario accendere il condizionatori. Chi non ha ancora questo tipo di elettrodomestico, oppure ha la necessità di sostituirlo per puntare su di una soluzione più moderna ed efficiente, potrà contare sulle detrazioni fiscali per condizionatori disponibili per il 2021. A disposizione dei contribuenti italiani, infatti, ci sono svariate opzioni su cui puntare per ammortizzare la spesa per l'acquisto di uno o più condizionatori. Vediamo tutti i dettagli.