Rimodulazioni offerte Internet Casa: cambiando operatore si azzera l’aumento e si risparmiano 159 euro

Cambiare operatore è la soluzione migliore per difendersi dalle rimodulazioni degli abbonamenti Internet casa, una pratica molto diffusa dagli operatori che, periodicamente, vanno ad incrementare il canone mensile delle tariffe comportando un aumento netto delle spese che i clienti devono affrontare per accedere ad Internet ed utilizzare il telefono di casa. L’ultima indagine di SosTariffe.it ha evidenziato la possibilità di risparmiare sino a 159 Euro all’anno cambiando operatore ed evitando gli effetti negativi della rimodulazione. 

Per difendersi dalle rimodulazioni è necessario cambiare operatore

La rimodulazione delle tariffe è una pratica molto diffusa nel mercato di telefonia italiano, sia fisso che mobile. Per quanto riguarda il settore degli abbonamenti Internet casa, gli aumenti delle rimodulazioni contrattuali sono spesso molto elevati e comportano un forte incremento della spesa complessiva che gli utenti devono affrontare per accedere ad Internet ed utilizzare il telefono di casa.

Solitamente, gli operatori informano i loro clienti della rimodulazione contrattuale con un SMS oppure con una comunicazione in fattura. Quasi sempre le rimodulazioni comportano una variazione peggiorativa delle condizioni economiche che, in alcuni casi, può essere accompagnata anche dalla trasformazione di servizi gratuiti in servizi a pagamento.

L’ultimo Osservatorio di SosTariffe.it ha analizzato questo fenomeno evidenziano la soluzione migliore per difendersi dai rincari indiscriminati. Scegliendo di cambiare operatore per attivare una delle migliori offerte Internet casa del momento è possibile risparmiare sino a 13 Euro al mese e, quindi, sino a 159 Euro in un anno. 

La tabella qui di seguito riassume i risultati emersi dall’indagine di SosTariffe.it evidenziando la convenienza di cambiare operatore andando ad attivare una delle offerte riservate ai nuovi clienti attualmente disponibili sul mercato.

Gli aumenti applicati ai vecchi clienti

L’Osservatorio di SosTariffe.it, a seguito di un’indagine condotta nell’ottobre del 2019, ha evidenziato che nel corso del biennio 2018-2019 i canoni dei “vecchi clienti” hanno registrato una rimodulazione media di circa 2,32 Euro al mese. Questo dato si traduce in un rincaro annuale medio di 27,87 Euro. Per “vecchi clienti” si intendono tutti gli utenti che avevano aderito a tariffe Internet fisso, oggi non più in promozione, almeno tre anni fa.

Secondo i dati raccolti dallo studio, la spesa media di questi clienti prima della rimodulazione tariffaria era di 38,22 Euro al mese. Il costo annuo della connessione domestica era quindi pari a 459,96 Euro. Dopo le rimodulazioni, i “vecchi clienti” hanno dovuto fare i conti con un canone mensile medio pari a 40,65 Euro che si traduce in una spesa annuale per l’abbonamento Internet casa pari a 487,83 Euro.

L’infedeltà aiuta a risparmiare: fino al 32,69% in meno cambiando provider

Per poter risparmiare sui costi dell’abbonamento Internet casa è necessario sfruttare le offerte per i nuovi clienti. Sulla base dei dati raccolti nel corso del mese di ottobre 2019, infatti, il canone medio attuale delle offerte per nuovi clienti è di 27,36 Euro al mese. Questo dato si traduce in una spesa annuale media pari a 328,34 Euro.

I “vecchi clienti” che scelgono di cambiare operatore, passando ad una nuova offerta con condizioni nettamente migliori , potranno risparmiare, in media, circa 13,29 Euro al mese. Il risparmio percentuale sarà, quindi, del 32,69%. Considerando una proiezione annuale, scegliendo le offerte per nuovi clienti è possibile ottenere un risparmio annuale di 159,49 Euro. 

Ricordiamo che, come previsto dalla normativa vigente, è possibile recedere dal contratto senza pagare costi di disattivazione o penali comunicando la volontà di esercitare il diritto di recesso al proprio operatore entro il giorno prima della data di avvio della modifica contrattuale.

Commenti Facebook: